Home Lavoro Cassa integrazione: ampliata la platea nel Ristori Quater. Le novità

Cassa integrazione: ampliata la platea nel Ristori Quater. Le novità

Paolo Ballanti
cassa integrazione ristori quater

Le 18 settimane di cassa integrazione dal 13 luglio al 31 dicembre 2020 sono estese a tutti i lavoratori in forza alla data del 9 novembre scorso. Questa la modifica introdotta dal Decreto Ristori Quater (D.l. n. 157/2020) che ha di fatto spostato la data di riferimento rispetto al 13 luglio 2020.

Non solo, i dipendenti in forza al 9 novembre potranno accedere alla nuova tranche di sei settimane, introdotta dal Decreto “Ristori” (D.l. n. 137/2020), riservata alle aziende che abbiano completamente esaurito le diciotto settimane di cui al D.l. “Agosto”.

Facciamo chiarezza analizzando la disciplina nel dettaglio.

Cassa integrazione: 18 settimane con Decreto Agosto

Il Decreto legge n. 104 del 14 agosto 2020 (cosiddetto Decreto “Agosto”) ha riscritto all’articolo 1 l’impianto degli ammortizzatori sociali con causale “COVID-19”.

Vengono infatti previste 18 settimane complessive di sostegno al reddito, dal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2020, per le imprese che sospendono o riducono l’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza COVID-19.

In particolare, i periodi di cassa integrazione vengono riconosciuti attraverso una prima tranche di nove settimane. Alla proroga potranno accedere solo le imprese che hanno esaurito (e per il quale è interamente decorso) il primo periodo autorizzato.

Eventuali domande di cassa richieste ai sensi della normativa precedente, che interessano periodi successivi al 12 luglio 2020 saranno imputati alle nove settimane del Decreto “Agosto”.

Cassa integrazione: costi per le imprese

L’accesso alle prime nove settimane non comporta alcun costo aggiuntivo per le imprese. Discorso diverso per la proroga. In questo caso è richiesto un contributo addizionale da versare all’INPS, calcolato sulla retribuzione globale che sarebbe spettata al dipendente per le ore di lavoro non prestate durante la sospensione o riduzione di orario.

Il contributo è pari a:

  • 9% della retribuzione globale per le imprese che hanno avuto una riduzione del fatturato nel primo semestre 2020 inferiore al 20% rispetto allo stesso periodo del 2019;
  • 18% della retribuzione globale per le imprese che non hanno subito alcun calo di fatturato.

Nulla è dovuto per le imprese che hanno visto ridursi il volume d’affari in misura superiore al 20% ovvero hanno avviato l’attività in epoca successiva al 1º gennaio 2019.

>> Rinnovo cassa integrazione nel 2021: novità in Legge di bilancio

Ammortizzatori sociali inclusi

Le 18 settimane del Decreto “Agosto” interessano gli eventi di Cassa integrazione ordinaria, assegno ordinario erogato dal FIS e Cassa integrazione in deroga, richiesti con causale “COVID-19”.

Limitatamente agli operai e impiegati a tempo indeterminato dipendenti di imprese agricole è previsto l’intervento della Cassa integrazione speciale operai agricoli (CISOA) per un massimo di cinquanta giorni dal 13 luglio 2020 al 31 dicembre 2020.

Lavoratori in forza al 13 luglio 2020

Prima dell’intervento del “Ristori-quater” le diciotto settimane di ammortizzatori previste dal Decreto “Agosto” erano estese ai soli lavoratori in forza al 13 luglio 2020.

Cassa integrazione: novità Ristori Quater 

Il Decreto legge n. 157 del 30 novembre 2020 (cosiddetto Ristori Quater) prevede all’articolo 13 che i trattamenti di Cassa integrazione disciplinati dal Decreto “Agosto” siano applicabili anche ai lavoratori in forza alla data del 9 novembre 2020, data di entrata in vigore del Decreto “Ristori-bis”.

La misura, pertanto, amplia notevolmente la platea dei possibili beneficiari degli strumenti di sostegno al reddito, aprendo anche a chi è in forza al 9 novembre l’accesso alle diciotto settimane previste dal Decreto n. 104.

Cassa integrazione: altre 6 settimane col dl Ristori

In considerazione del protrarsi dell’emergenza epidemiologica, il Decreto legge n. 137 del 28 ottobre 2020, o meglio, il Decreto Ristori ha previsto altre 6 settimane di ammortizzatori sociali con causale “COVID-19” nel periodo compreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021.

Possono accedere agli ammortizzatori del “Ristori” le sole aziende che abbiano esaurito le precedenti diciotto settimane del Decreto “Agosto”, nonché i datori di lavoro appartenenti ai settori interessati dal Decreto del Presidente del consiglio dei ministri (DPCM) del 24 ottobre 2020.

>> Tredicesima 2020: come funziona per chi è in cassa integrazione

L’accesso alle sei settimane è soggetto al contributo addizionale, calcolato sulla retribuzione globale spettante per le ore non prestate a seguito della riduzione o sospensione dell’attività lavorativa, in misura pari a:

  • 9% della retribuzione globale per le aziende hanno subito una riduzione del fatturato nel primo semestre 2020 inferiore al 20% rispetto allo stesso periodo del 2019;
  • 18% della retribuzione globale per le imprese che non hanno subito alcun calo di fatturato.

Il contributo non è dovuto per le imprese che hanno visto ridursi il volume d’affari in misura superiore al 20%, hanno avviato l’attività in epoca successiva al 1º gennaio 2019 ovvero appartengono ai settori interessati dal DPCM del 24 ottobre 2020.

I destinatari delle sei settimane sono tutti i lavoratori dipendenti in forza alla data del 9 novembre 2020, a seguito della modifica intervenuta ad opera del Decreto “Ristori-bis” (D.l. n. 149 del 9 novembre 2020).

Cassa integrazione: regole anzianità di servizio

Ricordiamo che l’accesso agli ammortizzatori sociali con causale “COVID-19” è previsto per i lavoratori dipendenti a prescindere dal requisito dell’anzianità di servizio presso l’unità produttiva interessata dalla Cassa, normalmente richiesto in misura pari a novanta giorni.

Cassa integrazione: trasferimento d’azienda

Ai fini del rispetto del requisito del 9 novembre 2020, nelle ipotesi di trasferimento d’azienda o di subentro presso la nuova ditta nei casi di cambio d’appalto, si considerano anche i periodi in cui il dipendente è stato in forza presso il precedente datore di lavoro, come chiarito dalla circolare INPS n. 47 del 28 marzo 2020.

Libri ed E-book utili:

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ - e-Book

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E CONTRATTI DI SOLIDARIETÀ - e-Book

Sara di Ninno, Massimiliano Matteucci, Lorenzo Sagulo, a cura di Paolo Stern , 2020, Maggioli Editore

Mai come in questo periodo il tema degli ammortizzatori sociali è stato così sentito dall’intero sistema produttivo. In occasione della pandemia Covid19 ed alle conseguenti chiusure degli esercizi commerciali e dei siti produttivi il ricorso agli ammortizzatori sociali ha coinvolto...





© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome