Una recentissima sentenza della Cassazione la n.9172 del 26 febbraio 2013 ha sancito inequivocabilmente la responsabilità del soggetto che, a causa di un colpo di sonno, invadendo la corsia opposta, causa un grave incidente prendendo in pieno una macchina che transitava regolarmente.
A ricorrere alla Suprema Corte è la Procura della Repubblica che impugna la sentenza di assoluzione di primo grado che non considerava colpevole il soggetto, perché al momento del sinistro non viene ritenuto cosciente, facendo rientrare il suo malore e il conseguente incidente, fra i casi verificatisi per caso fortuito.
La Cassazione, invece, ha ritenuto che lo stato d’incoscienza dell’uomo doveva essere previsto; infatti, dopo una lunga giornata di lavoro, in cui si era palesemente stancato, avrebbe dovuto decidere di non mettersi alla guida prevedendo le eventuali conseguenze del suo comportamento.
Lo stato d’incapacità, a cui è andato incontro, era prevedibile dall’imputato e quindi evitabile, questo fa si che non può essere esente da responsabilità.
La Corte di legittimità ha precisato che “in materia di circolazione stradale la giurisprudenza colloca il malore nell’ambito dei fattori incidenti sulla capacità di intendere e di volere e non nel caso fortuito” anche nel caso in oggetto, in cui si è verificato repentinamente e improvvisamente causando uno stato d’infermità tale da escludere la capacità d’intendere o di volere( art.88 cp).
Il malore improvviso causa una mancanza di collegamento fra il comportamento del soggetto e le sue funzioni psichiche con la conseguente mancanza di determinazione nei movimenti che divengono automatici e inconsapevoli secondo lo schema dell’art. 42 cp, ma non incidono sulla potenzialità intellettiva del soggetto che agisce, che comunque deve prevedere le conseguenze delle sue azioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


1 COOMENTO

  1. giustissimo, visto che è reato la guida in stato di ebbrezza perchè se hai bevuto, non puoi guidare, lo deve essere anche il colpo di sonno: se hai sonno non guidare!!!

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome