Home Fisco Dichiarazione dei redditi 2022: è obbligatoria?

Dichiarazione dei redditi 2022: è obbligatoria?

Paolo Ballanti
dichiarazione-dei-redditi-2022-obbligatoria

La dichiarazione dei redditi 2022 attraverso il modello 730 o REDDITI Persone Fisiche rappresenta il momento finale del rapporto tra contribuente ed Erario per quanto riguarda il versamento dell’IRPEF relativa al periodo d’imposta 2021.

Grazie alla dichiarazione, trasmessa in via telematica all’Agenzia delle Entrate, si determina l’imposta effettivamente dovuta dal contribuente, tenuto conto di tutti i redditi dallo stesso percepiti, ad esempio redditi da lavoro dipendente, redditi da pensione nonché redditi da terreni e fabbricati.

Le partite considerate non sono tuttavia soltanto quelle a debito, dal momento che si può beneficiare in 730 / REDDITI PF anche di quelle detrazioni non riconosciute direttamente dal sostituto d’imposta (datore di lavoro o INPS), ad esempio le detrazioni per spese sanitarie o per interventi di risparmio energetico sulle unità immobiliari.

Fatte queste premesse è opportuno chiedersi: è obbligatoria la dichiarazione dei redditi? Chi sono i soggetti esonerati? Analizziamo la questione in dettaglio.

Dichiarazione redditi precompilata 2022, entro il 23 maggio: tutte le istruzioni

Dichiarazione dei redditi 2022: è obbligatoria?

Sono obbligati a trasmettere nel 2022 la dichiarazione dei redditi (attraverso il modello 730 o REDDITI Persone Fisiche) i contribuenti che, congiuntamente:

  • Hanno conseguito redditi nell’anno 2021;
  • Non rientrano nelle ipotesi di esonero.

A precisarlo le istruzioni alla compilazione del modello 730, pubblicate dall’Agenzia Entrate sul proprio portale “agenziaentrate.gov.it – Schede informative e servizi – Dichiarazioni – 730 2022”.

Dichiarazione dei redditi 2022: esonero per tipologia di reddito

Tra i casi di esonero rientrano coloro che possiedono esclusivamente i redditi di seguito indicati:

Tipologia di reddito Condizioni Esempi
Abitazione principale, relative pertinenze ed altri fabbricati non locati (*)    
Lavoro dipendente o pensione 1)     I redditi devono essere stati corrisposti da un unico sostituto d’imposta ovvero erogati da più sostituti ma certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio;

2)     Spettano le detrazioni per coniuge e familiari a carico e non sono dovute le addizionali regionali e comunali

 

 
Lavoro dipendente o pensione + abitazione principale, relative pertinenze ed altri fabbricati non locati (*)  
Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto (sono escluse le collaborazioni di carattere amministrativo – gestionale di natura non professionale rese in favore di società ed associazioni sportive dilettantistiche)  
Redditi esenti   Rendite erogate dall’INAIL esclusivamente per morte o invalidità permanente, pensioni di guerra, pensioni ordinarie privilegiate corrisposte ai militari di leva
Redditi soggetti ad imposta sostitutiva (diversi da quelli soggetti a cedolare secca)   Interessi sui BOT o su altri titoli del debito pubblico
Redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta   Interessi su conti correnti bancari o postali, redditi derivanti da lavori socialmente utili
(*) L’esonero dalla dichiarazione non opera se il fabbricato non locato è situato nello stesso comune dell’abitazione principale (abitazione principale e pertinenze per le quali non è dovuta l’IMU).

Dichiarazione dei redditi 2022: esonero per limiti di reddito

Oltre alle ipotesi in cui per la tipologia di reddito percepito il contribuente è esonerato dalla presentazione della dichiarazione, esistono tutta una serie di casistiche per cui l’esonero scatta se non si supera un determinato limite, variabile a seconda del reddito prodotto:

Tipologia di reddito Limite di reddito (uguale o inferiore a) Condizioni
Terreni e / o fabbricati (compresa l’abitazione principale e sue pertinenze*) 500,00  
Lavoro dipendente o assimilato + altre tipologie di reddito (**) 8.000,00 Periodo di lavoro (o di pensione) non inferiore a 365 giorni)
Pensione + altre tipologie di reddito (**) 8.000,00
Pensione + terreni + abitazione principale e sue pertinenze (*) come box, cantina, etc. 7.500,00 (pensione) / 185,92 (terreni)
Pensione + altre tipologie di reddito (**) 8.000,00 Periodo di pensione non inferiore a 365 giorni
Assegno periodico corrisposto dal coniuge (eccezion fatta per l’assegno periodico destinato al mantenimento dei figli) + altre tipologie di reddito (**) 8.000,00  
Redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente ed altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro 4.800,00  
Compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche 30.658,28  
(*) Deve trattarsi di abitazione principale e pertinenze per le quali non è dovuta l’IMU

(**) Il reddito complessivo dev’essere calcolato senza tener conto del reddito derivante dall’abitazione principale e dalle sue pertinenze

Dichiarazione dei redditi 2022: esonero per imposta esigua

La dichiarazione dei redditi non dev’essere trasmessa dal contribuente che, non obbligato alla tenuta delle scritture contabili, possiede redditi per i quali è di seguito calcolata un’imposta IRPEF non superiore ad euro 10,33:

Imposta lorda – Detrazioni per familiari a carico – Detrazioni per la produzione di redditi da lavoro dipendente / assimilato, pensione, altri redditi = ritenuta di importo non eccedente i 10,33 euro.

La determinazione dell’imposta lorda avviene sul reddito complessivo del contribuente, al netto della deduzione per l’abitazione principale e relative pertinenze.

Irpef 2022, chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate: la nuova Circolare

Dichiarazione dei redditi 2022: casi particolari di esonero

Al di là di quelli che sono i casi di esonero l’ADE sottolinea che la dichiarazione dei redditi:

  • Dev’essere comunque presentata se le addizionali all’IRPEF non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta;
  • Dev’essere trasmessa anche se sono stati percepiti esclusivamente redditi che derivano dalla locazione di fabbricati soggetti a cedolare secca;
  • Dev’essere presentata, anche in caso di esonero, per dichiarare eventuali spese sostenute ovvero fruire di detrazioni o ancora per chiedere rimborsi relativi a crediti o eccedenze di versamento che derivano dalle dichiarazioni degli anni precedenti o da acconti versati per il 2021.

Dichiarazione dei redditi 2022: chi deve presentare il modello REDDITI Persone Fisiche?

Al di là di quelli che sono i casi di esonero dall’invio della dichiarazione dei redditi, si segnalano una serie di ipotesi in cui il contribuente è tenuto a trasmettere il modello REDDITI Persone Fisiche e non il 730 ordinario / precompilato, in particolare coloro che nel 2021 hanno percepito:

  • Redditi derivanti dalla produzione di “agroenergie” oltre i limiti previsti dal D.L. 24 aprile 2014 n. 66;
  • Redditi d’impresa anche in forma di partecipazione;
  • Redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA;
  • Redditi di lavoro autonomo a cui, ai fini delle imposte sui redditi, si applica l’articolo 50 del TUIR (soci delle cooperative artigiane);
  • Redditi “diversi” non compresi tra quelli indicati nel quadro D, righi D4 e D5;
  • Plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate e non qualificate e derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in imprese o enti residenti o localizzati in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati;
  • Redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario.

Sono altresì obbligati ad inviare il modello REDDITI PF i contribuenti che:

  • Nel 2021 e / o nel 2022 non sono residenti in Italia;
  • Devono presentare anche una delle seguenti dichiarazioni tra IVA, IRAP e Modello 770;
  • Utilizzano crediti d’imposta per redditi prodotti all’estero, diversi da quelli di cui al rigo G4;
  • Nel 2021 hanno percepito redditi da pensione erogati da soggetti esteri, delle persone fisiche che trasferiscono in Italia la propria residenza in uno dei comuni del Mezzogiorno, con popolazione superiore ai 20 mila abitanti e situati nelle regioni Sicilia, Calabria, Sardegna, Campania, Basilicata, Abruzzo, Molise e Puglia;
  • Devono compilare il prospetto sugli aiuti di Stato;
  • Destinano a locazione più di quattro appartamenti.

CU dipendenti pubblici 2022: come visualizzarla e richiederla, istruzioni




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome