Home Fisco Def: monito da Corte dei Conti e Istat. Preoccupa stallo politico e...

Def: monito da Corte dei Conti e Istat. Preoccupa stallo politico e dazi USA

aumento iva

Il Documento di economia e finanza (Def) è al centro del dibattito. Sul tema, il Presidente della Corte dei Conti Angelo Buscema, è intervenuto  in audizione davanti alle Commissioni speciali di Camera e Senato attraverso un corposo monito: “Non sottovalutare la precarietà dell’assetto del nostro sistema fiscale che, in questi anni segnati dall’urgenza di reperire risorse nell’immediato ai fini del riequilibrio dei conti pubblici, si è progressivamente allontanato dai principi di fondo cui esso dovrebbe ispirarsi”. Senza mezzi termini, il Presidente della Corte dei Conti chiede maggiore equità, conseguibile grazie ad una “più strutturale rivisitazione del sistema impositivo”, per poi aggiungere: “Il quadro che emerge dal Def 2018, pur testimoniando i progressi ottenuti nell’azione di risanamento, rimane ancora complesso. Il difficile percorso che ci attende non consente cedimenti o rallentamenti, ma richiede scelte coerenti”.

Il Ministro Pier Carlo Padoan, durante la presentazione del Def, punta il dito contro lo stallo politico post-elettorale e le conseguenze che potrebbe suscitare: “L’eventuale protrarsi della fase di incertezza politica nel Paese è potenzialmente in grado di frenare in particolare la diffusa ripartenza degli investimenti”. Il Ministro dell’Economia, inoltre, evidenzia un altro punto critico: “il rischio più significativo per le previsioni di crescita arriva invece dai dazi posti dagli Stati Uniti” – e continua – “L’Italia è nelle condizioni per proseguire nell’irrobustimento strutturale della crescita, dell’aumento dell’occupazione, dell’inclusione sociale e nel rafforzamento delle finanze pubbliche e nella riduzione della pressione fiscale”. E a proposito del tanto discusso aumento dell’Iva, ammette davanti ai parlamentari: “Come già avvenuto negli anni scorsi il rialzo dell’Iva può essere evitato e il gettito atteso può essere sostituito da misure alternative mediante futuri interventi legislativi, per esempio con la Legge di Bilancio 2019”.

Anche il Presidente dell’Istat Giorgio Alleva, ha preso la parola davanti alle Commissioni speciali, asserendo che ad aprile si sono confermati “segnali di decelerazione, che prospettano uno scenario di minore intensità della crescita”. E si è mostrato particolarmente preoccupato in merito alla cosiddetta “guerra dei dazi”: “La dinamica più contenuta degli scambi internazionali influirebbe negativamente sulla crescita complessiva del sistema economico, determinando una diminuzione del Pil di 0,3 punti percentuali rispetto allo scenario base: le esportazioni registrerebbero un rallentamento significativo, diminuendo di 1,1 punti, le importazioni di 0,3 punti”.

Tutti i partiti si dicono concordi sulla necessità di disinnescare l’aumento dell’Iva al 24,2% e proprio su questo, il Vice Direttore generale di Bankitalia Luigi Signorini, ha voluto enunciare il suo punto di vista, mettendo in guardia chi sottovaluta il debito pubblico: “Per evitare gli aumenti Iva, bisogna trovare nuove entrate o ridurre la spesa. No a ricorso al deficit”, per poi ricordare che il debito pubblico italiano nell’eurozona è inferiore solo a quello greco.

Scopri cosa prevede il Documento di economia e finanza 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome