Concorso per 340 magistrati: si entra nel vivo. Il 27 marzo, come promesso, sono state rese note in Gazzetta ufficiale le date delle prove a cui dovranno sottoporsi i tantissimi aspiranti che hanno presentato domanda di partecipazione per questa selezione pubblica molto attesa nel mondo delle professionalità forensi e togate.

Così, finalmente, sono note le date degli scritti, che si svolgeranno nell’arco di tre giorni, il 7, 8 e 9 luglio 2015, alla Fiera di Roma, Via Portuense n. 1645-1647. VAI ALLA MAPPA

I candidati dovranno trovarsi nel luogo delle prove alle ore 8:00, pena l’esclusione dallo scritto. Alle ore 9:00, saranno aperti i cancelli e, terminate le operazioni di preparazione, potrà cominciare il test vero e proprio di ammissione alla carriera di magistrato.


Saranno otto le ore a disposizione degli aspiranti pubblici ministeri per portare a termine il proprio tema, con il divieto assoluto di introdurre appunti, manoscritti, libri, telefoni cellulari. Sarà comunque attiva una schermatura apposita per consentire il regolare svolgimento della prova.

Ricordiamo che l’esame consiste in una prova scritta e una orale.

Nello scritto si dovranno elaborare tre temi, rispettivamente su diritto civile, amministrativo e penale. Per l’orale, invece, i temi saranno disparati e nell’ordine:

a. diritto civile ed elementi fondamentali di diritto romano;
b. procedura civile;
c. diritto penale;
d. procedura penale;
e. diritto amministrativo, costituzionale e tributario;
f. diritto commerciale e fallimentare;
g. diritto del lavoro e della previdenza sociale;
h. diritto comunitario;
i. diritto internazionale pubblico e privato;
l. elementi di informatica giuridica e di ordinamento
giudiziario;
m. colloquio su una lingua straniera scelta fra le seguenti:
inglese, francese, spagnolo e tedesco.

Per passare all’orale, il minimo sarà di ottenere una valutazione di 12/20 da parte della commissione esaminatrice, che sarà nominata con apposito decreto del ministero della Giustizia nei quindici giorni precedenti le prove, dunque verso la fine di giugno.

Commissione. Sarà composta da un magistrato con la sesta valutazione in qualità di presidente, venti magistrati alla terza valutazione, cinque professori universitari e tre avvocati iscritti all’albo dei patrocinanti per le magistrature superiori.

Vai al testo del bando per il concorso


CONDIVIDI
Articolo precedenteItalia-Vaticano: accordo sulla trasparenza. Ma resta esenzione Imu
Articolo successivoProvince: una nota della Funzione pubblica prova a districare il caos

1 COOMENTO

  1. Il concorso dovrebbero farlo in tutti i gradi della carriera. Invece il privilegio di casta consente a queste figure di giungere ai gradini più alti della Magistratura e di beneficiare di stipendi indescrivibili senza fare più concorsi. Ma il principio della Corte costituzionale, ripetuto ultimamente per l’agenzia delle entrate, non si applica anche alla magistratura ? Se gli atti pubblici devono essere emessi e firmati da funzionari abilitati per concorso nella posizione occupata, lo stesso principio non deve valere anche per i giudici di primo grado, secondo e terzo grado?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here