Home Fisco Modello 730 precompilato al via: calendario e istruzioni sulle correzioni

Modello 730 precompilato al via: calendario e istruzioni sulle correzioni

modello 730 precompilato

Al via da oggi, lunedì 15 aprile, il modello 730 precompilato. Si apre così ufficialmente la stagione della dichiarazione dei redditi. Sarà disponibile online da oggi pomeriggio per la consultazione. L’invio poi partirà il 2 maggio e fino al 2 luglio. Oltre al 730, anche il modello Redditi precompilato può essere modificato dal 2 maggio, ma potrà essere trasmesso dal 10 maggio al 30 settembre 2019.

L’Agenzia ha inserito nei modelli quelli inviati dagli enti esterni (come studi medici, farmacie, banche, assicurazioni, università, ecc.) e dai datori di lavoro tramite le certificazioni uniche.

Vediamo in breve le istruzioni delle Entrate sulle correzioni da effettuare e le novità introdotte per il nuovo modello 730 precompilato.

“Dichiarazione dei redditi 2019: elenco detrazioni e deduzioni”

Modello 730 precompilato: come consultarlo online

Vediamo di seguito i passi da seguire per poter consultare online, da oggi 15 aprile 2019, la Dichiarazione dei redditi precompilata (Modello 730 e Redditi).

  • innanzitutto occorre essere in possesso delle credenziali di accesso. Le porte della dichiarazione si aprono tramite Spid, il sistema unico di accesso ai servizi online della pubblica amministrazione.
  • vanno bene anche le credenziali fornite dall’Agenzia delle Entrate per utilizzare i servizi telematici (Fisconline) e quelle rilasciate dall’Inps.
  • Infine, è possibile accedere tramite Carta nazionale dei servizi (Cns).
  • Una volta entrati nella propria area riservata sarà possibile controllare nel dettaglio tutti i dati e, dal 2 maggio, accettare la dichiarazione così com’é o integrarla/modificarla prima dell’invio. Per queste operazioni resta la possibilità di rivolgersi a un Caf o delegare un professionista.

Si potranno quindi effettuare correzioni a partire dal 2 maggio.

“Dichiarazione redditi, il Fisco invita a regolarizzare gli errori: come fare”

Modello 730 precompilato: novità su detrazioni e deduzioni

Novità 2019 è la possibilità di scegliere la modalità di compilazione semplificata, in alternativa alla modalità tradizionale, per modificare in maniera guidata tutto il quadro E della dichiarazione, per esempio per aggiungere un onere detraibile o deducibile che non compare tra quelli già inseriti dall’Agenzia o modificare gli importi delle spese sostenute.

Con la novità di quest’anno, che sarà disponibile a partire dal 10 maggio, diventa possibile intervenire in modalità guidata su tutti i dati del quadro, aggiungendo, eliminando o modificando, tra gli altri, anche gli importi relativi alle spese che danno diritto agli sconti fiscali per le ristrutturazioni, per il risparmio energetico, per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici e al bonus verde.

Una volta fatte le modifiche, sarà il sistema a ricalcolare in automatico gli oneri detraibili e deducibili, sulla base dei nuovi dati e di eventuali limiti previsti dalla legge, e a inserire il totale nei campi del quadro E.

“Dichiarazione redditi 2019: cosa sapere su agevolazioni ristrutturazioni case”

Modello 730 e Redditi precompilati: il calendario

Il calendario della Dichiarazione dei reddito comincia dal pomeriggio di oggi 15 aprile 2019, con la precompilata sarà disponibile sia per chi presenta il 730 sia per chi presenta Redditi. A partire da questa data il contribuente e i soggetti delegati potranno visualizzare la dichiarazione e l’elenco delle informazioni disponibili, con l’indicazione dei dati inseriti e non inseriti e delle relative fonti informative. Il 730 potrà essere inviato a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio 2019. Anche il modello Redditi precompilato può essere modificato dal 2 maggio, ma potrà essere trasmesso dal 10 maggio al 30 settembre 2019.

Per saperne di più sulla Dichiarazione dei redditi consigliamo questo volume:

Guida ai rimborsi da dichiarazione dei redditi

Guida ai rimborsi da dichiarazione dei redditi

Antonina Giordano, 2019, Maggioli Editore

Nel nostro ordinamento tributario, la tensione tra Fisco e contribuente raggiunge livelli particolarmente elevati quando si tratta di procedure di rimborso, soprattutto nel caso di quelle relative al rimborso da dichiarazione dei redditi. Nel volume i complessi e, talvolta, controversi risvolti...



 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome