La riforma della geografia giudiziaria è un processo ormai inevitabile, anche se come ha fatto notare il ministro Anna Maria Cancellieriun restyling della sforbiciata a tribunali e sedi distaccate è già in cantiere e partirà domani 13 (data indicata dal dlgs 155/2012)“. Dunque non c’è possibilità di arrestare un processo che per lo più è giunto al suo culmine; infatti il Gardasigilli intervenendo ieri nell’aula di Palazzo Madama ha spiegato “la quasi totalità dei traslochi è stata eseguita, il sistema telematico è stato adeguato ed è stata rimodulata la pianta organica”, impossibile tornare indietro ora.

In realtà, molti ritocchi sono stati fatti alla revisione delle circoscrizioni; i tribunalini che erano stati individuati per essere tagliati erano 37 (oltre a 220 sezioni distaccate e 667 uffici dei giudici di pace), ma se nelle zone con più alta densità criminale  nel Mezzogiorno furono recuperati e, il 5 settembre, il dicastero di via Arenula ha concesso la deroga di due anni per trattare i dibattimenti pendenti alle sedi di Alba (Cuneo), Pinerolo (Torino), Bassano del Grappa (Vicenza), Vigevano (Pavia), Chiavari (Genova), Sanremo (Imperia), Lucera (Foggia) e Rossano (Cosenza).

Un numero piuttosto importante di autorizzazioni ministeriali, poi, consentirà di celebrare qua e là udienze e di impiegare i locali per tenere gli archivi in custodia. “Comprensibile” dichiara la Cancellieriche il prvvedimento, facendo venir meno circa il 47% degli uffici, susciti resistenze, ma i tecnici sono all’opera per renderne meno faticosa l’attuazione: ci sarà un primo intervento correttivo, con  norme organizzative e processuali che renderanno più fluida la fase di avvio”.


Successiva, a seguire, in un secondo decreto per apportare cambiamenti dell’assetto territoriale dei nuovi tribunali, ascoltando sia le critiche dei parlamentari, sia quelle degli amministratori locali. Da nord a sud sono sempre più numerose le iniziative che si pongono il fine di evitare la perdita degli uffici. Il presidente della regione siciliana, Rosario Crocetta, oggi formalizzerà la proposta di coprire le spese per il funzionamento dei tribunali di Mistretta (Messina) e Nicosia (Enna) al ministero della giustizia, dove si attendono i sindaci dei comuni ed i rappresentanti dei comitati di protesta  convocati dal dirigente dell’amministrazione  giudiziaria Luigi Birrittieri.

Domani il Consiglio Nazionale Forense, ( che già ieri, mediante una nota aveva sottolineato la preoccupazione degli addetti ai lavori circa il clima che si sta creando intorno alla vicenda), l’Organismo unitario dell’avvocatura, gli ordini e le associazioni  di categoria terranno a Roma un’assemblea, mentre il Consiglio superiore della magistratura lancia l’allarme; potrebbero mancare 700 giudici che svolgono contemporaneamente la professione di avvocato e quella di magistrato  onorario a pochi chilometri di distanza, ma che per effetto degli accorpamenti non potranno farlo più nel nuovo circondario del tribunale presso cui esercitano le funzioni.


SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here