Modello Unico 2016

Il termine ultimo per presentare il modello unico 2016 (per via telematica) è oggi 30 settembre, a questo si aggiungono altre scadenze fiscali, vediamo quali.

Scadenza Unico 2016, oggi ultimo giorno

Approfondisci con lo speciale MODELLO UNICO: NUOVO CALENDARIO FISCALE

I cittadini interessati a presentare entro oggi la dichiarazione dei redditi telematicamente sono, oltre alle società di persone, società di capitali ed enti non commerciali, anche le persone fisiche che nel 2015 hanno avuto:

  • redditi di lavoro autonomo con partita IVA;
  • redditi non compresi nel modello 730;
  • redditi d’impresa;
  • redditi provenienti da “trust”;
  • plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o non qualificate.

Tra i contribuenti che devono ricordare la scadenza di oggi ci sono anche quelli che nel 2015 o attualmente:

  • non sono residenti in Italia;
  • devono ancora presentare Iva, Irap, Modello 770 ordinario e semplificato;
  • devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

Ecco altre scadenze fiscali da non dimenticare:

  • Unico PF: versamento III-IV-V rata, per soggetti che non hanno beneficiato della proroga (la III e la IV sono con maggiorazione);
  • Cedolare secca: versamento III-IV-V rata, per soggetti che non hanno beneficiato della proroga (la III e la IV sono con maggiorazione);
  • Iva e Irap.

Potrebbe interessarti anche: 730 precompilato, cosa cambia dal 2017

Cosa succede a chi non rispetta la scadenza?

I cittadini che non rispetteranno la scadenza di oggi potranno rimediare entro il 29 dicembre attraverso il ravvedimento operoso che permette una riduzione della sanzione ordinaria (da 250 a 2mila euro) ad un decimo del minimo.

Si consiglia il seguente volume:

Prontuario fiscale 2016

Prontuario fiscale 2016

Lelio Cacciapaglia - Marianna Annicchiarico - Giuseppe Mercurio, 2016, Maggioli Editore

Il Prontuario, frutto di un meticoloso lavoro di ricognizione edi analisi, prende in esame tutte le disposizioni fiscaliintrodotte fino al termine del 2015 (inclusa la Legge di stabilità 2016 – Legge 28 dicembre 2015, n. 208) cheavranno impatto anche sul nuovo anno, suddividendole...




CONDIVIDI
Articolo precedenteReferendum Costituzionale: si vota il 4 dicembre. Ecco cosa andiamo a votare
Articolo successivoTARI 2016: quando l’avviso di accertamento va annullato

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here