Contratto a termine senza causale: come funziona la deroga 2020

Paolo Ballanti 23/09/20
Scarica PDF Stampa
Una boccata di ossigeno per il contratto a termine in un momento di forte crisi economico-sociale e occupazionale causa Covid: l’articolo 8 del Decreto Agosto, in deroga alla normativa vigente, concede la possibilità di prorogare o rinnovare una sola volta i contratti di lavoro a tempo determinato per un periodo massimo di dodici mesi senza che ciò sia giustificato da alcuna causale. Confermato invece il limite di durata complessiva fissato in ventiquattro mesi.

Questa possibilità sarà concessa fino al 31 dicembre 2020. 

Lo scopo è quello di agevolare le imprese nell’utilizzo dei contratti a termine in un periodo di incertezza e talora difficoltà economica causato dall’emergenza epidemiologica COVID-19.

A chiarire la portata delle novità è intervenuta la nota dell’Ispettorato nazionale del lavoro (INL) numero 713 del 16 settembre 2020, che interpreta l’apertura a maglie larghe. l’Inl specifica infatti che è consentito “prorogare o rinnovare contratti a tempo determinato per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta, pur sempre nel rispetto del termine di durata massima di 24 mesi, senza necessità delle causali di cui all’art. 19, comma 1, dello stesso D.Lgs. n. 81/2015″

Prima di analizzare le novità ripercorriamo quelle che sono le regole generali dei contratti a termine.

Contratto a termine: durata massima

La normativa (D.lgs. n. 81/2015 articolo 19 comma 2) consente a datore e dipendente di stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato per una durata non superiore a ventiquattro mesi.

Lo stesso limite opera in presenza di più contratti tra i medesimi soggetti, conclusi per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria legale.

La violazione dei ventiquattro mesi comporta la trasformazione del rapporto a tempo indeterminato sin dalla data del superamento.

>> Decreto dignità al via: le nuove regole del contratto a termine

Contratto a termine: le causali

Qualora sia previsto l’obbligo delle causali, l’assunzione, il rinnovo o la proroga del contratto a termine dev’essere giustificata da almeno una delle seguenti casistiche:

  • Esigenze temporanee ed oggettive estranee all’ordinaria attività;
  • Esigenze sostitutive di altri lavoratori;
  • Esigenze connesse a
  • Esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria.

Contratto a termine: le proroghe

Le parti possono liberamente prorogare il contratto fino ad una durata complessiva di dodici mesi. Oltre, è necessario giustificare la proroga con una delle causali previste.

Sempre nel rispetto dei ventiquattro mesi è consentito operare un massimo di quattro proroghe. L’inosservanza del limite comporta la trasformazione a tempo indeterminato a decorrere dalla quinta proroga.

Facciamo l’esempio di Caio assunto dal 1º agosto 2019 al 31 dicembre 2019 per un totale di cinque mesi. Alla scadenza. Il contratto viene prorogato dal 1º gennaio 2020 al 30 settembre 2020 per un totale di nove mesi. In questo caso la proroga sarà soggetta a causale dal momento che la durata complessiva del rapporto supererà i dodici mesi (cinque mesi più altri nove per un totale di quattordici).

Contratto a termine: il rinnovo

Al contrario delle proroghe, la normativa prevede in tutti i casi di rinnovo l’obbligatoria presenza delle causali. Per rinnovo si intende la riassunzione del dipendente con un altro contratto a tempo determinato. Riprendiamo l’esempio di Caio del paragrafo precedente. Si sarebbe parlato di rinnovo in caso di cessazione del rapporto alla scadenza del 31 dicembre 2019 e riassunzione il 1º febbraio 2020.

L’inosservanza dell’obbligo delle causali comporta la trasformazione a tempo indeterminato.

Peraltro, in tutti i casi di rinnovo tra un contratto e quello successivo deve trascorrere un periodo di almeno:

  • Dieci giorni nel caso in cui il contratto scaduto abbia avuto durata non superiore a sei mesi;
  • Venti giorni nel caso in cui il contratto scaduto abbia avuto durata superiore a sei mesi.

