730 precompilato 2017

Dichiarazione Precompilata 2017: online da poche ore, il modulo predisposto dal Fisco sulla base dei dati inviati dai contribuenti si presenta ancora privo di alcuni importanti bonus fiscali, in particolare quelli relativi alle spese per i figli quali scuola e attività sportive.

Scarica qui la Circolare dell’Agenzia delle Entrate

730 Precompilato: Farmaci da Banco e Veterinari

La prima novità inserita nella Precompilata 2017 è quella sui farmaci: grazie all’invio dei dati al Sistema Tessera Sanitaria, avvenuto negli scorsi mesi, da parte dei contribuenti, ad oggi è possibile visionare la spesa complessivamente sostenuta dagli stessi direttamente in compilazione, inclusa quella mirata all’acquisto dei farmaci c.d. da banco. Inoltre, si ritroveranno in compilazione anche i dati, a suo tempo forniti, relativi alle spese mediche sostenute per farmaci e visite veterinarie.

Occhiali da vista e lenti a contatto

Ancora novità: sono detraibili anche i costi sostenuti per assistenza psicologica, infermieristica e ostetrica, nonché per le visite radiologiche e tecniche sanitarie, e, finalmente, anche per gli occhiali da vista e lenti a contatto acquistati da ottici, purché siano certificate.

Tutte le altre informazioni che si troveranno nella Precompilata sono da attribuirsi al sistema del Servizio Sanitario Nazionale, e alle strutture accreditate ad esso; nonché ad enti o casse con finalità assistenziali.

Precompilato online: contributi per pensione, assicurazione, mutui

Nella Dichiarazione Precompilata 2017, poi, si troveranno anche i riferimenti ai contributi versati per fondi pensionistici, oltre a quelli versati per il lavoro domestico, dato già comunicato dall’Inps all’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, sono già inclusi gli interessi passivi sui mutui, scontabili al 19% fino ad un massimo di 4mila euro. Con lo stesso tasso di sconto, risulteranno detraibili anche le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni.

Funerali entro i 1550 euro

Limitatamente saranno detraibili le spese funebri, coperte solo per il servizio standard: in caso di prestazioni aggiuntive da parte dell’impresa di pompe funebri, infatti, il contribuente dovrebbe aggiungere le spese detraibili, ma solo qualora la somma complessiva sia inferiore ai 1550 euro per evento funebre.

Per approfondire, SPECIALE 730 PRECOMPILATO

Diritto allo Studio: mancano detrazioni asili nido e attività sportive

Infine, se da una parte sono già inserite le tasse d’iscrizione e le tasse regionali comunicate dalle università pubbliche e da quest’anno anche private, in quanto detraibili, dall’altra mancano altre informazioni fiscali in merito alle spese scolastiche e da attività sportiva per ogni figlio: dovrebbero essere inserite nella precompilata a partire dal 2018 le rette pagate dai genitori per la frequenza degli asili nido, pubblici e privati, per un importo non superiore ai 632 euro annui per ogni figlio. Assenti poi le detrazioni per le spese, fino a 210 euro, sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento ad associazioni sportive di ragazzi d età compresa tra i 5 e i 18 anni. Sono, invece, inseriti i rimborsi delle spese universitarie erogati dagli enti di diritto allo studio, ma non i dati relativi ai canoni di affitto degli studenti universitari fuorisede a carico dei genitori.

Bonus Casa ed Ecobonus

Sulla scorta dei bonus fiscali per ristrutturazioni e acquisto della prima casa, arrivano i dati precompilati anche relativamente a ciò: interventi di ristrutturazione, risparmio energetico sulle parti comuni comunicato dagli amministratori di condominio saranno detraibili già in forma precompilata. Idem per i lavori in casa: in caso di spese sostenute nel 2016 per il risparmio energetico (65%) i dati saranno presenti nel foglio informativo, mentre le rate successive di spese sostenute in anni precedenti verranno inserite nella precompilata. Così anche per le spese di ristrutturazione.

Mancano poi le detrazioni relative agli assegni periodici disposti dal giudice a favore dell’ex coniuge.

DECRETO FISCALE 2017

DECRETO FISCALE 2017

Giuseppe Debenedetto - Vincenzo Giannotti, 2016, Maggioli Editore

Il 24 novembre 2016 è stato definitivamente convertito, con modificazioni, il Decreto-Legge n. 193 del 22/10/2016 recante “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” (cd. Decreto fiscale 2017). Il provvedimento introduce...




CONDIVIDI
Articolo precedenteRottamazione Cartelle: cosa sapere prima della scadenza del 21 aprile
Articolo successivoGomme invernali: cosa fare se non hai ancora fatto il cambio

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here