Home Lavoro Stanco dei CV anonimi? Ecco le regole da seguire per la tua...

Stanco dei CV anonimi? Ecco le regole da seguire per la tua ricerca di lavoro

curriculum giusto per ricerca lavoro

Nel mercato del lavoro odierno, il curriculum è diventato il requisito numero uno richiesto dai potenziali datori di lavoro. Prima che un datore di lavoro si prenda tempo prezioso per intervistarti, vuole incontrarti e conoscerti sulla carta. Il modo in cui riesci a impressionarlo con il tuo curriculum può, e lo farà, fare la differenza.

Senza un curriculum, non puoi nemmeno iniziare a competere per una determinata posizione e un curriculum inappropriato ti eliminerà dalla corsa rapidamente prima ancora che tu abbia la possibilità di combattere.

Ecco perché è imperativo imparare a redigere un curriculum di qualità superiore, che consenta effettivamente ai datori di lavoro di sapere cosa puoi fare per loro, è necessario per ogni aspirante candidato.

Un curriculum è un riepilogo delle tue qualifiche

Il termine curriculum deriva dal francese e significa “riassunto”. Questo è esattamente il tuo curriculum: un riepilogo delle tue qualifiche, abilità e risultati. Mostra a un futuro datore di lavoro ciò che hai fatto in passato. Descrive in dettaglio le tue abilità e formazione, esperienza lavorativa e istruzione e, soprattutto, i risultati ottenuti con i precedenti datori di lavoro.

Dovrebbe anche informare il datore di lavoro del tuo obiettivo di carriera (il lavoro che stai cercando) e comunicare in modo conciso i vantaggi che apporterai al lavoro se assunto.

Un curriculum è una pubblicità. Pubblicizza te, le tue abilità e qualifiche uniche e sottolinea i vantaggi che hai da offrire.

Competenze contro vantaggi per il datore di lavoro

Un modo per superare la concorrenza è assicurarsi che il tuo curriculum sia carico di vantaggi per il datore di lavoro, non solo di competenze. Secondo gli esperti recruiters, i curriculum di oggi devono essere “orientati ai risultati” piuttosto che i curriculum guidati dalle competenze del passato.

Leggendo il tuo curriculum, il datore di lavoro deve capire rapidamente quali vantaggi offri alla sua azienda. Pensa a te stesso come a un prodotto e al datore di lavoro come al consumatore. Come venderesti il ​​tuo prodotto (te stesso) al datore di lavoro?

Un datore di lavoro è più interessato ai vantaggi che hai da offrire che al tuo impressionante repertorio di competenze. Quando scrivi il tuo curriculum, fai ogni sforzo per evidenziare questi vantaggi per il datore di lavoro. Ad esempio, se sei esperto nel desktop publishing, non limitarti a elencare le tue competenze (come la padronanza di PhotoShop), traduci queste competenze in vantaggi. Spiega al datore di lavoro cosa sei in grado di fare con le tue capacità di desktop publishing (per esempio, “capacità di produrre brochure accattivanti a basso costo“).

Le abilità indicano il tuo potenziale, mentre i benefici dimostrano i tuoi reali risultati: ciò che hai ottenuto con le tue abilità. Un datore di lavoro si rende conto che molti candidati conoscono bene PhotoShop, il tuo compito è spiegare al datore di lavoro cosa puoi fare con questa abilità e che tipo di attività lavorative hai svolto con quel software. Questo è ciò che colpisce i datori di lavoro.

Lo scopo del curriculum è quello di ottenere un colloquio

La maggior parte delle persone pensa che un buon curriculum possa procurare loro un lavoro. Questo è un errore. È raro nel mercato odierno trovare un datore di lavoro che assuma qualcuno esclusivamente in base a ciò che ha letto nel proprio curriculum. I datori di lavoro vogliono conoscerti di persona prima di assumerti. Vogliono che tu dimostri il tuo curriculum e vedere se hai la personalità che stanno cercando. Questo, ovviamente, richiede un colloquio. In realtà è il colloquio che alla fine ti fa ottenere il lavoro.

Ma è il curriculum che ti fa ottenere il colloquio! Nel mercato odierno in cui molte aziende utilizzano programmi di tracciamento del curriculum, in cui un computer seleziona il tuo curriculum in base a parole chiave; devi stare molto attento a caricare il tuo curriculum con vantaggi. Non devi solo impressionare il datore di lavoro, oggi devi impressionare anche il suo computer! Lo scopo di qualsiasi curriculum, elettronico o meno, è semplicemente quello di ottenere un colloquio.

Quante volte hai pensato: “Se solo avessi incontrato di persona il datore di lavoro, avrei potuto convincerlo che ero la persona giusta per il lavoro!” La tua unica possibilità è comporre un curriculum impressionante, uno che venga notato e ti porti alla porta in modo da poter incontrare il datore di lavoro di persona e ottenere il lavoro.

Vediamo adesso le caratteristiche chiave che deve avere un curriculum per aprirti le porte dell’azienda ad un colloquio ufficiale.

Assegna un nome corretto al tuo CV

Mettiti nei panni del recruiter che deve salvare tutti i CV ricevuti nello stesso file. Rendilo più facile semplicemente nominando il tuo file con il tuo nome e cognome e possibilmente con la posizione di lavoro per cui ti stai candidando.

Sempre più reparti HR aziendali rifiutano tutti i CV in formato Word. Anche se tale pratica può sorprendere e risultare discriminante, la loro argomentazione è chiara: “abbiamo bisogno di persone che tratteranno i nostri dati aziendali con riservatezza”.

Oggi inviare un CV in formato pdf è sinonimo di serietà, un impegno di serietà e di cura per un documento che, dopo tutto, è importante.

Fai attenzione anche al peso del tuo CV, devi evitare tutte le illustrazioni che appesantiscono il tuo CV e, a volte, rendono impossibile l’iscrizione quando clicchi su: “candida”.

Presta attenzione alle sezioni delle abilità

Fatta eccezione per i giovani laureati, o per i precari con innumerevoli piccole esperienze, sempre più recruiter sono contrari alle sezioni competenze estese.

Dal loro punto di vista daranno sempre più credito a una competenza contestualizzata all’interno di un quadro specifico, con vincoli e obiettivi determinati, e un periodo in cui tale competenza è stata implementata.

In altre parole, dire che sai come gestire una squadra, avrà sempre più peso se ci dici in quale contesto sai farlo, in un bar, in una multinazionale? Con quanti e con quali tipologie di collaboratori? E per quali risultati?

In termini di credito concesso, c’è una vera differenza tra citare la competenza “gestionale” in mezzo a una lista di altre competenze, e dettagliare questa stessa competenza dopo aver citato e datato un’esperienza specificando concretamente le proprie responsabilità, i propri contatti e i tuoi risultati (in breve… elementi di contesto).

Parliamo della tua foto

Smettila di illustrare il tuo CV con foto fuori cornice, di scarsa qualità o scattate dal fotografo durante la serata in discoteca.

Per farla breve:

  • Uno sfondo neutro (smetti di scattare foto nel tuo soggiorno, la sera o davanti alle piastrelle del tuo bagno o all’intonaco del tuo terrazzo, ecc.);
  • Buona qualità (nessuna foto troppo pixelata, con colori sbiaditi);
  • Una buona inquadratura (no ai selfie in macchina, alle foto sull’altare della chiesa o di un municipio dove alzi lo sguardo con un sorriso beato; alle foto di dimensioni troppo piccole o sproporzionate rispetto al resto del tuo documento …o anche alle foto del tuo piede davanti alla tua moto o alla tua macchina… (ahimè questa è la vita reale!);
  • Abbigliamento appropriato (evitare abiti senza spalline), preferire abiti professionali. La tua personalità avrà tutto il tempo per esprimersi una volta che sarai in carica, ma per ora devi mettere le probabilità a tuo favore. In attesa di conoscere il dress code dell’azienda dei tuoi sogni, minimizza i rischi;
  • E soprattutto una buona postura: aperta, sorridente e coinvolgente.

