PROCESSO TRIBUTARIO

Nell’ambito del processo tributario, in base alle normativa di riferimento e a quanto stabilito nelle ultime sentenze, non sono ammissibili le notifiche degli atti via PEC, Posta Elettronica Certificata.

PROCESSO TRIBUTARIO,  NOTIFICA DEGLI ATTI: COSA CAMBIA?

ESECUZIONI FISCALI, COME OPPORSI? ECCO IL LIBRO CHE TE LO SPIEGA

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali

Ponticiello Emilio, 2016, Maggioli Editore

Questo testo tratta degli strumenti giuridici necessari per poter contra- stare l’ESECUZIONE FISCALE. L’organizzazione dei motivi di opposizio- ne, tra TECNICA e PRATICA, rappresenta un nuovo strumento per il professionista, in quanto oltre alla teoria ed al riscontro...



Nel merito si è pronunciata la Commissione Tributaria Regionale (CTR) di Bologna con la sentenza n. 2065/1/15 in cui stabilisce che la notifica degli atti all’Agenzia delle Entrate via PEC, nell’ambito del processo tributario, non ha alcuna validità.

IL CASO

Il caso parte da una sentenza con cui la CTP accoglieva il ricorso avanzato da un contribuente contro il silenzio-rifiuto opposto ad una richiesta di rimborso ed esenzione IRPEF. Le Entrate, ricorrendo in appello, hanno vinto. Ciò nonostante, il contribuente ha richiesto successivamente l’inammissibilità dell’appello per decadenza dell’impugnazione per via della tardiva notifica dell’atto da parte dell’Amministrazione Finanziaria.

La notifica via PEC della sentenza di primo grado era avvenuta in data 20 novembre 2014, la notifica dell’impugnazione, invece, superava il termine dei 60 giorni dalla notifica della sentenza al soggetto interessato.

CHE COSA PREVEDE LA NORMATIVA?

In base all’art. 3 bis della Legge n. 53/94 sembra dedursi che, in ambito tributario, le notifiche non possano avvenire a mezzo PEC. Si legge, infatti, che “l’avvocato o il procuratore legale […] può eseguire la notificazione di atti in materia civile, amministrativa e stragiudiziale”.

Già precedentemente la giurisprudenza aveva dichiarato l’inammissibilità del ricorso tributario introdotto con notifica del difensore a mezzo posta elettronica certificata (CTR di Benevento, con sentenza 395/13).

Ulteriori chiarimenti in tal senso sono poi dedotti dall’art. 46, comma 2, del D.L. 90/2014 in cui si stabilisce che le norme tecniche previste per il processo civile non possano essere applicate al processo amministrativo.

Se ne deduce, pertanto, che il caposaldo normativo dal quale veniva a derivare la tesi favorevole all’ammissibilità consisteva nell’estensione del novero delle cause “amministrative”, e che una simile equiparazione non può considerarsi valida per le notifiche via PEC.

Questo anche in virtù del fatto che per quanto riguarda il processo tributario telematico, in applicazione dell’art. 39, comma 8, D.L. n. 98/2011, sono state previste regole tecniche proprie.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE IL SEGUENTE VOLUME:

Costruire il ricorso tributario imposte indirette

Costruire il ricorso tributario imposte indirette

Valerio Villoresi - Andrea Previtali, 2016, Maggioli Editore

Il testo analizza le casistiche ricorrenti nel contenzioso tributario (in materia di imposte di registro, ipotecarie, catastali, di classamento immobili ed IVA) e con approccio pratico spiega come costruire un ricorso e soprattutto come procedere nelle varie fasi processuali. Riporta per ogni...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome