Infortunio Inail: entro quando arriva il risarcimento

Rosa Leone 22/02/19
Scarica PDF Stampa
Nel caso in cui un lavoratore abbia avuto un incidente sul luogo di lavoro dovrà seguire una procedura in cui avrà diritto ad un risarcimento da parte dell’Inail.

Vediamo di cosa parliamo col termine infortunio, quando si verifica un evento classificabile come infortunio sul lavoro, quale procedura seguire, che tipo di indennizzi vengono erogati e quando ed entro quando arriva davvero il risarcimento.

Infortunio Inail: cos’è?

Secondo l’art. 2, c. 1, D.p.r. 30 giugno 1965, n. 1124 si considera infortunio, ai fini della tutela assicurativa obbligatoria, ogni evento avvenuto per causa violenta in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un’inabilità permanente al lavoro, assoluta o parziale, ovvero un’inabilità temporanea assoluta che importi l’astensione da lavoro per più di tre giorni. La giurisprudenza, in base ad una sentenza della Cassazione del 29 agosto 2003 n. 12685, intende per causa violenta un fattore esterno, rapido e intenso che arrechi un danno o una lesione all’organismo del lavoratore. Invece, in base alla sentenza della Cassazione dell’11 dicembre 2003 n. 18980, si intende occasione di lavoro la circostanza che l’infortunio sia ricollegabile ad un nesso eziologico (che indaga le cause dei fenomeni) allo svolgimento dell’attività lavorativa.

Leggi anche “Infortunio sul lavoro: cosa si può fare secondo il diritto?”

Infortunio INAIL: procedura

Nel caso di infortunio il lavoratore deve comunicarlo al datore di lavoro e deve:

  • recarsi al Pronto Soccorso, dove verrà visitato e
  • gli verrà rilasciato un certificato medico
  • che il lavoratore farà pervenire al suo datore di lavoro,
  • il quale, a sua volta trasmetterà telematicamente mediante l’apposito modulo all’INAIL.

Il datore di lavoro comunicherà all’INAIL la denuncia di infortunio e due o tre giorni prima della scadenza della prognosi il lavoratore si presenterà all’Inail dove sarà rivisitato dai medici addetti i quali o confermeranno la diagnosi del Pronto Soccorso o prolungheranno la prognosi.

Infortunio INAIL: entro quando arriva il risarcimento

Una volta verificato l’accaduto e ritenuto che sia tutto in regola, l’INAIL inizierà a pagare al lavoratore l’indennità prevista dal quinto giorno successivo all’infortunio nella seguente misura:

  • dal 5° al 91esimo giorno dall’infortunio il 60% della retribuzione;
  • dal 91esimo giorno in poi il 75% della retribuzione.

Invece, nei primi 4 giorni l’indennità spetterà al datore di lavoro nel seguente modo:

  • il 100% della retribuzione per il giorno stesso in cui si è verificato l’incidente;
  • il secondo, terzo e quarto giorno pagherà il 60% della retribuzione.

Il risarcimento per il periodo spettante all’INAIL può essere anche anticipato in busta paga dal datore di lavoro e l’ente provvederà a rimborsarlo in seguito al datore di lavoro.

Nel caso in cui la prognosi sia superiore ai 20 giorni al lavoratore verranno erogati più acconti e il saldo gli verrà dato quando avverrà la guarigione.

L’INAIL copre tutte le spese inerenti all’infortunio (visite specialistiche, analisi, sedute riabilitative, purché riconosciute dall’ente stesso).

Leggi anche “Malattia professionale: come farla riconoscere anche se non inclusa nelle tabelle Inail”

L’indennizzo e rendita Inail

Il lavoratore viene risarcito con un indennizzo nel caso in cui l’invalidità va dal 6% al 15%, mentre viene risarcito con una rendita nel caso la menomazione sia superiore al 16%.

Fino al 6% invece si applica solo la franchigia.

Nel caso in cui l’invalidità si aggravi può essere richiesta una rettifica dell’indennizzo o della rendita entro i dieci anni dall’infortunio. Una volta nel corso dei dieci anni nel caso dell’indennizzo, mentre nel caso della rendita nel lasso di tempo dei primi quattro anni, poi al settimo e al decimo anno. Il pagamento può avvenire con le seguenti modalità: con assegno o in contanti allo sportello postale o bancario, con accredito su conto corrente bancario o postale, con carta prepagata munita di IBAN, negli istituti di credito convenzionati con l’INPS, con accredito sul libretto.

Infortunio Inail: normativa.

  • p.r. 1124/1965;
  • 251/1982;
  • lgs. 38/2000;
  • m. 29 maggio 2001;
  • lgs. 151/2015;

Potrebbe interessarti questo volume:

Nuovo manuale di prevenzione incendi

Aggiornata con il recente Decreto del Ministero dell’Interno riguardante “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività commerciali con superficie lorda superiore a 400 m2”, la IV edizione di quest’apprezzatissima Opera, realizzata dall’Ing. Giacalone, Dirigente del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, si qualifica come supporto di riferimento e verifica della corretta esecuzione degli interventi di sicurezza antincendio per i Professionisti tecnici.  Il Manuale raccoglie in un unico testo organico e sistematico le disposizioni di prevenzione incendi applicabili alle attività a rischio di incendio, con approfondimenti sulle casistiche più problematiche, alla luce del Codice di prevenzione incendi, che introduce nuovi strumenti di progettazione in grado di pervenire a soluzioni tecniche più efficaci. La trattazione fornisce tutti gli strumenti operativi necessari per gestire le procedure e gli adempimenti documentali, progettuali, impiantistici inerenti le attività produttive e le strutture edilizie ed è arricchita da un formulario online di 23 modelli editabili. 1. Modello Richiesta di valutazione del progetto 2. Modello Segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio 3. Modello Asseverazione ai fini della sicurezza antincendio 4. Modello Certificazione di resistenza al fuoco di prodotti/elementi costruttivi in opera 5. Modello Dichiarazione inerente i prodotti impiegati 6. Modello Dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell’impianto 7. Modello Certificazione di rispondenza e di corretto funzionamento dell’impianto 8. Modello Dichiarazione di non aggravio del rischio incendio 9. Modello Segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio GPL 10. Modello Attestazione ai fini della sicurezza antincendio 11. Modello Dichiarazione di installazione serbatoio per GPL, in depositi sino a 5 m3 di capacità complessiva 12. Modello Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio 13. Modello Asseverazione ai fini della attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio 14. Modello Attestazione di rinnovo periodico di conformità antincendio GPL 15. Modello Dichiarazione di avvenuta manutenzione per depositi di GPL in serbatoi fissi di capacità non superiore a 5 m3 16. Modello Richiesta di deroga 17. Modello Richiesta di nulla osta di fattibilità 18. Modello Verifica in corso d’opera 19. Modello Dichiarazione per voltura 20. Modello Dichiarazione di conformità ai sensi del d.m. 37/2008 21. Modello Dichiarazione di corrispondenza in opera 22. Modello Dichiarazione di corretta posa in opera porte ed elementi di chiusura 23. Modello Dichiarazione corretta posa in opera materiali classificati per la reazione al fuoco e le porte resistenti al fuoco Completo di tabelle dati e prospetti di sintesi che intervallano l’esposizione, di esempi di calcolo e di relazioni tecniche, questo volume chiarisce i molteplici aspetti critici di un’attività professionale particolarmente delicata, sviluppando l’intera materia nel dettaglio di 1.636 pagine. Claudio Giacalone, laureato in ingegneria civile e in ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell’ambiente, è un dirigente del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco. Svolge attualmente la funzione di Comandante dei Vigili del fuoco di Alessandria. È stato componente della speciale commissione di vigilanza integrata EXPO, che ha valutato la sicurezza dei padiglioni espositivi di EXPO MILANO 2015.

Claudio Giacalone | 2019 Maggioli Editore

89.00 €  84.55 €