Sta scadendo il tempo per la presentazione del Cud 2014: entro il 28 febbraio, infatti, andrà consegnato dai sostituti d’imposta il resoconto sui redditi percepiti dai lavoratori nell’anno precedente. In alternativa, l’altro termine da tenere a mente è quello di 12 giorni su richiesta del dipendente, in caso di interruzione del rapporto di lavoro.

Chi lo deve presentare: datori di lavoro o ente previdenziale, attraverso il Cud, certificano i redditi percepiti nell’anno solare appena concluso. Al suo interno, sono inseriti i redditi redditi complessivi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati assoggettati a tassazione ordinaria ed i redditi soggetti a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta e ad imposta sostitutiva.

Come si consegna: anche quest’anno sarà possibile sfruttare l’invio telematico, purché il destinatario sia abilitato alla ricezione e non vada consegnato a eredi o al dipendente che abbia concluso il proprio rapporto di lavoro. Dallo scorso anno, poi, anche gli enti pensionistici rendono disponibile la ricezione del Cud pensionistico per via digitale, benché rimanga possibile accedere a copia cartacea del documento.


Le novità 2014: come noto, all’interno del Cud trovano spazio anche gli eventuali bonus fiscali concessi a ricercatori, lavoratori e lavoratrici che siano rientrati in Italia dopo aver svolto esperienze formative all’estero, così come gli incentivi di produttività, che vengono sottoposti a nuovo margine impositivo. Così, vediamo come nel Cud 2014cvadano registrati l’aumento al 24% della detraibilità delle erogazioni liberali in favore di Onlus, partiti e movimenti politici, una detrazione del 19% relativa alle erogazioni liberali al fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato e  l’introduzione nella sezione riservata all’8 per mille, di due nuove istituzioni religiose, l’Unione buddhista italiana e l’Unione induista italiana. Poi, da includere tra le novità anche, ovviamente, l’inserimento del nuovo codice per i Comuni alluvionati della Sardegna, a conferma delal sospensione degli obblighi fiscali come stabiklito in via normativa dopo il disastro dei mesi scorsi.

Cosa fare in caso di problemi: spesso, il Cud non viene recapitato ai diretti interessati per vari motivi. In caso di mancata ricezione, allora il contirbuente deve recarsi al più vicino ufficio Caf per richiedere copia cartacea del modello.


CONDIVIDI
Articolo precedente1994-2014: breve storia del masochismo del centrosinistra italiano
Articolo successivoConsiglio di Stato accoglie il ricorso: mediazione obbligatoria sospesa

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here