Sono state diramate da parte dell’Agenzia delle Entrate le informazioni necessarie per portare a termine la procedura di invio telematico del 730 precompilato, l’attesa rivoluzione fiscale pronta a partire nelle prossime settimane.

“Approvazione delle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nelle dichiarazioni modelli 730/2015 nelle comunicazioni di cui ai modelli 730-4 e 730-4 integrativo nonché nella scheda riguardante le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’IRPEF. Approvazione delle istruzioni per lo svolgimento degli adempimenti previsti per l’assistenza fiscale da parte dei sostituti d’imposta, dei CAF e dei professionisti abilitati.” E’ questo il titolo di un vero e proprio manuale, che consta di centinaia di pagine ed esempi, per realizzare secondo le disposizioni di legge gli invii inerenti le situazioni reddittuali e contabili dei singoli contribuenti.

Il testo introduttivo che apre la lunga dissertazione pubblicata dall’ente fiscale si suddivide in tre paragrafi che inquadrano i protagonisti del passaggio dal vecchio al nuovo regime di rendicontazione contabile che si inaugura con l’avvento del 730 precompilato e telematico, che aprirà i battenti proprio a cominciare dalle dichiarazioni dei redditi 2014.


Caf. I CAF ed i professionisti abilitati trasmettono in via telematica i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015 e nella scheda relativa alla scelta dell’otto, del cinque e del due per mille dell’IRPEF. In seguito, trasmettono i dati relativi ai modelli 730-4 e 730-4 integrativo unitamente a quelli della dichiarazione, comunicando all’nps e alle Entrate stesse i dati in qualitù di sostituti d’imposta. Allo stesso modo, dovranno divulgare le specifiche relative a due, cinque e e otto per mille, trasmettendo i dati relativi alle specifiche tecniche.

Sostituti d’imposta. I sostituti d’imposta che prestano assistenza fiscale con riferimento all’anno d’imposta 2014 trasmettono in via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato, i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015. Per l’anno d’imposta 2014, specifica il documento delle Entrate, “il Ministero dell’Economia e delle Finanze (personale centrale e periferico gestito dal Service Personale Tesoro) può trasmettere in via telematica, secondo le specifiche tecniche che verranno approvate con successivo provvedimento, le scelte per la destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’IRPEF”.

Intermediari abilitati. Gli intermediari abilitati trasmettono in via telematica i dati contenuti nei modelli di dichiarazione 730/2015 e nelle schede relative alla scelta dell’otto, del cinque e del due per mille dell’IRPEF, modello 730-1, consegnati dai sostituti d’imposta che hanno prestato assistenza fiscale.

Vai al testo completo sul 730 precompilato

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteInps e contribuenti minimi: scadenza per l’agevolazione il 28 febbraio
Articolo successivoPremier e Corte dei conti, un matrimonio che non s’ha da fare

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here