Qual è il piano del governo per i giovani? Questa è la vera domanda in attesa della convocazione del Consiglio dei ministri per domani o, nella peggiore delle ipotesi, sabato mattina. Il governo, stando agli annunci, ha in serbo un progetto intervento urgente a favore delle assunzioni giovanili nel mondo del lavoro, che prevede la ristrutturazione del contratto di apprendistato e un plafond che consenta alle aziende di prendere alle proprie dipendenze risorse anche non formate, senza versarne i relativi contributi.

La disoccupazione degli under 35 è ormai in ascesa inarrestabile, arrivata alle soglie del 40% per la prima volta dal dopoguerra. Nelle ultime settimane, questo tema si è imposto come assoluta priorità dell’agenda europea perché, sebbene l’Italia resti in testa nella classifica dei Paesi per numero di giovani disoccupati, l’emergenza è ormai estesa a tutta l’area euro come una vera e propria piaga.

E’ per questo che si guarda con attenzione massima al summit in programma per domani a Roma tra i ministri dell’Economia e del Lavoro dei maggiori paesi dell’Eurozona: Spagna, Francia, Germania e Italia, per la quale i rappresentanti saranno naturalmente Fabrizio Saccomanni ed Enrico Giovannini.


Si tratta di un appuntamento cruciale per le politiche economiche europee dei prossimi mesi, in vista del Consiglio già in programma per il prossimo 27 giugno, dove tutti gli Stati membri dell’Unione saranno chiamati a redigere gli interventi sull’economia ancora in affanno, con  tassi di occupazione che raggiungono i minimi storici.

Così, per il governo di Enrico Letta le priorità in materia di lavoro giovanile sono, innanzitutto, alleggerire il cuneo fiscale sui rapporti di lavoro offerti agli under 35 e, insieme, un restyling della forma di apprendistato, che la riforma Fornero aveva già pesantemente incentivato.

Nel caso degli sgravi fiscali alle imprese, il target dovrebbe essere quello delle assunzioni a tempo indeterminato, e le risorse necessarie par il varo di un simile provvedimento dovrebbero arrivare sempre dalla fonte europea. In primo luogo, si sta pensando a una rimodulazione dei fondi comunitari, la quale, unitamente all’anticipazione del programma Ue Youth guarantee, dovrebbe garantire un tesoretto di circa un miliardo e mezzo di euro.

Sul fronte dell’apprendistato, invece, si punta a eliminare la possibilità di accedere agli incentivi solo per chi avrà confermato nei primi anni il 30% degli apprendisti scaduti, per poi passare al 50% della quota. Un altro punto, a favore invece dei contratti atipici, che la legge Fornero aveva cercato fortemente di disincentivare, è quello del minimo di tempo intercorso tra la fine di un rapporto e quello successivo. Un piano ambizioso che avrà bisogno del bollino in sede comunitaria per entrare in vigore e l’appuntamento, già fissato, è proprio quello del prossimo 27 giugno.

Vai allo speciale lavoro di Leggioggi


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto del Fare: l’Iva aumenta per salvare il lavoro giovanile
Articolo successivoTurchia, l’anziana coi ribelli ricoverata in ospedale dopo gli scontri

2 COMMENTI

  1. IL PIANO GIOVANI PROMOSSO DA LETTA,E’ CONSIDEREVOLE DI PLAUSO,TUTTAVIA NON EFFICACE.
    PERCHè PORRE UN LIMITE D’ETA’ QUANDO LA VERA DISOCCUPAZIONE COLPISCE I GOVANI DAI 30 ANNI IN POI?
    NON SAREBBE OPPORTUNO OCCUPARSI PRIMA DI QUESTA FASCIA ANZICHè DELLA FASCIA 18- 29 ANNI, I QUALI SONO RAGAZZI CHE VANNO ALL’UNIVERSITà E CHE SPESSO IMPIEGANO 10 ANNI PER LAUREARSI?
    NON è GIUSTO CHE PERSONE CHE HANNO TERMINATO GLI STUDI IN TEMPO E CHE SONO ARRIVATE A 30 ANNI PERCHè NON HANNO TROVATO LAVORO VENGANO FATTE FUORI SENZA ALCUNA CONSIDERAZIONE.
    UN’ALTRA ROGNA SONO I SENATORI A VITA.
    MA CON TUTTA LA MISERIA CHE ABBIAMO E GLI STIPENDI DA FAME CHE NON CONSENTONO AD ALCUN INDIVIDUO DI MANTENERSI DIGNITOSAMENTE,ANCORA DOBBIAMO PENSARE A QUESTE MUMMIE CHE HANNO IL PIEDE IN UNA FOSSA!!
    ANCHE MADRE TERESA DI CALCUTTA FECE DEL BENE ALL’UMANITà,EPPURE NON FU RIVESTITA DI ALCUNA CARICA PARTICOLARE.
    TOGLIAMO QUESTE CARICHE CHE RUBANO SOLDI E ADEGUIAMO GLI STIPENDI ALL’EUROPA.
    NON SI PUò VIVERE CON 500 1000 EURO PAGANDO UN AFFITTO DI 700.
    O CI LAUREIAMO PER MIGLIORARE E IL GOVERNO CI GARANTISCE IL POSTO O VERRà LA GUERRA CIVILE!LORO I PROPRI FIGLI(CAMUSSO,VELTRONI) ETC LI HANNO COLLOCATI TUTTI ALL’ESTERO.
    NE ABBIAMO ABBASTANZA DI QUESTA ITALIA MALATA E MAFIOSA!

  2. E per i giovabni NON under 35, ignorati da quando hanno compiuto 18 anni, che se ne farà? Ci sono tante discariche e si potranno abbandonare lì!!! Mio figlio che compirà 39 anni, nonostante abbia cercato in tutti i modi di entrare nel mondo del lavoro, è ancora DISOCCUPATO. Sapete dirmi qualcosa che possa ancora dare fiducia a questi non più tanto giovani rimasti nel LIMBO in una sfera molto prossima all’INFERNO?
    Grazie anticipatamente se dedicherete trenta secondi della Vs. attenzione.
    Dr. Luigi Pinci

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here