Jobs Act: approvato il decreto sul demansionamento. Il Consiglio dei ministri di giovedì 11 giugno ha dato il via libera al provvedimento attuativo sulla delega della riforma del lavoro che realizza i nuovi principi guida del cambio di mansioni in azienda.

QUI L’ARTICOLO DI APPROFONDIMENTO

Il comunicato del Cdm


Il Consiglio dei Ministri è iniziato alle ore 18,35 con il seguente ordine del giorno:- DECRETO-LEGGE: Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali (ECONOMIA E FINANZE – INTERNO);- DECRETO LEGISLATIVO: Norma di attuazione dello Statuto speciale della Regione autonoma Valle d’Aosta in materia di incentivi alle imprese (PRESIDENZA);- DECRETO LEGISLATIVO: Attuazione della direttiva 2012/34/UE che istituisce uno spazio ferroviario europeo unico (PRESIDENZA – INFRASTRUTTURE E TRASPORTI);- DECRETO LEGISLATIVO: Disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo n. 102 del 2014, di attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE (PRESIDENZA – SVILUPPO ECONOMICO – AMBIENTE) – ESAME PRELIMINARE;N. 2 DECRETI PRESIDENZIALI (PRESIDENZA) recanti:- regolamento per il funzionamento del Comitato interministeriale per gli affari europei istituito presso la Presidenza del Consiglio, a norma dell’articolo 2 della legge n. 234 del 2012;- regolamento per il funzionamento del Comitato tecnico di valutazione degli atti dell’Unione europea istituito presso il Dipartimento per le politiche europee, a norma dell’articolo 19 della legge n. 234 del 2012;N. 2 DECRETI LEGISLATIVI (LAVORO E POLITICHE SOCIALI) in attuazione della legge n. 183 del 2014, recanti:- misure per la conciliazione delle esigenze di cura, vita e di lavoro;- testo organico semplificato delle tipologie contrattuali e revisione della disciplina delle mansioni;ESAME PRELIMINARE DI N. 4 DECRETI LEGISLATIVI (LAVORO E POLITICHE SOCIALI) in attuazione della legge n. 183 del 2014, recanti disposizioni in materia di:- razionalizzazione e semplificazione dell’attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale;- riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro;- riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive;- razionalizzazione e semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico di cittadini ed imprese ed altre disposizioni in materia di rapporto di lavoro e pari opportunità;- LEGGI REGIONALI;- VARIE ED EVENTUALI.


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa tassa rifiuti pagata dalle imprese. Cosa sta accadendo
Articolo successivoRimborsi INPS: così saranno erogate le rivalutazioni alle pensioni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here