Rivoluzione fiscale, l’ennesima, in vista. Indiscrezioni parlano di interventi drastici in arrivo nell’area della tassazione, che dovrebbero riguardare le poche partite Iva che, ancora, non sono soggiogate dal peso degli oneri tributari.

Stangata in arrivo per le partite Iva sotto i 30mila euro l’anno: è questo il più recente allarme fiscale che rischia di mettere in ginocchio definitivamente il settore dei liberi professionisti, soprattutto di quelli più giovani che, seppur in tempo di crisi, cercano faticosamente di avviare e sostenere un’attività in proprio.

Oggetto della nuova mazzata sui contribuenti dovrebbe essere il nuovo decreto attuativo della delega fiscale, attualmente in fase di limatura negli uffici ministeriali e pronto a debuttare sulla scena già complicata delle norme tributarie.

Cosa è allo studio

Ancora di ufficiale non trapela nulla, ma le ipotesi che circolano potrebbero davvero togliere il sonno alle migliaia di attività autonome che riescono a restare a galla grazie al regime agevolato.

Com’è oggi. Al momento, le partite Iva che fatturino meno di 30mila euro all’anno godono di un regime fiscale molto ammorbidito, pari al 5%, un regime forfettario che dovrebbe essere rivisto, con innalzamento della soglia a 55mila euro. Sui ricavi, vige una soglia fissa valida senza particolari distinzioni per tutti i contribuenti.

Come sarà. Sul tavolo, l’idea del governo dovrebbe essere quella di mantenere la differenza tra il regime ordinario e quello semplificato, ma spostando il focus della contribuzione su quanto realmente incassato dall’attività sottoposta a imposizione. Non basta: si stanno valutando le soglie di reddito variabili che consentiranno ai contribuenti di godere del regime agevolato, con aliquota base al 15%, dunque triplicata rispetto allo stato attuale. Secondo la suddivisione Acoi, poi, dovrebbero essere ufficializzate le varie fasce dei ricavi, diversamente da come avviene ora. Così, i limiti segnalati dei ricavi andranno commisurati ai coefficienti di redittività, di modo che al prodotto finale si applichi la nuova imposta sostitutiva del 15%.

Se ne dovrebbe sapere di più nelle prossime ore, con il Consiglio dei ministri in programma e gli altri appuntamenti che attendono il governo di qui in avanti in ambito economico e fiscale.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteI Contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili (rent to buy)
Articolo successivoTelefonini in volo, ora si può! La nota ufficiale dell’agenzia europea

4 COMMENTI

  1. x DE,

    Non ho proprio capito come hai fatto a fare quel calcolo. Potresti spiegarmelo in dettaglio?

    Ciao

  2. SE GUADAGNI €10MILA EURO DOPO AVER PAGATO IL GOVERNO TI RIMANGONO €5500
    ECCO L’ESEMPIO:
    Contributi -> Ai fini dell’inps i contributi verranno versati alla gestione separata. Per il 2014 l’aliquota è del 27,72% da applicare sul reddito conseguito.

    CALCOLO DELL’IMPOSTE DOVUTE:
    Reddito 10.000
    Altre spese €. 2.000
    Reddito al netto delle spese 8.000
    Contributi INPS 2.200
    Reddito imponibile 5.800

    Imposte da pagare, aliquota 5% 290.
    Esborso finanziario giugno 2015 composto da :
    – Imposte 290
    – 1° acconto 120
    – Contributi INPS 2.200 saldo
    – Contributi INPS acconto 880
    Totale €. 3.500 circa
    Esborso finanziario dicembre 2015
    – Imposte 180
    – Inps 880
    Totale 1.060
    Alla fine dell’esercizio il tuo reddito netto sarà 5.510.

  3. MANDIAMOLI A CASA TUTTI MA PROPRI TUTTI
    Ho letto il commento di Mario e vorrei aggiungere 3 aggettivi: . Ovviamente vale per tutti i sessi che frequentano i Palazzi del Potere. deughis

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here