Unico 2014, altra data fondamentale per le scadenze fiscali delle partite Iva. Oggi, mercoledì 16 luglio, si chiude il termine per il primo acconto di quei soggetti che non sono coinvolti nelle pratiche degli studi di settore.

Dopo la recente proroga per i pagamenti, che ha avuto come termine principale lo scorso 7 luglio, arriva anche la seconda scadenza per i contribuenti che non compilano il 730 perché titolari di partita Iva, oppure in quanto società.

C’è tempo fino a stasera, dunque, per il pagamento maggiorato dello 0,40%, per quei soggetti non sottoposti al vaglio degli studi di settore: si tratta, in sostanza, di quella fascia di contribuenti che non è stata oggetto del rinvio di cui sopra, definito il mese scorso per andare incontro a coloro che, invece, siano ricaduti sotto l’occhio indagatore del fisco sui parametri di reddito.

Per questi ultimi, allora, il termine inizialmente previsto per oggi, viene spostato automaticamente al prossimo 20 agosto, in ragione dello slittamento del primo termine, che dal 16 giugno era passato allo scorso 7 luglio.

Le deduzioni per gli anni scorsi

Sempre in riferimento a Unico, l’Agenzia delle Entrate ha diramato alcune novità in merito alle deduzioni, il cui recupero può essere effettuato attraverso il modello per gli autonomi predisposto dallo stesso ente fiscale.

Per svolgere questa pratica, c’è tempo fino al prossimo 30 settembre, giorno in cui, cioè, il modello Unico andrà presentato in via definitiva proprio all’Agenzia delle Entrate. A ricadere nel novero delle rivendicazioni, quei calcoli  svolte negli anni passati che abbiano messo in evidenza errori dovuti all’applicazione incorretta del principio di competenza.

Basterà,a  tal proposito, ricalcolare il reddito e le imposte sull’attività oggetto della dichiarazione, che andrà a coprire l’annualità 2012, ma nel modello dell’anno in corso: secondo quanto disposto dalle Entate, infatti, il recupero delle deduzioni può essere realizzato a ritroso fino all’anno 2009 compreso.

Rimane possibile chiedere i rimborsi anche dopo il 30 settembre, ma questo andrà realizzato nel modello Unico 2014, ricorrendo al campo delle deduzioni postume. entro quella data, invece, la richiesta andrà presentata come modifica al modello presentato per il 2013.

Vai allo speciale Unico


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma PA, emendamenti alla Camera: cambia la mobilità
Articolo successivoLa verifica dei rapporti reciproci di debito e credito fra gli enti controllanti e le società partecipate

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here