Home Professioni Avvocati Esame avvocato 2016: oggi la seconda prova scritta. Cosa sapere

Esame avvocato 2016: oggi la seconda prova scritta. Cosa sapere

concorso agenzia delle entrate

Esame di abilitazione alla professione forense 2016: tutto pronto per l’inizio della seconda prova scritta. Oggi, 14 dicembre, gli aspiranti avvocati sono chiamati alla redazione di un parere penale motivato. Le tracce della seconda prova dovrebbero essere rese disponibili nel primo pomeriggio, mentre domani i candidati dovranno sostenere la terza prova scritta.

Compendio di Diritto processuale civile

Compendio di Diritto processuale civile

• Riferimenti dottrinali e giurisprudenziali

Anna Costagliola, 2016, Maggioli Editore
25.00 € 23.75 €

Ieri la prima prova di diritto civile: la prima traccia verteva sulla responsabilità civile derivante da attività pericolose ( ex art. 2050 c.c.) e la responsabilità medica; la seconda sull’istituto della donazione e sui suoi requisiti formali.

Vediamo allora tutto quello che c’è da sapere sulla seconda prova scritta dell’esame avvocato 2016.

La seconda prova scritta di oggi

Quella che gli aspiranti avvocati si trovano ad affrontare oggi è la seconda prova scritta dell’esame di abilitazione alla professione forense. A partire da stamattina, i candidati dovranno completare la redazione di un parere motivato, da scegliersi tra due questioni in materia regolata dal codice penale.


I candidati hanno sette ore di tempo per completare la prova dal momento della dettatura del tema.

Quali requisiti deve presentare la prova?

I candidati che affrontano la seconda prova oggi dovranno esprimere un parere legale sul caso specifico scelto, adottando la linea difensiva migliore per il loro assistito.

Fermo restando che (per l’ultimo anno) ci si potrà avvalere dell’aiuto dei codici annotati, sarà sicuramente necessario supportare le proprie argomentazioni, esposte in modo chiaro e lineare, con le ultime sentenze della Corte di Cassazione.

La terza prova scritta di domani 15 dicembre

Come previsto dal bando di concorso del Ministero della Giustizia, gli aspiranti avvocati dovranno affrontare un’ultima prova scritta domani.

È prevista la redazione di un atto giudiziario “che postuli conoscenze di diritto sostanziale e di diritto processuale”. Gli aspiranti avvocati potranno scegliere tra quesiti di diritto privato, diritto penale e diritto amministrativo.




© RIPRODUZIONE RISERVATA


CONDIVIDI

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome