esenzione canone rai

Ieri, lunedì 16 maggio, è stato l’ultimo giorno utile per inviare la dichiarazione sostitutiva con cui richiedere l’esenzione dall’addebito del canone Rai in bolletta elettrica.

E adesso, che cosa succede agli utenti che la invieranno successivamente?

MODULO ESENZIONE CANONE RAI: COSA SUCCEDE SE SI INVIA IN RITARDO?


PER GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SI CONSIGLIA LO

SPECIALE SU CANONE RAI 2016: TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE

Come noto, il termine di scadenza per inviare la dichiarazione sostitutiva da parte dei titolari di utenze elettriche non possidenti di un apparecchio televisivo, era ieri, 16 maggio. Adesso, quindi, i ritardatari chiedono indicazioni e chiarimenti su come fare ad evitare di vedersi recapitato l’addebito del canone Rai nella bolletta elettrica nonostante l’invio tardivo.

Si ricorda, che la comunicazione di non detenzione ha effetti differenti a seconda della data di presentazione:

– se presentata entro lunedì 16 maggio avrà effetto per l’intero 2016;

– se inviata entro il 30 giugno avrà validità soltanto per il 2° semestre dell’anno.

MODULO ESENZIONE CANONE RAI: ISTRUZIONI PER I RITARDATARI

Ne deriva che, anche successivamente alla scadenza del 16 maggio, nel modulo preparato dall’Agenzia delle Entrate e ottenibile sul sito istituzionale (“Dichiarazione sostitutiva relativa al Canone di abbonamento alla televisione per uso privato”) i contribuenti ritardatari che vogliono ottenere l’esenzione possono dichiarare il mancato possesso di un apparecchio tv per il quale è dovuto il canone Rai da parte di ciascun membro della famiglia anagrafica.

COME E QUANDO INVIARE IL MODELLO?

Si ricorda che il modello deve essere sempre inviato in via telematica, direttamente oppure mediante intermediari abilitati, attraverso l’apposita applicazione web fruibile sul sito delle Entrate, sfruttando le specifiche credenziali Fisconline o Entrate.

Alternativamente, si può anche trasmettere il modello in formato cartaceo in plico raccomandato senza busta, insieme alla copia di un documento di riconoscimento valido, all’Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamento Tv – Casella postale 22 – 10121 Torino.


CONDIVIDI
Articolo precedenteTASI e IMU 2016: ecco cosa sapere prima della scadenza del 16 giugno
Articolo successivoFunzione “OUT OF SCOPE” nella guida dei mezzi pesanti

9 COMMENTI

  1. Ho seguito l’istruzione per non pagare il canone entro i termini prescritti
    ricevuto 2 bollette senza il cannone
    ieri arrivata la terza, con la richiesta degli arretrati
    che faccio

  2. Vorrei comunicare solo ora , (purtroppo molto in ritardo) della seconda casa in montagna , la cui utenza elettrica é a me registrata mentre il canone lo pago gia’ per la prima casa con utenza elettrica registrata a mia moglie , quale é l’ esatto modulo da compilare ?
    La richiesta di esenzione del pagamento canone rai si deve essere ripetuta tutti gli anni o é sufficiente solo una volta?
    Grazie!

  3. Buonasera. Ho acquistato appartamento a maggio e fatto voltura il 29 giugno. Purtroppo non mi sono informato in tempo, venendo a conoscenza solo recentemente i dettagli per richiedere l’esenzione. Colpa mia, ci mancherebbe, ma tra le mille cose da fare quando si acquista un appartamento (cambi residenza, preventivi vari, CILA, mutuo, ecc) questa mi è sfuggita. Ora io per tutto il 2016, e probabilmente anche i primi mesi del 2017, non userò ne avrò televisori in questo appartamento, in quanto devo prima ristrutturarlo completamente per poi arredarlo e i tempi sono abbastanza lunghi (colpa anche del fermo per le vacanze estive). Mi chiedevo se, anche dopo l’ultima data utile per richiedere l’esenzione, è possibile evitare di pagare inutilmente i prossimi 3 mesi restanti. Sapete dirmi se questo è possibile e in caso indicarmi eventuali modelli da inviare? Grazie mille
    saluti Claudio

  4. Tancrezio, perchè non paghi tu il canone Rai alla signora Alessandra. Da come parli sei uno che sta bene e che si puo’ permettere di pagare un po’ piú tasse invece di togliere il cibo dalla bocca a quei poveri Italiani che il Signor Renzi non considera e che non hanno voce.
    Gli Italiani dopo una vita di pagare le tasse, e vivere da giorno a giorno, senza sapere chi metterra il cibo nel loro piatto, scoprono di trovarsi senza un paese che li consideri persone umane.
    Grazie.

  5. Cara Alessandra ho letto la tua toccante lettera. La tua situazione non è rosea tuttavia non puoi paragonare te italiana ai migranti. I migranti sono risorse e per questo dobbiamo integrarli a spese nostre e se serve dobbiamo spostare più ai migranti perchè non è giusto che loro mangino male e non possano avere un piccolo stipendio fisso mensile. Il canone rai serve per vedere la tv e se la vedi alla caritas vuole dire che ti interessa, devi contribuire ! Così come per le immondizie (tassa rifiuti), altrimenti i comuni come farebbero a pulire le strade dove passa la gente ? Con tutte le risorse che abbiamo dobbiamo tenere pulite le città.

  6. gentile sito le informo che sono dissocupata e ho un marito invalido al 75% con una pensione da fame anzi le comunico che non riusciamo con mio marito ad affrontare le spese vive come eletricita’ alta acqua per lavarci e infine andiamo alla caritas per mangiare vado aldunque se non posso mangiare e curare le malattie di invalido per mio marito come posso pagare la tv grazie pensione di fame grazie a tutti che andate in vacanza grazie ma il televisore lo vedo solo alla caritas mentre mangio e vita questa ma purtroppo non posso permettercelo la tv e una cosa da ricchi ora se non pago l’energia eletrica mi spspendono la luce e dopo l’aqcua e dopo morire senza medicinali e senza cure quello che spero ora e aspettare la morte perche’ per una coppia che non puo affrontare la vita deve aspettare la morte sempre al digiuno la mattian e aspettare la caritas la sera con un piatto di miniestra calda mote molte senza frutta senza secondo e tanto pane da mangiare asciutto senza pomodori come i poveracci grazie a tutti che leggerete la mia lettera in italia purtroppo si aiutano gli extracomunitari e gli italiani niente mi dicono gli asssitenti sociali ancora grazie italia

  7. gentile sito,
    non pagavo il canone rai perché non avevo tv e avevo dichiarazione ag. entrate di torino.
    sono ora subentrato in casa di mia madre, adesso deceduta, e ho immediatamente rottamato le tv. con ricevuta rilasciata dall’azienda rifiuti genovese.
    come devo comportarmi per non avere l’addebito in bolletta?
    Grazie della risposta
    Giorgio Delfino

  8. Ho ereditato due abitazioni da mia madre che successivamente sono state svuotate e dichiarate vuote dal Comune per non pagare la tassa sui rifiuti , io mi sono intestato le due abitazioni anche a seguito di separazioni di beni ereditari , però io dal novembre 2014 sono residente in Tunisia e mi sono dimenticato di far staccare la luce e mi arivano in Tunisia le bollette con spese ammijistrative senza consumo di energia elettrica.
    Come mi devo co, portare alla luce di questa vergognosa operazione ?
    Grazie.

  9. Buongiorno,voglio essere informato come non pagare il canone rai.Sono residente in belgio ed ho una casa in italia ereditata da mia madre,non abbiamo mai avuto un televisore perche mia madre era anche lei redidente in belgio.Ho saputo del pagamento del canone via bolletta eletrica tramita un parente che si occupa di pagarla.
    Saluti Alfredo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here