Rimborsi fiscali contribuenti deceduto: ecco il nuovo modulo di rinuncia per eredi

Scarica PDF Stampa
Con provvedimento dello scorso 1° settembre il Direttore dell’Agenzia entrate ha approvato il modello da utilizzare per gli eredi che intendono rinunciare ai rimborsi fiscali intestati al contribuente deceduto.

La novità risponde a quanto previsto dal Decreto Semplificazioni (articolo 5), approvato con D.L. 21 giugno 2022 numero 73, recentemente convertito in Legge 4 agosto 2022 numero 122.

La norma, nel modificare il Testo unico in materia di imposta sulle successioni e donazioni, ha innanzitutto come obiettivo quello di introdurre un automatismo nell’individuazione dei beneficiari dei rimborsi intestati a soggetti deceduti, al fine di semplificare ed accelerare il relativo pagamento.

Di conseguenza, a fronte di una dichiarazione di successione in cui l’eredità è devoluta per legge, l’Agenzia stessa procede autonomamente ad individuare i beneficiari dei rimborsi.

Nel caso in cui:

  • La dichiarazione di successione non sia presente;
  • L’eredità non sia devoluta per legge;

i rimborsi vengono erogati a seguito dell’attività degli uffici dell’Agenzia entrate per la corretta individuazione dei destinatari.

Fanno eccezione i rimborsi per i quali è già in corso un’attività istruttoria da parte degli uffici competenti. In queste casistiche l’individuazione dei beneficiari avviene in base alla procedura previgente.

Sempre l’articolo 5 in parola riconosce ai soggetti chiamati all’eredità, che non abbiano effettuato espressa accettazione, di comunicare all’AE che non intendono ricevere i rimborsi intestati al contribuente deceduto.

Il modello da utilizzare per segnalare tale volontà è stato approvato con il Provvedimento, citato in premessa, del Direttore dell’Agenzia entrate, datato 1° settembre 2022.

Analizziamo la novità in dettaglio.

Rimborsi fiscali agli eredi dei deceduti: la norma

L’articolo 5 “Erogazione dei rimborsi fiscali agli eredi” del Decreto Semplificazioni contenente “Misure urgenti in materia di semplificazioni fiscali e di rilascio del nulla osta al lavoro, Tesoreria dello Stato e ulteriori disposizioni finanziarie e sociali” (D.L. 21 giugno 2022 numero 73, convertito in Legge 4 agosto 2022 numero 122), ha inserito il comma 6-bis all’articolo 28 del Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta sulle successioni e donazioni (approvato con Decreto legislativo 31 ottobre 1990 numero 346).

Nel comma 6-bis si dispone che:

  • i rimborsi fiscali, di competenza dell’Agenzia Entrate, spettanti al defunto, sono erogati, salvo diversa comunicazione degli interessati, ai chiamati all’eredità, indicati nella dichiarazione di successione da cui risulta che l’eredità stessa è devoluta per legge, per l’importo corrispondente alla rispettiva quota ereditaria;
  • il chiamato all’eredità che “non intende accettare il rimborso fiscale, riversa l’importo erogato all’Agenzia delle entrate”.

Con riferimento al primo punto, lo stesso comma 6­-bis dispone che, con provvedimento del Direttore dell’AE, sono definite le modalità per comunicare all’Agenzia di non voler ricevere i rimborsi intestati al contribuente deceduto.

Rimborsi fiscali contribuenti deceduti: istruzioni

Il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia entrate Ernesto Maria Ruffini, del 1° settembre 2022, a seguito di quanto disposto dal nuovo comma 6-bis, articolo 28, Decreto legislativo numero 346/1990 ha pubblicato il modello di “Comunicazione relativa ai rimborsi intestati a un contribuente deceduto da parte del chiamato all’eredità”, con le istruzioni per la compilazione e le modalità di trasmissione.

I contenuti della comunicazione

La “Comunicazione relativa ai rimborsi intestati a un contribuente deceduto da parte del chiamato all’eredità” contiene le seguenti informazioni:

  • Codice fiscale del contribuente deceduto;
  • Codice fiscale del chiamato all’eredità;
  • Codice fiscale dell’eventuale rappresentante legale del chiamato all’eredità (nel caso in cui questi sia minore o interdetto);
  • Comunicazione di non voler ricevere i rimborsi spettanti in qualità di chiamato all’eredità;
  • Revoca della comunicazione inviata precedentemente, nel caso in cui si intenda chiedere il pagamento dei rimborsi intestati al contribuente deceduto;
  • Nel riquadro “Sottoscrizione” il chiamato all’eredità o il rappresentante firmatario devono apporre la firma e riportare nell’apposito campo la data di sottoscrizione;
  • Il riquadro “Incaricato alla presentazione telematica” dev’essere compilato nel caso in cui l’istanza sia trasmessa, per conto del chiamato all’eredità o del rappresentante firmatario, da parte di un incaricato.

La compilazione del documento in parola avverrà in “modalità elettronica esclusivamente mediante un servizio web” disponibile nell’area riservata del sito “agenziaentrate.gov.it” a “decorrere dal 17 ottobre 2022” (Provvedimento Direttore AE).

Attualmente è possibile, collegandosi al portale dell’Agenzia, scaricare il modello della Comunicazione in pdf e le istruzioni per la compilazione (percorso “Home – Normativa e prassi – Provvedimenti del Direttore soggetti a pubblicità legale – 2022 Provvedimenti del Direttore soggetti a pubblicità legale – Settembre 2022 Provvedimenti del Direttore soggetti a pubblicità legale”).

Invio della Comunicazione

Il servizio web, da utilizzare per compilare la Comunicazione dell’erede, servirà anche da piattaforma per l’invio del documento stesso.

La “Comunicazione può essere trasmessa direttamente dal richiedente (chiamato all’eredità), dall’eventuale rappresentante del richiedente o tramite un incaricato autorizzato ad accedere all’area riservata del chiamato all’eredità” (punto 5.2 del Provvedimento).

Una volta conclusa la pratica, la ricevuta di invio è messa a disposizione del soggetto che ha effettuato la trasmissione, all’interno di:

  • Sezione “ricevute” della propria area riservata del sito “gov.it”;
  • Sezione “Consultazione degli invii effettuati” dell’applicativo web.

Rimborsi fiscali agli eredi: la restituzione

Il citato comma 6-bis dell’articolo 28, prevede altresì che il “chiamato all’eredità che non intende accettare il rimborso fiscale riversa l’importo erogato all’Agenzia delle entrate”.

Sul punto il Provvedimento del Direttore dell’AE precisa che nel caso in cui:

  • Il contribuente non intendeva ricevere il rimborso già erogato in suo favore;
  • L’interessato non abbia inviato la comunicazione di rinuncia.

La “restituzione dovrà avvenire con le modalità definite dalla risoluzione n. 86/E del 12 agosto 2011”.

Rimborsi fiscali deceduti: ecco il modulo di rinuncia per gli eredi

Di seguito i nuovi modelli che gli eredi devono utilizzare per rinunciare ai rimborsi fiscali spettanti ai contribuenti deceduti:

>> Scarica qui il modello integrale in Pdf

 

(Foto di copertina: iStock/4zevar)