Mastermind Group

Ultimamente si sente molto parlare di Mastermind Group: incontri di mentoring peer-to-peer tra le menti migliori sono nati nella metà degli anni Venti del secolo scorso e hanno il nome di “Mastermind Group”, termine coniato dal famoso Napoleon Hill, l’autore del famosissimo “Pensa e Arricchisci te stesso”.

Un Mastermind è un gruppo, coordinato da un facilitatore che porta know how e supporto, a cui partecipano (dal vivo o virtualmente) professionisti con interessi e obiettivi simili, o complementari, per innalzare il proprio livello di eccellenza supportandosi l’un l’altro, facendo brainstorming, confrontandosi, facendo l’avvocato del diavolo e sfidandosi l’un l’altro in una sana competizione nel conseguimento dei loro obiettivi, diventando così catalizzatori di energia positiva, sinergie, e opportunità di sviluppo.

Le persone di successo sono molto attente alla scelta delle proprie frequentazioni, perché sanno che per realizzarsi professionalmente sono importanti gli strumenti pratici ma lo sono altrettanto (se non di più) la motivazione che spinge ad agire e l’approccio mentale costruttivo. Per questo, da sempre creano regolari occasioni di incontro formale o informale con i loro simili, per confrontarsi l’un l’altro, scambiarsi idee, opportunità e trovare sinergie e confronto per far crescere la propria attività e lavorare sul proprio sviluppo personale.

Io credo moltissimo nel valore che un professionista può apportare e ricevere da un gruppo e sono sempre affamata di conoscenza e innovazione, così, in un momento in cui volevo cambiare impostazione al mio lavoro, mi sono iscritta a un Mastermind Group di Business on line coordinato da una coach americana. Sapevo bene che, se da un lato tanto quello che apprendo è da declinare per il contesto italiano, dall’altro ho invariabilmente appurato che quello che ho vissuto negli USA l’ho ritrovato tempo dopo anche in Italia.

Come funziona esattamente un Mastermind?

Non ci sono regole fisse e predefinite e ognuno ha la sua impostazione e le sue specificità, che riflettono la personalità e l’approccio del coordinatore.

Noi ci incontriamo una volta alla settimana e in ogni incontro si sviluppa un tema. Delle volte vengono esposte nuove metodologie di lavoro, altre arrivano ospiti a trattare un tema particolare. Sempre, ogni partecipante è invitato a condividere i successi della settimana, portare un caso sul quale riceve aiuto e feedback dai colleghi, questo porta il gruppo ad alzare sempre più il livello di eccellenza, raggiungendo così delle vette che, operando in autonomia, sarebbe molto difficile (se non impossibile) raggiungere.

Concretamente, che beneficio si può trarre per se stessi e per il proprio business, a qualunque stadio si trovi ? Posso dirti cosa ne ho tratto io!