Contatti completi e immediatamente visibili

Ogni giorno ai recruiter arrivano ancora CV senza indirizzo e-mail, o con numeri di telefono fuori servizio, o anche quelli in cui devi spazzare lo sguardo su e giù per trovare finalmente il luogo dove poter contattare il candidato.

Mettiti nei panni del lettore e pensa a cosa gli fai vivere come esperienza di reclutamento.

Piccoli consigli:

  • Inserisci spazi tra i tuoi numeri per rendere più facile comporre il tuo numero di telefono;
  • Specifica il tuo ID Skype, questo strumento è sempre più utilizzato dai recruiter (approfittane per adattare la tua foto Skype);
  • Puoi inserire un link al tuo profilo Linkedin;
  • Pensa al marketing e rendi visibile la tua “Call To Action” CTA.

In altre parole, un reclutatore non dovrebbe perdere tempo a sapere come contattarti, dove si trova il tuo telefono e la tua posta.

Sii preciso e concreto

Su questo punto devi essere strategico, devi illustrare il più possibile i tuoi risultati convincenti con indicazioni fattuali, qualitative e quantitative. Devono crederti, immaginarti al lavoro.

Trova elementi di misura per significare e caratterizzare le tue produzioni:

Se sei un centralinista, specifica il numero di linee che gestisci contemporaneamente;

Se sei un responsabile della logistica, parla delle dimensioni della flotta di veicoli o del numero di tour che gestisci, del tipo di merci trasportate e delle diverse persone che gestisci;

Importanti sono anche i risultati raggiunti così come i vincoli gestiti e gli apprendimenti conseguiti.

Pensa a “parole chiave” e risultati … Devono dire “OK è orientato al risultato, KPI, indicatori”.

Strategicamente, devi identificare a monte le competenze e le attività menzionate nell’offerta di lavoro a cui ti stai candidando, quindi inserirle con saggezza nei documenti di candidatura (e-mail, CV e lettera di presentazione).

Frena la fantasia

Loghi, pittogrammi, scale, stelle possono essere belli ma bloccano il tuo curriculum all’ingresso.

Illustrare le tue esperienze con i loghi dei datori di lavoro per cui hai lavorato è ridondante, inutile e peggio, dà al tuo CV una connotazione “obsoleta”.

È lo stesso rispetto ai pittogrammi dello stile della piccola busta davanti al tuo indirizzo e-mail o al telefono per il tuo numero di cellulare e infine e lì è davvero riprovevole sono gli indicatori e le altre stelle che usi per illustrare le tue abilità linguistiche.

Quindi messaggio ricevuto? La cosa migliore è indicare chiaramente il tuo livello per intero e poi specificare i tuoi possibili punteggi (TOEIC, IELTS …). Altrimenti, anche con 5 belle stelle la tua domanda sarà registrata con il livello principiante… peccato No?!

Formattazione semplice, elegante e impeccabile

Come puoi vedere, è meglio scommettere sulla sobrietà e non andare troppo fuori dagli schemi. I reclutatori si orientano e guardano sempre un CV dall’alto verso il basso dall’alto verso sinistra.

Ti consiglio di mantenere uno o due colori, una direzione di lettura dall’alto verso il basso, rispettando l’ordinamento delle tue informazioni in modo anti-cronologico, cioè partendo dalle tue esperienze più recenti (idem per la tua formazione). Quello che ci interessa sono le tue ultime esperienze e non il contrario! Ci sono ancora molti CV che non rispettano questo utilizzo.

Tutti i dettagli sono importanti e devono essere coerenti: carattere, interruzioni di riga, spazi, lettere maiuscole, grassetto, sottolineatura, punteggiatura, punti elenco, ecc.

Con Canva non hai più scuse, ma per favore, se scegli un modello, personalizzalo al minimo.

Stavo per dimenticare l’essenziale che sembra ovvio a tutti, eppure… credimi non è affatto così: l’ortografia!

Ricorda: “La prima funzione di un CV è fornire le informazioni giuste dopo aver fatto desiderare di saperne di più!”



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome