E’ ufficiale, il canone Rai farà parte della bolletta. Secondo indiscrezioni, la manovra voluta dal Governo Renzi mette in cantiere il pagamento, suddiviso in 6 rate da 16,6 euro. Alla Camera si sta intanto svolgendo l’esame della riforma della Rai che potrebbe ottenere l’ok già in settimana.

Il canone, dunque, si pagherà in bolletta e passerà nel 2016 da 113,50 a 100 euro per arrivare a 95 euro nel 2017. Si tratta, secondo l’Esecutivo, di un’operazione volta a scongiurare l’evasione. Per i dettagli sulle modalità di riscossione, tuttavia, si dovrà attendere, pare, un decreto del Ministero dello Sviluppo la cui presentazione dovrà avvenire entro 45 giorni.

Il canone Rai sarà pagato a rate e soltanto sulla prima casa. Secondo la nuova disposizione, dunque, la tassa non dovrebbe collegarsi  al semplice possesso del televisore, bensì a quello dei vari devices quali pc, smartphone e tablet, con cui si possono vedere le reti Rai. Spetterà all’utente fare richiesta per essere esentato dal pagamento segnalando all’Agenzia delle Entrate il mancato possesso dei citati strumenti.


La nuova manovra dovrebbe fruttare per l’anno prossimo 2,2 miliardi, circa 500 milioni in più rispetto agli 1,7 miliardi del 2015. Un gruzzoletto non da poco, dunque, che secondo le ipotesi al vaglio dell’Esecutivo potrebbe essere utilizzato per abbassare progressivamente il canone, per ridurre la presenza delle reclame pubblicitarie in tv o ancora per finanziare il Fondo per l’editoria.

Per conoscere i dettagli della misura bisognerà comunque attendere il testo della manovra. L’approvazione del disegno di legge potrebbe giungere già in settimana a Montecitorio. Sarà anche presentata dai relatori una proposta di correzione delle regole che la Rai dovrà rispettare per gli appalti.

 VAI ALL’EBOOK


CONDIVIDI
Articolo precedenteApe, attestato di prestazione energetica: unico in tutta Italia, come adeguarsi
Articolo successivoSistri, Consip stringe sulla gara: si parte entro ottobre

3 COMMENTI

  1. Anche io ho un caso simile al Signore GIACOMO BENZONI di cui ho letto il suo quesito.
    L’abbonamento del canone TV è intestato a nome mio che l’ho sempre pagato con bollettino che manda RAI SAT, mentre la bolletta dell’energia elettrica è intestata a mia moglie.
    Come mi devo comportare???.
    Se mia moglie paga la bolletta dell’energia elettrica (di cui è intestataria) risulta evasore come canone RAI e io come devo comportarmi che sono l’abbonato del canone RAI e non sono intestatario della fornitura elettrica??
    Perché bisogna sempre complicare le cose, d’altronde siamo in Italia e quando c’è qualcosa che funziona bisogna distruggerla, ci sono altri modi per scovare gli evasori.
    Grazie per l’eventuale risposta.

  2. Come si richiede la esenzione per le seconde case e per la bolletta elettrica intestata alla moglie con casa di proprietà’ del marito?…

  3. Illustro il mio caso:
    L’abbonamento del canone TV è intestato a mio moglie che l’ha sempre pagato con bollettino, mentre la bolletta dell’energia elettrica è intestata a me.
    Come mi devo comportare???.
    Puo’ mia moglie continuare a pagare col bollettino visto che l’abbonamento è intestato a Lei e non a me.
    Non vorrei passare come evasore visto che non risulto intestato come abbonato.
    Perché bisogna sempre complicare le cose.
    Grazie per l’eventuale risposta.

    Giacomo Benzoni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here