  1. Accountability e pungolo: la prima ragione per cui consiglierei qualsiasi persona che ha un business di unirsi a un Mastermind è perché ad ogni incontro devo dichiarare i miei obiettivi delle settimana, ad ogni incontro successivo mi si chiede di rendere conto delle azioni che ho fatto per realizzarlo. Questo fatto, da solo, mi porta automaticamente ad essere super focalizzata e a fare molto di più di quanto non farei in autonomia, evitando qualsiasi forma di procrastinazione.
  2. Ispirazione: le esperienze e le conoscenze delle mie colleghe e della mia coach mi sono d’ispirazione molto oltre le mie aspettative.
  3. Confronto di idee: ho la possibilità di confrontarmi con altre persone con le quali condivido la volontà di far crescere il mio business, e ottenere (o fornire a mia volta)  risposte e  feedback di persone competenti che non solo sono disinteressate quando ti danno consigli, sono addirittura mie fan. Il bello è che sono persone che si trovano o si sono trovate nella mia situazione e possono capirmi come nessuno.  Inoltre, non sono nè miei clienti e né concorrenti, ma mie alleate che  possono rivelarsi stupefacenti consulenti, fornendomi prospettive a cui non avrei mai pensato.
  4. Collaborazione: il mio Mastermind Group non è solo un luogo in cui ci si scambiano idee, ma anche quello in cui nascono collaborazioni e possibili Joint Ventures per progetti, attività e reciproca promozione.
  5. Nuove competenze: il Mastermind Group è anche un ambiente fantastico per acquisire nuove competenze. E questo grazie al mentoring della mia coach che spiega tecniche e strumenti innovativi per lo sviluppo del business,  grazie agli ospiti che intervengono per trattare temi specifici, grazie al know how delle altre partecipanti, che hanno attività estremamente diversificate e con specializzazioni in molte aree diverse o complementari alla mia. Lo scambio di competenze diventa un arricchimento di valore inestimabile.
  6. Rete: nel mio Mastermind ho trovato un network di supporto immediato e di grandissimo valore. Mi basta postare un quesito o formulare la mia domanda in call per ricevere aiuto dalla mia coach e da tutto il gruppo. Per qualsiasi cosa, c’è sempre qualcuno in grado di rispondermi, di segnalare un sito, un post o di mettermi in contatto con la persona giusta.
  7. Supporto: le persone che hanno un business in proprio si trovano spesso a prendere decisioni in solitudine e non hanno con chi condividere costruttivamente difficoltà e stati d’animo. Dopo ogni call del Mastermind Group sono sempre sorpresa dalla quantità e dalla qualità di aiuto e soluzioni che ognuna di noi riceve per i temi che porta sul tavolo. Non smetto di stupirmi di quanto possa essere stimolante affrontare le questioni di ognuna di noi, incoraggiandoci nei momenti di demotivazione e di difficoltà che ognuna di noi incontra, dando quel senso di fiducia che stai facendo le giuste azioni per raggiungere i tuoi obiettivi, e che hai sempre qualcuno su cui contare.

 

Chi dovrebbe partecipare a un Mastermind Group?

Io consiglio vivamente di partecipare a un Mastermind Group a tutti i professionisti e imprenditori che:

  • vogliono raggiungere e superare i loro obiettivi professionali, sia che si tratti di far nascere un nuovo business o di portare un business esistente ad un nuovo livello;
  • vogliono affrontare costruttivamente  cambiamenti e hanno voglia di buttarsi in tutto e per tutto, prendendosi l’impegno con i membri del gruppo (oltre che con se stessi);
  • nella realizzazione di un progetto, vogliono ricevere supporto, aiuto e confronto da partner d’eccellenza; vogliono trarre arricchimento dal confronto con altri professionisti con interessi e competenze analoghe o complementari;
  • vogliono dedicarsi con impegno ed auto responsabilizzazione a dare e ricevere supporto.

Come sarebbe se anche tu potessi avere più successo nel tuo lavoro, semplicemente condividendo il tuo tempo con altre persone di valore e motivate come te a conseguire obiettivi importanti, ed usufruendo del know-how di un professionista dedicato a te?

Se hai trovato utile questo articolo, mi farai in regalo a condividerlo e se vuoi approfondire o fare chiarezza sui tuoi prossimi traguardi, prenota QUI >>> una Strategy Call con me.

Resto in ascolto!

Angela

 

Volume consigliato:

Codice  Tributario 2017

Codice Tributario 2017

Paolo Pompei e Matteo Pompei, 2017, Maggioli Editore

Il Codice – aggiornato con le più recenti novità legislative, tra cui si segnalano il Decreto fiscale (Decreto Legge 22 ottobre 2016, n. 193 convertito in Legge 1° dicembre 2016, n. 225) e la Legge di bilancio 2017 (Legge 11 dicembre 2016, n. 232) – è...




CONDIVIDI
Articolo precedenteNaspi: con l’indennità di disoccupazione si può lavorare
Articolo successivoNuova Agenzia delle Entrate-Riscossione, a rischio la partenza

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here