Bonus Renzi 80 euro, le novità della Legge di Bilancio 2018

Redazione 02/11/17
Scarica PDF Stampa
La Legge di Bilancio 2018 salva il Bonus Renzi da 80 euro e ne amplia la platea alzando le soglie di reddito. L’iter parlamentare della Manovra è appena iniziato con la presentazione in Senato martedì scorso e tra le misure inserite nel testo definitivo presentato dall’Esecutivo c’è l’innalzamento di 600 euro delle soglie del livello iniziale e finale del bonus, che diventano rispettivamente di 24.600 euro e 26.600 euro.

Secondo questo nuovo meccanismo i dipendenti pubblici e privati che dichiarano un reddito tra 24.600 e 26.600 euro guadagneranno 288 euro netti in più all’anno, un effetto che cala più si ci si avvicina alle 2 soglie:

  • 0 per chi dichiara 24.000 e 26.600,
  • da 48 a 240 euro per i redditi tra 24.100 e 24.400 euro e per quelli tra 26.500 e 26.100,
  • 288 euro tra 24.500 e 25.500 euro.

L’aumento è la conseguenza del rinnovo del contratto dei lavoratori del pubblico impiego: l’aumento concordato degli 85 euro ai dipendenti pubblici avrebbe eliminato il bonus Renzi per chi guadagna oltre 24.895 euro, diminuendolo per chi ha redditi minori.

Resta aggiornato con lo Speciale Legge di stabilità 2018

In extremis l’Esecutivo ha deciso di salvare il bonus agendo sulle fasce di reddito: secondo i dati dell’Aran sono circa 300mila i lavoratori con reddito a rischio per gli aumenti contrattuali e non era pensabile introdurre una misura ad hoc solo per i dipendenti pubblici.

Consigliamo la lettura di

Redazione

Tag