Congedo Covid-19: come chiederlo a ore. Novità e istruzioni Inps

Paolo Ballanti 28/07/20
Scarica PDF Stampa
La legge di conversione del Decreto Rilancio ha previsto la possibilità di fruire del congedo straordinario COVID-19 in modalità oraria oltre a quella giornaliera. Il congedo parentale speciale si può quindi chiedere anche a ore.

Lo ha stabilito l’articolo 72 della legge di conversione con cui è stato spostato peraltro il periodo di fruizione dell’assenza fino al 31 agosto 2020.

Le novità impattano su tutti i potenziali beneficiari del congedo, eccezion fatta per i dipendenti pubblici, le cui modalità di erogazione e gestione dell’assenza sono demandate all’amministrazione / ente di appartenenza.

Sulle modifiche della legge di conversione è intervenuta l’INPS con il messaggio n. 2902 del 21 luglio 2020.

Analizziamo in dettaglio la richiesta a ore del Congedo.

>> Congedo parentale speciale: a chi spetta, come funziona, come chiederlo

Congedo Covid-19: si chiede anche a ore

A decorrere dal 19 luglio 2020 il congedo straordinario COVID-19 può essere fruito anche in modalità oraria (limitatamente ai periodi non ancora goduti a tale data).

Perché dal 19 luglio? Trattasi del giorno di entrata in vigore della legge di conversione (L. n. 77/2020) del Decreto Rilancio (D.l. n. 34/2020), con cui sono state introdotte modifiche al congedo COVID-19 tra cui, appunto, la fruibilità ad ore accanto a quella giornaliera finora prevista.

Chi può chiedere il congedo Covid-19 a ore 

La novità riguarda i seguenti destinatari:

  • Dipendenti di imprese private;
  • Iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS;
  • Lavoratori autonomi iscritti all’INPS.

Nessuna novità invece per i dipendenti pubblici. Le modalità di fruizione del congedo sono demandate all’amministrazione di appartenenza.

Congedo Covid-19: entro quando chiederlo 

Un’altra novità introdotta in sede di conversione in legge riguarda la possibilità di fruire dei 30 giorni di congedo dal 5 marzo 2020 fino al 31 agosto 2020, rispetto alla precedente scadenza fissata dal decreto legge al 31 luglio 2020.

Per i dipendenti pubblici, nessuna novità: il congedo potrà essere fruito dal 5 marzo per tutto il periodo di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado.

Durata del congedo Covid-19

Resta ferma, come anticipato, la durata massima del congedo parentale fissata a 30 giorni dal Decreto Rilancio, rispetto ai precedenti 15 previsti dal Decreto “Cura Italia”, norma che ha introdotto il congedo.

Congedo Covid-19: chi ne ha diritto

Possono chiedere il congedo straordinario, in alternativa al bonus per servizi di baby-sitting, i genitori di figli di età non superiore a 12 anni:

  • Lavoratori dipendenti di imprese private;
  • Collaboratori iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS;
  • Lavoratori autonomi iscritti all’INPS;
  • Dipendenti pubblici.

Fanno eccezione i dipendenti privati per i quali spetta il congedo non retribuito per i figli di età compresa tra i 12 e i 16 anni, sempre nel limite delle 30 giornate.

Requisiti per avere il congedo Covid-19

Per ottenere il congedo è necessario che l’altro genitore:

  • Non sia disoccupato o non lavoratore;
  • Non sia destinatario di strumenti di sostegno al reddito;
  • Non fruisca contemporaneamente del congedo COVID-19.

Congedo Covid-19: come viene pagato

I periodi di assenza per congedo straordinario COVID-19 per i quali sia stata inoltrata domanda all’INPS, sono retribuiti a carico dell’Istituto, ed erogati con le seguenti modalità:

  • Indennità anticipata dal datore di lavoro per i dipendenti privati cui non si applica il pagamento diretto dell’INPS;
  • Indennità erogata direttamente dall’Istituto per tutti gli altri beneficiari.

Come anticipato, i periodi di congedo possono essere fruiti in modalità giornaliera o oraria. Ci si interroga se le due tipologie di godimento sono alternative o possano coesistere, ad esempio:

  • Settimana 1, in modalità giornaliera;
  • Settimana 2, in modalità oraria.

Sul punto si attendono le indicazioni dell’INPS.

Discorso a parte per i dipendenti pubblici. Le modalità di calcolo ed erogazione dell’indennità sono demandate all’amministrazione di appartenenza.

Congedo Covid-19: come fare domanda

Ricordiamo che le domande di congedo devono essere presentate all’INPS, con una delle seguenti modalità:

  • Online sul portale telematico INPS se in possesso delle credenziali PIN, SPID, CIE o CNS;
  • Chiamare il Contact center dell’Istituto ai numeri 803.164 (gratuito da rete fissa) o 06 164.164 (da rete mobile), in possesso comunque delle credenziali citate al punto precedente;
  • Patronati, anche in assenza delle credenziali.

