In materia di nuovo ISEE, vincono le famiglie.

Il Consiglio di Stato ha, infatti, dato ragione alle famiglie con disabilità, rigettando ancora una volta l’appello presentato dal Governo.

CLICCA QUI PER SAPERE TUTTO NUOVO ISEE 2016

NUOVO ISEE: L’INDENNITA’ PER LA DISABILITA’ PUO’ ESSERE CONTEGGIATA COME REDDITO?

La risposta, come confermato dal Consiglio di Stato e prima ancora dal TAR del Lazio, è negativa.

Nella sentenza, infatti si legge: “Deve il Collegio condividere l’affermazione degli appellanti incidentali quando dicono che ricomprendere tra i redditi i trattamenti indennitari percepiti dai disabili significa allora considerare la disabilità alla stregua di una fonte di reddito, come se fosse un lavoro o un patrimonio, ed i trattamenti erogati dalle pubbliche amministrazioni, non un sostegno al disabile, ma una remunerazione del suo stato di invalidità oltremodo irragionevole, oltre che in contrasto con l’art. 3 della Costituzione”.

In sostanza, quindi, viene respinta una definizione di reddito disponibile che ricomprenda anche la percezione di somme, nonostante siano esenti da imposizione fiscale: in pratica, le provvidenze economiche previste per la disabilità non devono essere conteggiate come reddito.

NUOVO ISEE: INDENNITA’ E REDDITO, COSA HA DECISO IL CONSIGLIO DI STATO?

Riguardo alla questione di indennità e reddito, il Consiglio di Stato nella recente sentenza ha così stabilito: “Non è allora chi non veda che l’indennità di accompagnamento e tutte le forme risarcitorie servono non a remunerare alcunché, né certo all’accumulo del patrimonio personale, bensì a compensare un’oggettiva ed ontologica (cioè indipendente da ogni eventuale o ulteriore prestazione assistenziale attiva) situazione d’inabilità che provoca in sé e per sé disagi e diminuzione di capacità reddituale”.

Secondo il Consiglio, in pratica, tali indennità o il risarcimento, essendo accordati a chi già si trova in una situazione di svantaggio, non arrivano a determinare alcun tipo di situazione economica migliore da parte del soggetto disabile rispetto al non disabile, “al più – si legge nella sentenza – mirano a colmare tal situazione di svantaggio subita da chi richiede la prestazione assistenziale, prima o anche in assenza di essa”.

“È una sentenza storica, perché nata dalla volontà di tante persone e famiglie vessate da una legge iniqua e ingiusta e da un governo che si è mostrato persecutorio nei nostri confronti”, è stato il commento di soddisfazione di Chiara Bonanno, una delle promotrici del ricorso, a rappresentanza di tutti i ricorrenti.

TUTTE LE NOVITA’ SU NUOVO ISEE E LE ISTRUZIONI PER LA SUA COMPILAZIONE LE TROVI NEL SEGUENTE MANUALE:

Il nuovo isee e i servizi sociali

Il nuovo isee e i servizi sociali

Franco Pesaresi, 2015, Maggioli Editore

Con il DPCM n. 159 del 5 dicembre 2013 è stato approvato il “Regolamento concernente la revisione delle modalità di determinazione e i campi di applicazione dell’Indicatore della situazione economica equivalente”. In sostanza il nuovo ISEE che, dal 1° gennaio...



© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome