Detrazione Spese Veterinarie

Nella Dichiarazione Precompilata 2017, tra le spese mediche, possono essere inserite anche le spese veterinarie sostenute per l’acquisto dei farmaci e la cura dei propri animali domestici. Le stesse sono detraibili. Tuttavia, devono sussistere alcune condizioni. Vediamole insieme.

Sei interessato alla materia fiscale? Scarica qui il nostro ebook!

Spese Veterinarie: come e quando detrarle?

In particolare, sono detraibili solo le spese sostenute nei confronti di animali legalmente detenuti in casa, sia a scopo di compagnia che per pratica sportiva. Ciò significa che i propri cani devono essere iscritti all’anagrafe, oppure si deve essere in possesso del libretto veterinario.

Detrazione Irpef: a quanto ammonta lo sconto fiscale?

Solo in questi casi, quindi, il contribuente potrà detrarre il 19% dell’imposta IRPEF, nel limite massimo di 387,34 euro, e sempre che l’importo ecceda i 129, 11 euro. Questo tetto è unico, indipendentemente dal numero di animali posseduti dal medesimo contribuente.

Come Detrarre dalle Tasse le Spese Veterinarie?

Non spetta, invece, alcuna detrazione per gli animali tenuti nell’esercizio di attività commerciali o agricole o destinati alla riproduzione o consumo alimentare. Stessa sorte per le spese finalizzate all’acquisto di mangimi speciali e per antiparassitari, non essendo tali prodotti classificati come farmaci veterinari da parte del Ministero della Salute.

Ai fini appena esposti, è necessario esibire lo scontrino fiscale “parlante”, mentre non è richiesto ai contribuenti di conservare la prescrizione medica.

Per poter beneficiare della detrazione fiscali, tuttavia, è necessario che i contribuenti abbiano reso noti i dati relativi alle spese suddette alle strutture autorizzate alla “vendita al dettaglio dei medicinali veterinari”, soggetti all’obbligo di trasmissione telematica dei dati dalla Legge di Stabilità 2016, di modo che questi possano averli inviati al Sistema Tessera Sanitaria ai fini della predisposizione della dichiarazione dei redditi precompilata.

  • Per leggere la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate, clicca qui.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma Madia, in arrivo 2.000 Nuove Assunzioni nella Pubblica Amministrazione
Articolo successivoCodice della Strada: cosa si rischia con la targa falsa o alterata?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here