Domani si svolgeranno le elezioni per  il Consiglio Direttivo dell’ANMA (Associazione Nazionale Magistrati Amministrativi).

Tre i programmi elettorali presentati per il collegio nazionale:

  • Amministrare giustizia,  che candida presidente e segretario uscenti, rispettivamente Giampiero Lo Presti e Roberto Valenti.
  • Dialo-GA
  • Rinnovamento

Dei tre, il programma più completo e corposo è sicuramente il primo, “Amministrare giustizia”, che si pone obiettivi di lungo e di breve-medio periodo. Tra le proposte: miglior organizzazione del lavoro, garanzia assoluta della terzietà e indipendenza interna, sollecitazioni per dotazioni informatiche, informatizzazione del processo e banche dati,  revisione della retribuzione, quadro generale degli incarichi interni. Nel programma troviamo anche accenni a riforme Costituzionali della Magistratura, alla formazione e “protezione sociale” dei magistrati iscritti e infine uno sguardo all’europa.

Interessante, il programma riguardo gli Incarichi extra istituzionali che prevede:

  • una rigorosa applicazione dei criteri del d.p.r. 418/93, anche in maniera critica rispetto alle attuali interpretazioni del Consiglio di Presidenza
  • Piena valorizzazione, in particolare, del principio di ROTAZIONE,
  • Preclusione degli incarichi governativi ripetuti e reiterati in capo al medesimo magistrato,
  • Gli incarichi di capo di gabinetto o capo ufficio legislativo, come gli altri incarichi apicali e semi apicali potranno essere svolti, secondo la legge Severino, soltanto in posizione di fuori ruolo

Inoltre, ci si pone di sollecitare:

–          una forte riduzione delle consulenze governative sul piano quantitativo, anche attraverso il divieto di autorizzabilità nominativa dell’incarico di consulenza (da assoggettare quindi al regime esclusivo dei conferimenti onde consentire a tutti i magistrati amministrativi l’accesso a questo tipo di esperienza professionale);

–          il monitoraggio dell’osservanza del divieto di assumere incarichi presso amministrazioni soggette alla giurisdizione del magistrato interessato;

–          il divieto di collaborazione con scuole o istituti di formazione in forme tali da non garantire la piena estraneità del magistrato rispetto all’attività imprenditoriale svolta dal soggetto conferente l’incarico;

–          il passaggio ad un sistema di conferimenti per insegnamenti presso scuola dell’economia e finanza, scuola dell’amministrazione dell’interno e simili, per superare il fenomeno attuale dell’eccessiva concentrazione in capo a pochissimi magistrati di incarichi di insegnamento per un numero di ore manifestamente eccessivo

Dialo-GA presenta un programma più essenziale, che conta 4 punti programmatici (Funzionamento dell’A.N.M.A. e del C.P.G.A.,  Status dei giudici amministrativi e organizzazione della G.A., Proposte in materia di incarichi extragiudiziari e di fuori ruolo, Proposte di riforma ordinamentale)

Prevede in merito agli incarichi extra:

1) misure tendenti ad assicurarne la rotazione, ad esempio divieto di  svolgere più di un incarico governativo, sia esso continuativo o meno.

2) Conferimento, per gli incarichi più redditizi, di una parte dei compensi nel fondo perequativo.

3) Fissazione di criteri oggettivi in base ai quali il fuori ruolo obbligatorio possa essere autorizzato; diniego di fuori ruolo facoltativi sino a completa copertura dell’organico.

4) Divieto di attribuzione di incarichi direttivi o semidirettivi a magistrati che permangano fuori ruolo; comunque, collocato fuori ruolo un magistrato con funzioni presidenziali, il suo posto non potrà essere messo a concorso ad evitare soprannumeri e le funzioni dovranno essere svolte da un supplente.

5) Semplificazione/liberalizzazione del regime delle prese d’atto per le docenze, secondo quanto previsto dall’art. 53 del d.lgs. n. 165/2001, mediante la previsione di un mero obbligo di comunicazione dell’attività svolta e del compenso percepito.

Il programma di Rinnovamento offre brevi linee d’azione, incentrate su: Difesa del ruolo e della funzione; Promozione della partecipazione di tutto il corpo della G.A. alle attività Istituzionali; Strumentazione informatica del giudice amministrativo; Liberalizzazione delle docenze con previsione di autodichiarazione da parte del magistrato su esclusione cause di incompatibilità; Tutela della condizioni di lavoro.

Nessun cenno agli incarichi extra giudiziari.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDdl Delrio, approvazione definitiva o elezioni provinciali
Articolo successivoJobs Act, il piano lavoro di Renzi pubblicato in Gazzetta Ufficiale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here