TASI - IMU 2016

La prima rata per IMU e TASI 2016 deve essere improrogabilmente versata entro la data, oramai ben nota, del 16 giugno prossimo.

A differenza dell’anno scorso, però, i contribuenti quest’anno non dovranno più pagare alcun tributo comunale sulla prima casa o abitazione principale, ossia l’unità immobiliare in cui è stata fissata la residenza anagrafica e in cui si dimora abitualmente.

PER TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SI CONSIGLIA LO


SPECIALE SU TASI 2016: CALCOLO, ALIQUOTE, SCADENZE

IMU E TASI 2016: NOVITÀ SULLE ESENZIONI

TROVI TUTTO NEL SEGUENTE VOLUME

Guida completa all’imu - tasi 2016

Guida completa all’imu - tasi 2016

Saverio Cinieri, 2016, Maggioli Editore

Negli ultimi anni, la tassazione degli immobili, a livello locale, ha conosciuto un continuo susseguirsi di modifiche, di nuove regole e di ritorno alle vecchie: le ultime modifiche, in ordine cronologico, sono contenute nella Legge di stabilità 2016 (Legge n. 208/2015).Il manuale...



Ad avere eliminato IMU e TASI sulle prime case è intervenuta la legge di Stabilità 2016, che ha contribuito a far scattare l’esonero totale per l’abitazione principale e le fattispecie ad essa equiparate (in aggiunta ai terreni di coltivatori diretti ed imprenditori agricoli).

Per questo mese di giugno, in pratica, si viene a concretizzare un’esenzione generalizzata all’incirca per 20 milioni di prime case. Di seguito si riporta la guida alle esenzioni 2016.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE LO

SPECIALE SU IMU 2016: PRIMA CASA, SECONDA CASA, TERRENI AGRICOLI

ESENZIONE IMU E TASI 2016: COSA CAMBIA PER LA PRIMA CASA

A condividere l’esenzione prima casa figurano anche le pertinenze ad essa correlate. Queste ultime, infatti, sono ammesse nel limite massimo di 3 unità immobiliari, a patto che ciascuna appartenga ad una diversa categoria catastale, tra C2, C6 e C7.

La suddetta esenzione si applica anche per le unità assimilate per legge o per regolamento all’abitazione principale: sono assimilazioni regolamentari che attengono alle case non locate che appartengono ad anziani e disabili residenti in istituti di ricovero. Nel caso in cui il Comune abbia adottato questa delibera nel 2015, questa non può essere revocata nell’anno in corso, con l’effetto che per suddette fattispecie non si deve pagare né l’IMU né la TASI.

ESENZIONE IMU E TASI 2016: QUALI NOVITÀ SULLE ASSIMILAZIONI PRIMA CASA

Le fattispecie di assimilazione prima casa fissate dalla legge riguardano anzitutto gli immobili delle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite dai soci a propria abitazione principale. Rientrano in questa categoria anche gli alloggi sociali.

Si tratta di un’esenzione a carattere oggettivo, vale a dire che prescinde dalla natura del soggetto che possiede le unità interessate.

Esenti anche l’unità immobiliare non locata, posseduta da soggetti appartenenti alle Forze Armate e l’ex dimora coniugale, assegnata in sede di separazione o divorzio con provvedimento del giudice, anche se l’immobile è in comodato (mentre in caso di fabbricato utilizzato in locazione valgono le regole ordinarie).

Si ricorda, infine, che a partire da quest’anno sono cancellate automaticamente le assimilazioni delle case concesse in comodato ai parenti di 1° grado, decise nel 2015 da circa 1.700 Comuni.

Quindi, chi l’anno scorso ha versato la TASI su questi tipi di immobili come se si trattasse di prime case, quest’anno dovrà utilizzare le aliquote generiche dell’IMU (ed eventualmente della TASI) che il Comune applica agli “altri fabbricati”, o in alternativa quelle specifiche previste per le case in prestito. Soltanto in seconda battuta il proprietario dovrà controllare se la base imponibile può essere diminuita del 50% applicando la nuova agevolazione prevista per il 2016 in tutti i Comuni per legge.


CONDIVIDI
Articolo precedenteResponsabilità delle imprese di trasporto: Conservazioni fogli e dati tachigrafici
Articolo successivoPensioni e Riscatto della Laurea: ecco come funziona

4 COMMENTI

  1. Buon giorno

    e vivo in Canada a Toronto

    le chiedo cortesemente aiuto,

    dopo la morte del mio Padre avrei dovuto fare la secessione di una casa nella zona di San Lao Rimini Italia

    non ho mai fatto la successione per vari motivi percolai, ma nonostante questo dal 2006 che pago imu

    su questa abitazione …

    se decido di non pagare più visto che non mi interessa di succedere in eredita ?

    cosa devo fare e mi devo comportare

    grazie

  2. ho la residenza anagrafica e fiscale in Sicilia(Donnalucata)ma lavoro a Milano ,volevo sapere se devo pagare l’IMU e la TASI essendo proprietario dell’appaertamento in Sicilia

  3. TROVO ASSURDO CHE SI DEBBA PAGARE L’IMU SU CAPANNONI INDUSTRIALI (SFITTI DA ANNI PER LA CRISI IN ESSERE) E PRIVI DI UTENZE.
    E’ UN FURTO!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here