ISEE

Da oggi è possibile presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini ISEE 2018. A comunicarlo è l’Inps con un comunicato, ricordando che la presentazione di una nuova DSU è necessaria per ottenere il rilascio dell’ISEE di quest’anno.

Cos’è la DSU

La DSU, ovvero Dichiarazione Sostitutiva Unica, è un documento con i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali di un nucleo familiare che può essere presentato a:

  • enti che erogano le prestazioni sociali agevolate,
  • Comuni,
  • CAF,
  • Inps (online).

All’interno della Dichiarazione vanno inseriti:

  • i dati relativi al nucleo familiare aggiornati alla data di presentazione,
  • Il nucleo familiare è quello alla data di presentazione della dichiarazione. I redditi da dichiarare sono riferiti al secondo anno solare precedente la presentazione della DSU, mentre il patrimonio mobiliare e immobiliare è quello posseduto alla data del 31 dicembre dell’anno precedente a quello di presentazione della DSU.

L’aggiornamento di tale dichiarazione permette il rilascio del nuovo ISEE, utile ai cittadini per le agevolazioni su prestazioni sociali e servizi pubblici.

Ricordiamo che per continuare a usufruire delle prestazioni sociali richieste e assegnate negli anni precedenti (per esempio: il bonus Bebè), bisogna presentare una nuova DSU per ottenere il rilascio del nuovo ISEE per l’anno 2018.

ISEE 2018, come richiederlo

Per  fare richiesta dell’ISEE 2018, come dicevamo, è necessario presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica compilata all’ente che eroga la prestazione.

La domanda per l’ISEE può essere fatta in ogni momento dell’anno, ma la validità del documento scadrà in ogni caso il 15 gennaio dell’anno successivo a quello del rilascio.

Come richiedere l’ISEE sul sito Inps

L’ISEE può essere richiesto direttamente sul sito dell’Inps, nella sezione Servizi online – Servizi per il cittadino, accedendo con il Pin dispositivo.

Segnaliamo la lettura di

Applicare la legge 104/1992

Applicare la legge 104/1992

Marta Bregolato, 2015, Maggioli Editore

Questa nuovissima Guida pratica sull’applicazione della Legge n. 104/92 - Legge-quadro dedicata interamente alle persone affette da handicap (diritti per l’integrazione sociale, per assicurarne l’assistenza e la tutela e per l’inserimento nel campo della formazione...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


2 COMMENTI

  1. l’affitto che pago per mia figlia, la quale è senza reddito e studia fuori regione di residenza (Cosenza-Roma) ai fini della determinazione del valore ISEE, può essere preso in considerazione? Credo che possa essere valido lo stesso principio che riconosce l’affitto per la prima casa di abitazione (perchè di questo si tratta) ma il CAF sostiene di no.
    Grazie per l’attenzione

  2. Salve vorrei fare una domanda posso rinnovare idee non avendo contratto di affitto visto che sono in cerca di una casa il vecchio contratto è stato annullato il 23/12/ 17 alloggio in affitta camera grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome