UNICO persone fisiche 2016

Slitta al 6 luglio 2016 (e non più ad oggi, 16 giugno) il termine ultimo per effettuare i versamenti che derivano da UNICO da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per cui sono stati elaborati gli studi di settore.

Per tutti gli aggiornamenti si consiglia lo

SPECIALE SU DICHIARAZIONE DEI REDDITI: TUTTI GLI OBBLIGHI 2016

UNICO 2016: slitta la scadenza


Potrebbe interessarti anche: Guida alla compilazione del Quadro RW UNICO 2016, chi è obbligato al controllo fiscale?

Ad annunciare la proroga, il comunicato stampa del 14 giugno scorso, con il quale il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha comunicato lo slittamento al prossimo 6 luglio 2016 del termine per eseguire i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione IRAP e dalla dichiarazione unificata annuale da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati predisposti gli studi di settore.

Viene, inoltre, specificato che dal 7 luglio fino al 22 agosto 2016 tali versamenti potranno essere effettuati con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, dello  0,40%.

Lo slittamento della scadenza per effettuare i versamenti (che ricordiamo riguarda soltanto i soggetti interessati agli studi di settore) fissata originariamente ad oggi 16 giugno, è derivata dalle numerose richieste che negli ultimi giorni sono state avanzate dai professionisti.

Per maggiori informazioni si consiglia la seguente Guida Pratica

Da quanto comunicato nella nota stampa del Mef, tale proroga è stata ordinata con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri dietro proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, attualmente in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Potrebbe interessarti anche lo SPECIALE SU MODELLO 730: GUIDA ALLE NOVITÀ

Hai bisogno di un commercialista esperto per compilare senza errori la Dichiarazione dei Redditi? Clicca qui


CONDIVIDI
Articolo precedenteIMU e TASI 2016: oggi la prima scadenza. Ecco cosa deve fare chi non ha pagato
Articolo successivoAnche la Corte di Cassazione dà torto alla Regione Siciliana

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here