L’inosservanza del cosiddetto “stop and go” comporta la trasformazione del secondo rapporto a tempo indeterminato.

Contratto a termine: deroga alla causale nel Decreto Agosto

Come anticipato, il Decreto Agosto all’articolo 8 consente, in deroga alla normativa appena citata, fino al 31 dicembre 2020 di prorogare o rinnovare i contratti a termine, anche in assenza delle causali, per un periodo massimo di 12 mesi ed una sola volta. Resta fermo il limite complessivo di ventiquattro mesi.

La nota INL n. 713 del 16 settembre 2020 interviene chiarendo che la deroga del “Decreto Agosto” opera anche con riferimento a:

  • Numero massimo di proroghe;
  • Rispetto dello “stop and go”.

Significa che, pur in presenza di quattro proroghe, il rapporto pur nel rispetto del limite complessivo di ventiquattro mesi potrà essere:

  • Prorogato una quinta volta per un massimo di 12 mesi, in assenza di causali;
  • Rinnovato per un massimo di dodici mesi (in assenza di causali), senza dover rispettare lo stacco di 10 o 20 giorni.

Contratto a termine senza causale: fino a quando 

La nota INL precisa che il limite del 31 dicembre 2020 si riferisce alla data di formalizzazione della proroga / rinnovo. Questo significa che ben può accadere che il contratto a termine venga prorogato anche al 2021, sempre nel rispetto del limite complessivo dei ventiquattro mesi, a patto che la lettera di proroga abbia data anteriore al 31 dicembre. Lo stesso dicasi per il rinnovo.

Adottando il pensiero dell’Ispettorato, si può legittimamente affermare che la riassunzione a tempo determinato decorrente dal 1º gennaio 2021, per un massimo di dodici mesi, in attuazione di un contratto stipulato il 30 dicembre 2020 possa prescindere dall’obbligo delle causali.

Contratto a termine: Deroghe del Decreto Rilancio

Le disposizioni dell’articolo 8 modificano quanto previsto dal Decreto Rilancio (D.l. n. 34/2020 convertito in Legge n. 77/2020) in base al quale si concedeva, in deroga alla normativa, di:

  • Prorogare o rinnovare fino al 30 agosto 2020 i contratti a termine in essere alla data del 23 febbraio 2020 (comma 1 articolo 93);
  • Prorogare la durata dei contratti a termine per un periodo di tempo pari a quello di sospensione dell’attività lavorativa causa emergenza COVID-19 (comma 1 bis articolo 93).

Sul punto la nota INL precisa che i contratti rinnovati o prorogati ai sensi del “Decreto Rilancio” (articolo 93 comma 1) fino al 30 agosto 2020, potranno godere delle deroghe previste dal Decreto Agosto pur sempre nel rispetto del limite complessivo di 24 mesi.

Di conseguenza, un contratto in essere al 23 febbraio 2020 prorogato fino al 30 agosto 2020 ai sensi del Decreto Rilancio potrà essere ulteriormente prorogato per un massimo di dodici mesi in assenza delle causali, ma sempre nel rispetto del limite dei ventiquattro mesi.

Inoltre secondo la nota del 16 settembre, i periodi di proroga automatica ai sensi dell’articolo 93 comma 1 bis del “Decreto Rilancio”, fruiti nel periodo di vigenza della disposizione (18 luglio – 14 agosto) devono essere considerati “neutri” (quindi da non conteggiare) ai fini dei ventiquattro mesi.

Possono interessarti questi E-book:

Quadro sinottico Decreti Covid-19 – eBook

Decreti “Cura Italia”, “Liquidità” e “Rilancio”, questi i nomi con cui sono stati battezzati i tre provvedimenti principali, tralasciando i vari Dpcm, assunti dal Governo, nel periodo dell’emergenza epidemiologica Covid-19.In realtà, nonostante le diverse terminologie, tutti i tre decreti contengono misure dirette a fronteggiare l’emergenza, con disposizioni per il sostegno di imprese, lavoratori e famiglie, ma giudicate insufficienti a contrastare gli effetti economici, non solo immediati, dell’epidemia;  l’appunto viene rivolto soprattutto, in una visione strutturale e strategica, al decreto Rilancio. I decreti sono inoltre accomunati:- dall’incertezza del percorso di conversione in legge: fin dai giorni successivi alla loro pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si è prodotto un flusso di emendamenti che ha dato un senso di provvisorietà alle disposizioni appena emanate. Alla data di stampa del presente ebook è in corso di conversione il decreto di Rilancio con previsione di rilevati modifiche;- dall’inefficacia di molte misure in assenza dei relativi provvedimenti attuativi. Sono 165 i decreti attuativi previsti e ad oggi ne risultano emanati circa il 20%;- dalla tecnica redazionale che rende la lettura un percorso ad ostacoli tra incroci, rimandi, eccezioni, esclusioni, richiami a catena a normative nazionali ed europee, con termini non sempre coerenti e provvedimenti che si sovrappongono; – dal moltiplicarsi di circolari, comunicati e messaggi di Agenzia entrate, Inps e associazioni di riferimento (ABI, Confindustria, ecc.), spesso necessarie, ma che hanno richiesto un’incessante attenzione.In questo contesto, studio verna ha ritenuto utile produrre delle tabelle di sintesi che potessero essere d’ausilio per avere un quadro d’insieme, semplificare la comprensione delle diverse misure ed individuare, da parte dei vari operatori, i provvedimenti di specifico interesse, pur essendo il percorso legislativo, attuativo ed interpretativo, ancora ancora tutt’altro che concluso.In questa seconda edizione, sono evidenziate in rosso le modifiche intervenute per effetto principalmente della legge 17 luglio 2020, n. 77, di conversione del decreto Rilancio, nonché dei diversi provvedimenti attuativi e della prassi ufficiale.Studio Verna Società ProfessionaleLo Studio Verna Società Professionale, costituitasi nel 1973, è la più antica società semplice professionale ed offre consulenza ed assistenza economico-giuridica a Milano, con studi anche a Roma e Busto Arsizio. Persegue una politica di qualità fondata su etica, competenza e specializzazione. I suoi soci hanno pubblicato oltre un centinaio di libri ed articoli in materia contabile, societaria, concorsuale e tributaria, oltre un manuale di gestione della qualità per studi professionali.

Studio Verna Società Professionale | 2020 Maggioli Editore

16.90 €  14.37 €

COVID-19: le novità sul lavoro

A causa della comparsa di casi di trasmissione di COVID-19, il Governo ha emanato una serie di provvedimenti per la gestione ed il contenimento dell’emergenza sanitaria in atto e per il sostegno economico alle famiglie, ai lavoratori ed alle imprese; in particolare, possiamo qui così riassumere i riferimenti normativi in materia di lavoro:- d.l. 17 marzo 2020, n. 18, con misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19;- d.l. 8 aprile 2020, n. 23, recante misure urgenti urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonché interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali.Nel presente ebook, verranno analizzate le singole misure, cercando di risolvere i principali interrogativi, attraverso domande e risposte.Rocchina StaianoDocente in Diritto della Previdenza e delle Assicurazioni Sociali, presso l’Università di Teramo; Avvocato giuslavorista; è membro del collegio dei probiviri della Cisl Regione Campania; Docente in vari Corsi di formazione; Docente-formatore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.M. 3 marzo 2013; Formatore mediatore autorizzato dal Ministero della Giustizia. Valutatore del Fondoprofessioni. Autrice di numero pubblicazioni ed articoli in riviste anche telematiche, per le principali case editrici in materia di lavoro e di previdenza sociale.

Rocchina Staiano | 2020 Maggioli Editore

8.90 €  7.57 €