E’ partito lo scorso 2 gennaio 2015 in modo ufficiale il nuovo Isee, altrimenti conosciuto come il “riccometro”: lo strumento, in breve, che permetterà di conoscere in maniera ancora più precisa lo stato di salute finanziaria delle famiglie italiane.

Questo, almeno, è l’auspicio delle istituzioni, governo e Agenzia delle Entrate in primis, che si sono ripromessi di stanare una volta per tutte i tantissimi furbetti che ancora usufruiscono di prestazioni agevolate nei servizi pubblici perché rientrano al di sotto dei parametri di legge, pur avendo una situazione più che tranquilla e, così, togliendo il diritto ad altri nuclei che, invece, si trovino in maggiore difficoltà a chiudere i conti mensili.

C’è voluto più di un anno, insomma, ma alla fine il nuovo Isee 2014-2015 è partito. A presentarlo, si ricorderà, fu infatti l’esecutivo di Enrico Letta nel dicembre 2013, in uno dei suoi ultimi atti prima del passaggio di consegne alla squadra di Matteo Renzi che, senza troppa fretta, ha portato a termine l’opera di entrata in vigore del riccometro, all’inizio del nuovo anno.


Come si compila l’Isee

Per realizzare l’Isee nella sua nuova formulazione, si dovrà innanzitutto riempire il modulo della Dsu – Dichiarazione sostitutiva unica – che chiederà ai contribuenti le informazioni generali di tipo anagrafico, patrimoniale e in relazione al reddito percepito. Sono due i tipi di Dsu varati con l’apposito decreto attuativo: il modello mini, che resta valido per la quasi totalità di contribuenti e nuclei famigliari, e l’altro più esteso, che riguarda casi particolari in cui la famiglia intenda chiedere l’accesso a prestazioni di tipo straordinario.

Come noto, l’unità di misura del nuovo Isee non è più il singolo cittadino, ma il nucleo famigliare, che farà da banco di prova per il riconoscimento del diritto a bonus fiscali o quote ridotte per usufruire di prestazioni sociali, assistenziali e di accesso agli studi.

Ivi compresi i figli maggiorenni non conviventi, non genitori a loro volta e a carico Irpef di mamma o papà, dunque, andranno considerate le famiglie sotto lo stesso tetto. In caso di genitori appartenenti a nuclei distinti perché separati o non sposati, toccherà al figlio maggiorenne identificare il nucleo a cui appartenere.

Viene conteggiato anche il genitore non convivente e non coniugato all’interno del nucleo con un figlio minorenne, se e solo se nel frattempo non abbia avuto prole da persona diversa, se non sia tenuto al versamento di assegni di mantenimento, se non abbia subito esclusioni dalla patria potestà, e non risulti estraneo al beneficiario in termini di rapporti affettivi ed economici.

Università. Ambito molto delicato di applicazione dell’Isee è quello delle tasse di iscrizione all’università. Le nuove disposizioni prevedono che lo studente non convivente nel nucleo familiare di origi­ne, che non risulti autonomo debba rientrare nel nucleo dei genitori.

Disabili. Nel caso in cui uno dei componenti del nucleo presenti disabilità o non autosufficienza, va naturalmente attestata la condizione dello stesso in compilazione di Isee, includendo anche le fatture per le spese sostenute per l’assistenza prestata da enti. Lo stesso, nel caso uno dei componenti usufruisca di prestazioni residenziali di tipo continuativo: andrà indicata la retta versata alla casa di riposo o alla residenza protetta e via dicendo.

Qui il testo del Dpcm

Scarica il modello della Dsu

 

Guida al nuovo isee

Guida al nuovo isee

Barbara Weisz, 2014, Maggioli Editore

L’ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è lo strumento che valuta la situazione economica dei soggetti richiedenti agevolazioni per ricevere prestazioni sociali o accedere ai servizi di pubblica utilità. Tale strumento è stato oggetto di...




CONDIVIDI
Articolo precedenteLicenziamenti discriminatori nella PA? Ecco come la riforma Madia evita la tutela: altro che Jobs Act
Articolo successivoRegime dei minimi: cosa è cambiato con la legge di stabilità 2015

2 COMMENTI

  1. Ciao mi chiamo Pertica sposato 43 anni rumeno con due figlie anche moglie senza lavoro ho finito disoccupazione una mese fa non riesco di trovare un posto di lavoro cosa devo fare sono altri amortizori sociali per disoccupati devo fare Isee non riesco di pagare affitto bollette abiti vicino di Padova forse potteti mi darti una mano di aiuto grazie mille

  2. Sono figlia di genitori separati legalmente. Mio padre vive fuori ma ha solo la residenza nel precedente paese dove viveva prima. Io vivo con mia madre. Chi dei due deve fare l isee per la mia università visto che mamma lavora e papà dallo scorso anno ha perso il lavoro?
    Grazie.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here