Con il messaggio n. 2902, l’INPS rende noto che gli applicativi telematici per l’invio delle richieste di congedo sono stati aggiornati per consentire la gestione dei periodi fino al 31 agosto 2020.

Con successiva comunicazione, l’Istituto fornirà le indicazioni per la presentazione delle domande di congedo in modalità oraria. Naturalmente, le richieste potranno riguardare anche periodi antecedenti la data dell’istanza, comunque decorrenti dal 19 luglio 2020.

Possono interessarti questi volumi: 

DECRETO RILANCIO: LE MISURE IN TEMA DI LAVORO E FISCALITA’ – eBook

Aggiornato al testo definitivo, l’ebook analizza l’intero corpo normativo del Decreto Rilancio, occupandosi delle singole previsioni sia in materia fiscale che in materia di lavoro.La trattazione, chiara e puntuale, permette di comprendere la portata e le ricadute pratiche delle novità normative.Flavia SillaEsercita l’attività di avvocato e di dottore commercialista in Milano e Roma. È anche revisore legale, mediatore professionista e pubblicista. Si occupa prevalentemente di materie che ruotano intorno al mondo delle aziende, come l’ambito societario, fallimentare e tributario. Ha pubblicato diversi testi su tali argomenti ed è da tempo docente in corsi di formazione.Rocchina StaianoDocente in Diritto della Previdenza e delle Assicurazioni Sociali, presso l’Università di Teramo; Avvocato giuslavorista; è membro del collegio dei probiviri della Cisl Regione Campania; Docente in vari Corsi di formazione; Docente-formatore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.M. 3 marzo 2013; Formatore mediatore autorizzato dal Ministero della Giustizia. Valutatore del Fondoprofessioni. Autrice di numerose pubblicazioni ed articoli in riviste anche telematiche, per le principali case editrici in materia di lavoro e di previdenza sociale.

Rocchina Staiano, Flavia Silla | 2020 Maggioli Editore

12.90 €  10.97 €

Quadro sinottico Decreti Covid-19 – eBook

Decreti “Cura Italia”, “Liquidità” e “Rilancio”, questi i nomi con cui sono stati battezzati i tre provvedimenti principali, tralasciando i vari Dpcm, assunti dal Governo, nel periodo dell’emergenza epidemiologica Covid-19.In realtà, nonostante le diverse terminologie, tutti i tre decreti contengono misure dirette a fronteggiare l’emergenza, con disposizioni per il sostegno di imprese, lavoratori e famiglie, ma giudicate insufficienti a contrastare gli effetti economici, non solo immediati, dell’epidemia;  l’appunto viene rivolto soprattutto, in una visione strutturale e strategica, al decreto Rilancio. I decreti sono inoltre accomunati:- dall’incertezza del percorso di conversione in legge: fin dai giorni successivi alla loro pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si è prodotto un flusso di emendamenti che ha dato un senso di provvisorietà alle disposizioni appena emanate. Alla data di stampa del presente ebook è in corso di conversione il decreto di Rilancio con previsione di rilevati modifiche;- dall’inefficacia di molte misure in assenza dei relativi provvedimenti attuativi. Sono 165 i decreti attuativi previsti e ad oggi ne risultano emanati circa il 20%;- dalla tecnica redazionale che rende la lettura un percorso ad ostacoli tra incroci, rimandi, eccezioni, esclusioni, richiami a catena a normative nazionali ed europee, con termini non sempre coerenti e provvedimenti che si sovrappongono; – dal moltiplicarsi di circolari, comunicati e messaggi di Agenzia entrate, Inps e associazioni di riferimento (ABI, Confindustria, ecc.), spesso necessarie, ma che hanno richiesto un’incessante attenzione.In questo contesto, studio verna ha ritenuto utile produrre delle tabelle di sintesi che potessero essere d’ausilio per avere un quadro d’insieme, semplificare la comprensione delle diverse misure ed individuare, da parte dei vari operatori, i provvedimenti di specifico interesse, pur essendo il percorso legislativo, attuativo ed interpretativo, ancora ancora tutt’altro che concluso.In questa seconda edizione, sono evidenziate in rosso le modifiche intervenute per effetto principalmente della legge 17 luglio 2020, n. 77, di conversione del decreto Rilancio, nonché dei diversi provvedimenti attuativi e della prassi ufficiale.Studio Verna Società ProfessionaleLo Studio Verna Società Professionale, costituitasi nel 1973, è la più antica società semplice professionale ed offre consulenza ed assistenza economico-giuridica a Milano, con studi anche a Roma e Busto Arsizio. Persegue una politica di qualità fondata su etica, competenza e specializzazione. I suoi soci hanno pubblicato oltre un centinaio di libri ed articoli in materia contabile, societaria, concorsuale e tributaria, oltre un manuale di gestione della qualità per studi professionali.

Studio Verna Società Professionale | 2020 Maggioli Editore

16.90 €  14.37 €

Tag