Fisco Intra-2

Mentre oggi scade il termine per perfezionare l’invio degli Intrastat Acquisti e Vendite, in relazione al IV trimestre 2016, ci si chiede quale sarà la sorte dei c.d. modelli INTRA-2.

Modelli Intra-2: quale sarà la sorte?

La loro indicazione, infatti, non rientra tra gli obblighi compilativi dello spesometro 2017 né di quelli della comunicazione Iva, insieme all’indicazione delle comunicazioni black list (anch’essa eliminata).

Intra-2: Oggi la scadenza per la comunicazione del IV trimestre 2016

È bene precisare, comunque, che la soppressione dell’obbligo di comunicazione non vale per l’adempimento previsto per oggi, ovvero quello relativo al quarto trimestre e del mese di dicembre del 2016, a carico dei soggetti IVA nei confronti dell’Agenzia delle Dogane.


 Dal 1° gennaio 2017 tutte le comunicazioni concernenti gli acquisti intracomunitari di beni e le prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell’Unione europea sono soppresse (articolo 4, comma 4, lett. b) del D.L. 193/2016).

Obblighi Comunitari, Regolamento UE: gli elenchi riepilogativi degli Intra-2

Tuttavia, i suddetti dati verranno utilizzati solo a scopo statistico, e quindi forniti all’interno di elenchi riepilogativi all’Agenzia delle Entrate. Ciò in ottemperanza al Regolamento comunitario n. 2004/638/CE, che obbliga tutti i soggetti passivi Iva che effettuano scambi intracomunitari in valore superiore alle soglie fissate annualmente dagli Stati alla loro comunicazione.

È da considerarsi, quinid, parziale l’abolizione del modello Intra-2, perlomeno relativamente alla loro utilità statistica. Si legge nella Scheda Dossier relativa al decreto legge: “sono solo semplificati gli adempimenti connessi alla presentazione all’Agenzia delle Dogane degli elenchi riepilogativi degli acquisti e delle prestazioni di servizi intracomunitari”.

DECRETO FISCALE 2017

DECRETO FISCALE 2017

Giuseppe Debenedetto - Vincenzo Giannotti, 2016, Maggioli Editore

Il 24 novembre 2016 è stato definitivamente convertito, con modificazioni, il Decreto-Legge n. 193 del 22/10/2016 recante “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” (cd. Decreto fiscale 2017). Il provvedimento introduce...




CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Partito democratico e l’abuso di democrazia
Articolo successivoIl pedone ha (quasi) sempre ragione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here