Rottamazione cartelle, in arrivo 60 mila lettere dalle Entrate

Redazione 01/02/18
Scarica PDF Stampa
In arrivo 60mila lettere da parte dell’Agenzia delle Entrate ai contribuenti che hanno aderito alla rottamazione delle cartelle esattoriali ma non hanno provveduto al pagamento entro lo scorso 7 dicembre.

Dopo le lettere di compliance “preventive” del 2017 che invitano i contribuenti ad aderire alla sanatoria con sconti su sanzioni e interessi, ora l’Agenzia delle Entrate ha deciso di contattare anche chi, pur avendo richiesto di poter rottamare le proprie cartelle, non si è messo in regola con i pagamenti, anche dopo la proroga concessa dal decreto Fiscale, collegato alla Legge di Bilancio 2018.

Leggi anche Rottamazione cartelle, entro domani il pagamento delle rate scadute

Con questa nuova comunicazione l’Agenzia delle Entrate informa i contribuenti sull’ammontare del debito residuo e sulla la possibilità di saldare il debito con pagamenti rateali, 72 rate pari a 6 anni o addirittura 120 ovvero 10 anni, per casi di difficoltà economica, indicando le date delle nuove scadenze.

Un’ultima possibilità per aderire al piano di rateazione e mettersi a pari con i pagamenti, per evitare l’intervento dell’agente di riscossione con “misure forti”: ipoteche, pignoramenti di beni o di conti correnti.

Resta aggiornato con il nostro Speciale Rottamazione cartelle esattoriali

Ricordiamo che la rottamazione bis delle cartelle esattoriali prevedeva il coinvolgimento dei contribuenti con ruoli datati dal 1° gennaio al 30 settembre 2017 o con carichi affidati alla riscossione dal 2000 al 2016 per i quali non era stata presentata la domanda nella sanatoria precedente.  Inclusi anche coloro che erano stati scartati nella prima rottamazione , ma non erano in regola con tutti i requisiti.

Sull’argomento potrebbe interessare

Il pignoramento presso terzi

Strumento indispensabile per la risoluzione delle problematiche e criticità relative al pignoramento, la III edizione di questa Guida pratica esamina le fattispecie a formazione progressiva ovvero dei ruoli che assumono il terzo pignorato e il debitore esecutato e alcune fattispecie particolari quali i crediti futuri e/o condizionati, alla luce degli interventi che hanno recentemente rimodulato la disciplina sia sostanziale sia processuale del recupero del credito, soprattutto nell’ottica della celerità delle procedure esecutive e dell’introduzione di ulteriori strumenti stragiudiziali per rafforzare la tutela delle pretese creditorie nei confronti del debitore. Il testo è aggiornato con le più recenti novità legislative e giurisprudenziali, in particolare sulla forma di espropriazione rafforzata per il nuovo ente Agenzia delle Entrate-Riscossione, sui nuovi istituti del pegno non possessorio e del patto marciano e sulla disciplina processuale dell’espropriazione presso terzi, con modifiche significative in materia di pignoramento di pensioni e stipendi. Disponibili on line un ricco Formulario, in formato editabile per la personalizzazione e la stampa e la rassegna giurisprudenziale.Bruno Cirillo, Avvocato in Salerno, autore e coautore di diverse pubblicazioni giuridiche. 

Bruno Cirillo | 2018 Maggioli Editore

36.00 €  28.80 €

Redazione
Tag