Niente blocco alle visite fiscali. E’ prevista soltanto una limitata riduzione per il taglio di spesa cui è soggetto l’Inps. A seguito delle polemiche avanzate dalle associazioni sindacali dei medici in relazione alla sospensione dell’Inps delle visite di controllo sui lavoratori in malattia, è intervenuto nella giornata di ieri, per fare chiarezza sulla posizione dell’Istituto di previdenza, il direttore generale Mario Nori all’interno di un comunicato stampa. Nori ha esposto alcuni dati: nel corso del 2012, ha spiegato il direttore, le visite ordinate d’ufficio hanno consentito la diminuzione della prognosi nel 9% dei casi (83mila su 900mila visite) a fronte del 5,5% verificatosi nelle circostanze attinenti le visite di controllo reclamate dalle stesse aziende.

Complessivamente nel corso del 2012 le visite mediche di controllo realizzate sono state poco più di 1,2 milioni. Tra queste, 900mila risultano quelle predisposte d’ufficio dall’Inps, per un ammontare di spesa pari circa a 50 milioni di euro (presumibilmente 50 euro per ogni visita) dal momento che le visite d’ufficio rimangono a carico dell’Istituto, mentre il pagamento di quelle richieste da parte delle aziende, viceversa, ricade unicamente sulle stesse. Di quest’ultime, nel corso del 2012, i dati riportati da Nori ne evidenziano meno di 300mila.

Con riguardo invece agli esiti, il risultato delle visite d’ufficio ha condotto ad una contrazione della prognosi, come anticipato, in 83mila casi, attestandosi dunque al 9% delle visite condotte. Il risultato, se paragonato a quello delle visite richieste dalle aziende, è quasi raddoppiato. Tra le visite di controllo effettuate su domanda aziendale infatti soltanto in 16mila casi si è stati in grado di ridurre effettivamente la prognosi, e cioè appunto, come sovra indicato, solo nel 5,5% degli episodi.


La scelta di limitare le visite sembra pertanto una decisione correlata non soltanto ai risultati riportati, ma soprattutto “alla drastica riduzione delle spese di gestione cui è stato sottoposto l’Istituto”, ha confermato il direttore generale. Nori ha però ammonito che la parola “sospensione” non è mai stata prevista dall’Inps. “Una riduzione a circa 100mila visite per il 2013, forti dell’esperienza costruita con un sempre più sofisticato sistema di datamining ci porterà a far crescere la percentuale dei risultati di riduzione di prognosi, pur in presenza di una sensibile diminuzione del numero di visite eseguite”.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDecreto Imu 2013 in Gazzetta Ufficiale; i soldi però sono finiti
Articolo successivoRistrutturazioni Edilizie: Lupi salva anche il 50% all’edilizia

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here