codice sanzioni disciplinari commercialisti

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili (CNDCEC), previa pubblica consultazione riservata agli Ordini territoriali della categoria che si ultimerà il 30 giugno, ha predisposto il Codice delle sanzioni disciplinari.

COMMERCIALISTI: CODICE SANZIONI DISCIPLINARI, QUALI SONO LE NOVITÀ

Il Codice delle sanzioni, entrato in vigore dal 1° marzo 2016 e che segue il nuovo Codice deontologico della professione, è stato concepito per facilitare un’applicazione più uniforme su tutto il territorio nazionale delle sanzioni disciplinari comminate per le stesse tipologie di violazioni deontologiche.

Ad annunciarlo lo stesso presidente del CNDCEC, Gerardo Longobardi. Come anticipato sopra, ora sul testo del Codice è stata indetta una consultazione pubblica, che verrà conclusa il 30 giugno prossimo e che è riservata agli Ordini territoriali.

CODICE SANZIONI DISCIPLINARI: COSA PREVEDE?


PER TUTTE LE ULTIME NOVITÀ SI CONSIGLIA IL SEGUENTE MANUALE

Come dichiarato dallo stesso Longobardi: “La scelta della pubblica consultazione riservata agli Ordini locali su un tema tanto delicato ci consentirà di acquisire il punto di vista della governance della categoria su tutto il territorio, anche alla luce dell’esperienza maturata ‘sul campo’ dai giudici disciplinari”.

In pratica, si tratta di un’aggiuntiva azione di coinvolgimento della categorie su tematiche centrali, come ad esempio già avvenuto in occasione del Nuovo Codice Deontologico.

PER APPROFONDIRE SI CONSIGLIA Ordine Commercialisti: Guida alle regole del Nuovo Codice Deontologico. Cosa cambia da oggi?

L’intervento del Consigliere nazionale delegato alla materia, Giorgio Luchetta, invece ha toccato l’aspetto operativo del Codice, esso “Reca, in conformità con quanto già previsto dall’Ordinamento professionale, disposizioni generali su natura e tipologia delle sanzioni nonché sulle circostanze aggravanti o attenuanti da considerare nella valutazione delle fattispecie e ulteriori disposizioni relative alle sanzioni da comminare in corrispondenza di specifiche condotte in violazione delle norme deontologiche”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteEquitalia cancellata entro il 2018: una promessa o una bufala?
Articolo successivoPensioni: da oggi sì a Part-Time Agevolato per chi è vicino alla pensione. Come richiederlo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here