Rimborso IVA 2016: come ottenerlo in via prioritaria. Chi sono i nuovi ammessi

Redazione 19/05/16
Scarica PDF Stampa
Con il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 29 aprile 2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 13 maggio, si permette ad alcune tipologie di aziende di poter accedere al rimborso prioritario dei crediti IVA, ossia entro 3 mesi dalla richiesta.

RIMBORSO IVA: COME OTTENERLO?

PER SAPERNE DI PIÙ SI CONSIGLIA LO SPECIALE SU IVA 2016: TUTTE LE NOVITÀ

Per quanto riguarda l’ottenimento dei rimborsi IVA, annuali e infra-annuali, potrà avvenire in via prioritaria per alcune tipologie di aziende, che vedranno recapitarsi il rimborso entro 3 mesi dalla data di presentazione della domanda di richiesta.

Si tratta dell’importante novità prevista dal nuovo decreto del MEF, decreto che fa riferimento alle richiesta relative al secondo trimestre dell’anno di imposta 2016 e, in maniera specifica, è a vantaggio dei soggetti che compiono attività di pulizia, demolizione ed installazione.

TROVI TUTTO NEL SEGUENTE VOLUME

L’IVA in edilizia 2016

Il volume affronta in modo operativo le problematiche relativealla gestione dell’IVA nel mondo dell’edilizia e degli immobili,sia nel settore pubblico che nel privato. Oltre al commento dellesingole fattispecie è presente, per maggiore supporto pratico,una sezione di casi risolti. L’esposizione viene accompagnatada esempi e tabelle riepilogative.Tra gli argomenti trattati: › Il contratto di appalto e le cessionicon posa in opera › Le cooperative edilizie › Gli enti pubblici› Le associazioni temporanee di impresa e i consorzi edificabili› La vendita di immobili abitativi › Le aliquote della prima e dellaseconda casa › La cessione di immobili strumentali › La cessionedi immobili vincolati › Disciplina della agevolazione “primacasa” › Decadenza delle agevolazioni › Costruzione di fabbricatia destinazione abitativa › La locazione di immobili › Ristrutturazioneedilizia › Le opere di urbanizzazione primaria e secondaria› Le opere di urbanizzazione assimilate › Opere finalizzate alrisparmio energetico (detrazione del 55%) › Abbattimento dellebarriere architettoniche.Il valore dei contenuti esaminati scaturisce dall’esperienzanell’ambito dell’amministrazione finanziaria maturata dall’autore,il quale – avendo assunto delle posizioni sull’argomento delvolume – rappresenta un importante punto di riferimento perevitare, nei limiti del possibile, contestazioni da parte del fisco.Su Cd-Rom: una mini banca dati di normativa, prassi e giurisprudenzadel settore, accompagnata da un formulario dischemi e atti personalizzabili.Questa edizione è aggiornata con le modifiche in vigore dal 1°gennaio 2016, apportate dalla Legge di stabilità 2016 (Leggen. 208 del 28 dicembre 2015) e tiene conto delle numerosee significative novità interpretative emanate dall’Agenzia delleentrate in tema di “reverse charge” sui servizi di pulizia, demolizione,installazione impianti e completamento relativi a edifici,la cui disciplina sanzionatoria è stata totalmente innovata dalD.Lgs n. 158/2015.

Giorgio Confente | 2016 Maggioli Editore

49.00 €

RIMBORSO IVA: PER CHI?

Va detto che questi soggetti vanno ad aggiungersi alle già individuate categorie che potranno usufruire dei rimborsi prioritari, in particolare:

– i subappaltatori edili;

– gli operatori che si occupano del recupero e della preparazione per il riciclaggio metallici;

– i produttori di zinco, piombo, stagno e semilavorati produttori di alluminio e semilavorati;

– i costruttori di aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi;

– gli esercenti cinematografici.

RIMBORSI IVA: QUALI SONO I REQUISITI PER OTTENERLI IN VIA PRIORITARIA?

Le aziende citate, tuttavia, per poter beneficiare del rimborso le aziende devono rispondere a precisi requisiti, tra i quali:

1) esercizio dell’attività da almeno 3 anni;

2) valore di eccedenza IVA associata alla richiesta di rimborso non inferiore a 10mila euro nel caso di rimborsi annuali, oppure 3mila euro per rimborsi trimestrali;

3) ammontare del credito pari o superiore al 10% dell’importo complessivo dell’IVA assolta sugli acquisti e sulle importazioni fatte nell’anno o nel trimestre a cui fa riferimento il rimborso richiesto.

SI CONSIGLIA ANCHE IL SEGUENTE E-BOOK A PREZZO SPECIALE

Redazione