tasse, tributi, imposte, imu

Tasi 2014, è suonato il gong che ha posto fine all’attesa: ora tutte le aliquote devono essere state approvate dai Comuni italiani, oppure, il 16 ottobre si procederà alla riscossione con percentuale ridotta all’1 per mille, ossia il minimo consentito per legge.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze sta così ricevendo le comunicazioni dai singoli enti, molti dei quali hanno aspettato proprio le ultimissime ore per definire l’aliquota attraverso cui passare all’incasso del tributo sui servizi che ha sostituito l’Imu.

In realtà, Imu e Tasi restano in coabitazione, dal momento che quest’ultima è in vigore solo per le prime case e le altre categorie di immobili che nel 2013 furono esentate, fino al pagamento della mini Imu lo scorso gennaio.

Così, si avvia alla conclusione – amministrativa – l’odissea della nuova Tasi, partita con la passata legge di stabilità, dove è sorta, e poi proseguita con il ritardo di seimila Comuni nell’approvazione delle aliquote annuali.

Addirittura, a 24 ore dalla scadenza di mercoledì 9 settembre, ancora tremila comuni risultavano non aver ancora dato l’ok definitivo alla nuova aliquota Tasi. Come si evince dall’elenco provvisorio, moltissimi enti hanno formalizzato il tutto proprio nell’ultimo giorno disponibile.

Sarà stangata?

Nei giorni scorsi, si sono avvicendate diverse simulazioni o prove sui valori medi della Tasi, con esiti a dir poco contrastanti. Da una parte, infatti, c’è chi, come la Uil, ritiene che la nuova imposta sarà l’ennesimo salasso, con 7 famiglie su 10 costrette a versare più di quanto pagato nel 2012 con l’Imu.

Dall’altro lato, c’è qualcuno, come la Cgia di Mestre, ha dimostrato che per 2 nuclei su 3 l’importo sarà inferiore rispetto all’era in cui debuttò l’imposta municipale unica. 

Dunque, per le stime, meglio rimandare a fine anno, quando il quadro sarà completamente chiaro e saranno state applicate tutte le migliaia di singole aliquote approvate in questi caldissimi giorni – dal punto di vista fiscale – di fine estate.

Vai all’elenco dei Comuni che hanno approvato la nuova aliquota

Vai allo speciale Tasi

 

Manuale dei tributi locali

Manuale dei tributi locali

De Vico Luciano, Debenedetto Giuseppe, Lovecchio Luigi, Magliaro Alessandra, Ruggiano Federica, Uricchio Antonio, 2014, Maggioli Editore

Con l'entrata in vigore della IUC (Imposta Unica Comunale) il panorama già "frastagliato" dei tributi locali è diventato ancora più complesso e indecifrabile. A dispetto del nome, infatti, la IUC non ha unificato nulla poiché si sostanzia in tre tributi distinti ed autonomi: l'Imu, la Tari e...




CONDIVIDI
Articolo precedenteQuota 96, lo sgarbo della legge 124. Esodati in attesa della copertura
Articolo successivoLa “fondazione di partecipazione” quale organismo di carattere pubblicistico

1 COOMENTO

  1. che schifo.
    il partito di Berlusconi pur di stare al governo, soggiogato da verdi ha creato circa 8mila e passa piccole repubbliche in violazione all’art 3 e 53 della costituzione.

    evviva evviva

    non sono un cretino, ma il problema imu tasi è un gran casino
    povero renzi – avrà il coraggio di riformare seriamente la fiscalità locale?

    saluti

    sergio

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here