Home Fisco Rimborso Imu 2021: come recuperare le rate per sfratto sospeso

Rimborso Imu 2021: come recuperare le rate per sfratto sospeso

Chiara Arroi
rimborso imu 2021

E’ possibile il rimborso Imu 2021 per quanto riguarda le rate dell’anno d’imposta 2021 nel caso in cui ci sia stata una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020,
la cui esecuzione è sospesa sino al 31 dicembre 2021. E il Ministero dell’economia con un decreto ad hoc (ancora da pubblicare in Gazzetta) ha stabilito le regole per il recupero delle somme della tassa sugli immobili, nel caso in cui un contribuente proprietario di un immobile si trovi in questa situazione.

Per saperne di più sulle imposte per gli immobili consigliamo il volume edito da Maggioli Editore >> La Tassazione degli immobili 2021 <<

In base all’articolo 4-ter, comma 2, del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, i soggetti aventi diritto al rimborso dell’IMU 2021, presentano al comune competente un’istanza di rimborso, in cui vengono dichiarati, sia le generalità del contribuente e i dati identificativi dell’immobile, sia queste voci, che danno diritto al rimborso:

  • possesso dell’immobile;
  • concessione dello stesso in locazione a uso abitativo;
  • estremi del provvedimento con cui è stata ottenuta una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa sino al 30 giugno 2021 oppure una convalida di sfratto per 3 morosità successivamente al 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021;
  • estremi del versamento della prima rata o dell’unica rata dell’IMU riferita all’anno 2021;
  • importo di cui si chiede il rimborso;
  • coordinate bancarie.

Vediamo in dettaglio come ottenere il rimborso delle rate Imu per l’immobile nel caso di sospensione dello sfratto.

Rimborso Imu 2021 per sfratto sospeso: quando avviene

L’articolo 4-ter, comma 1, del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, convertito, con
modificazioni, dalla legge 23 luglio 2021, n. 106, prevede l’esenzione dal versamento dell’imposta municipale propria (IMU) per l’anno 2021 relativa all’immobile posseduto dalle persone fisiche che lo hanno concesso in locazione a uso abitativo e che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è statasospesa sino al 30 giugno 2021.

L’esonero si applica anche alle persone fisiche titolari di un immobile, concesso in locazione ad uso abitativo, che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità successivamente al 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021.

Rimborso Imu 2021 per sfratto sospeso: chi ha diritto

Dal momento che i contribuenti obbligati al versamento Imu per l’anno in corso possono farlo sia in due rate, (la prima entro 16 giugno e la seconda il 16 dicembre) oppure in un’unica soluzione, da versare tutta entro il 16 giugno, a tutti questi soggetti, spetta il rimborso dell’intera somma versata.

Questo purchè questi soggetti siano proprietari di una casa concessa in locazione a uso abitativo, che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa sino al 30 giugno 2021 oppure siano al 30 settembre o al 30 dicembre 2021.

Rimborso Imu 2021 per sfratto sospeso: come richiederlo

I proprietari di immobili aventi diritto al rimborso dell’IMU in caso di sfratti sospesi, devono inviare domanda di rimborso al comune, specificando: 

  • generalità del contribuente;
  • dati identificativi dell’immobile;
  • possesso dell’immobile;
  • concessione dello stesso in locazione a uso abitativo;
  • estremi del provvedimento con cui è stata ottenuta una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa sino al 30 giugno 2021 oppure una convalida di sfratto per 3 morosità successivamente al 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa fino al 30 settembre 2021 o fino al 31 dicembre 2021;
  • estremi del versamento della prima rata o dell’unica rata dell’IMU riferita all’anno 2021;
  • importo di cui si chiede il rimborso;
  • coordinate bancarie.

La dichiarazione Imu 2021

Questi soggetti, come specificato nel decreto, devono attestare il possesso dei requisiti che danno diritto all’esenzione dall’IMU, nonché l’importo del rimborso, nello spazio dedicato alle annotazioni del modello di dichiarazione.

>> Consulta qui il Decreto Mef sul rimborso Imu 2021 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome