Saldo Iva 2017

L’Agenzia delle Entrate ha approvato, con il provvedimento del 15 gennaio, i nuovi modelli di Dichiarazione IVA: il modello ordinario (con istruzioni) e il modello base (con istruzioni).

Le novità relative al 2018 riguardano il frontespizio e i quadri VG, VX e VK, vediamole nel dettaglio:

  • per quel che riguarda l’Iva di gruppo:
    • dati anagrafici: eliminato il campo della firma del rappresentante della società controllante in caso di liquidazione Iva di gruppo, a seguito delle disposizioni della Legge di Bilancio 2017,
    • quadro VG: introdotti due nuovi spazi, “ingresso” e “fuoriuscita” per gestire i casi di adesione o abbandono sin dall’inizio di ciascun anno d’imposta,
    • quadro VX: nuovi righi (VX7 e VX8) per riportare l’Iva dovuta o a credito delle controllate da trasferire alla controllante.
    • quadro VK: aggiunto il rigo VK28 per l’indicazione dei dati relativi all’acconto, che ciascuna società partecipante comunica alla controllante per il calcolo dell’acconto complessivo,
  • per l’Iva “non di gruppo”:
    • quadro VJ: rinominato il rigo VJ18 per cessioni e degli acquisti effettuati con lo split payment,
    • quadro VH: da compilare esclusivamente per inviare, integrare o correggere i dati omessi, incompleti o errati nelle comunicazioni delle liquidazioni periodiche,
    • quadro VL: al rigo VL30, oltre all’imposta versata risultante dalle liquidazioni periodiche, accoglie un nuovo campo per l’indicazione dell’importo dovuto,
    • quadro VO: inserito il rigo VO26, destinato alle imprese minori per comunicare l’opzione finalizzata a tenere i registri Iva senza le annotazioni relative a incassi e pagamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome