Il più imponente condono fiscale mai realizzato nella storia del Vecchio Continente è avvenuto durante l’Impero Romano, nel 118 d.c., per mano dell’imperatore Adriano il quale, deciso a conquistare il più celermente possibile il consenso dei cittadini, estinse tutti i debiti erariali dei contribuenti romani degli ultimi sedici anni. Il prodigo gesto non vide nessuno escluso, continuando a ricoprire, nella storia della contabilità, il gradino più elevato nella elencazione dei provvedimenti perdonali di segno tributario mai varati in Europa.

Oggi, ci troviamo di fronte all’ennesima promessa di condono prospettata dall’ “imperator” dei tempi odierni: l’ex premier Silvio Berlusconi non si limita, infatti, a garantire la restituzione dell’Imu, ma si lancia anche nell’assicurazione del condono tombale. L’intento, da sempre immutato, risponde all’obiettivo di accaparrarsi consensi per poter così risalire nei sondaggi.

L’acclamato condono tombale permette al contribuente che ha “dimenticato” di pagare le tasse di sanare definitivamente la rispettiva posizione dinanzi al fisco, regolarizzando la propria situazione a basso costo. Si prospetta così l’eden degli evasori che, in tal modo, sono abilitati a farla franca pagando una minima parte di quel che avrebbero legittimamente dovuto.


Il rischio che la baldanzosa dichiarazione di Berlusconi paventa è quello di incentivare ulteriormente l’evasione fiscale, e proprio in un periodo in cui si è tentata, per fortuna con successo, una parziale stretta sul fronte fiscale (si ricordino i blitz della Guardia di Finanza a Napoli, Cortina, Sardegna e alle indagini sulla tracciabilità del contante degli ultimi anni).

Berlusconi e il Pdl, prospettando l’eventuale condono tombale, tentano di rincuorare chi non ha pagato interamente le tasse e recuperare un po’ di gettito fiscale. Seguendo simili attese, le persone che hanno raggruppato un consistente gruzzolo di denaro in baffo al pagamento regolare delle imposte, alla prossima turnata verranno nuovamente meno al rispettivo dovere fiscale in vista dell’auspicato condono. Nient’altro che nuova linfa vitale alla ‘cultura dell’evasione’.

Il condono tombale si imporrebbe in caso di una riforma fiscale globale – precisa Berlusconi – e non diventa troppo arduo dedurre che la manovra altro non rappresenterebbe che un escamotage volto a racimolare i soldi necessari per la copertura della “promessa” restituzione dell’Imu. L’ex Presidente del Consiglio non induce affatto, però sui costi che, sul lungo periodo, stratagemmi di questo tipo potrebbero comportare per il bilancio pubblico.

Il contrassegno del condono rimane un marchio distintivo soprattutto delle manovre prospettiche e politiche del centro destra. Il nostro Paese dal 1973 in poi è stato attraversato da diverse misure sanatorie; si citano in ordine cronologico: il condono fiscale approvato dal Governo Rumor VI nel 1973 (Ministro delle finanze Emilio Colombo); il condono fiscale attuato dal Governo Spadolini I nel 1982 (Ministro delle finanze Rino Formica); il condono edilizio del Governo Craxi I del 1985 (Ministro delle finanze Bruno Visentini); il condono generale del 1992 approvato dal Governo Andreotti VII (Ministro delle finanze Rino Formica); il condono edilizio e il concordato fiscale approvati dal Governo Dini nel 1995 (Ministro delle finanze Augusto Fantozzi); ed infine i più recenti condoni varati dal Governo Berlusconi II (condono edilizio e fiscale) del 2003, con Ministro delle finanze Giulio Tremonti e lo scudo fiscale in vigore dal 2/10/2009 promosso dal Governo Berlusconi IV.

Lo stesso Rino Formica, padre del leggendario condono tombale datato 1982, ribadisce come “un condono fiscale in assenza di una modifica delle regole fiscali non è morale”. L’ex ministro aggiunge “la platea dei contribuenti oggi, in Italia, è spaccata in due. Da una parte i lavoratori dipendenti pubblici e privati, i professionisti che lavorano per le imprese, che pagano tutto col prelievo alla fonte e non hanno nulla da condonare; e poi tutti gli altri, i condonabili. Se tutti i cittadini producessero una dichiarazione spontanea, senza prelievo alla fonte, qualsiasi condono sarebbe popolarissimo. Nelle attuali condizioni, lo è solo per una parte, mentre gli altri si sentono defraudati, anzi, presi letteralmente in giro”. Resta implicito dedurre come un condono tombale odierno, senza previo mutamento delle regole in gioco, costituisca un provvedimento altamente nocivo, il quale secondo Maria Cecilia Guerra, specialista di fisco, può addirittura generare aspettative diseducative a vantaggio dei frodatori fiscali e a discapito dei più onesti.

Secondo la CGIA (Associazione Artigiani Piccole Imprese) di Mestre, il complesso dei condoni ratificati dal 1973 al 2005 avrebbe generato un incasso compiuto di 104,5 miliardi di euro (in valuta 2005); stando invece alle pubblicazioni di Fiscooggi.it (rivista online dell’Agenzia delle Entrate) tale cifra raggiungerebbe un target ben inferiore, pari a circa 26 miliardi di euro. Inoltre, risulta importante ricordare come soltanto i condoni fiscali di 1989 e 1992 siano effettivamente riusciti a sorpassare le attese di gettito, i provvedimenti restanti, al contrario, hanno disatteso fortemente le previsioni.

Nonostante le evidenze, il termine condono rimane un argomento di forte presa all’interno del sillabario politico-economico nazionale. Al momento, il pericolo di un’aggiuntiva, deturpante caduta della pulita aderenza dei cittadini italiani alle logiche del fisco si ripropone visibilmente. Allora cosa fare perché questo non avvenga…?


CONDIVIDI
Articolo precedenteConsip e la disciplina di remunerazione sugli acquisti
Articolo successivoContributi silenti, ecco come andare in pensione con le vecchie regole

3 COMMENTI

  1. dal punto di vista di un commercialista, il condono tombale secondo me ha indubbi vantaggi, non tutti coloro che non hanno pagato sono evasori bensi imprenditori onesti che stanno attraversando un difficile periodo economico, pertanto per prima cosa si da la possibilità agli imprenditori onesti che il fisco ha messo fuori gioco di rientrare a pieno titolo e diritto nell’economia e quindi contnuare ad essere i contribuenti di domani. Purtroppo molti non comprendono che tutti coloro che oggi sono oberati da equitalia difatti hanno gettato la spugna per cui nel corso della loro vita non pagheranno più niente di tassa e quindi giocoforza saranno a carico della società. Gli evasori incalliti o di professione coloro che non hanno niente da perdere probabilmente nemmeno aderiranno al condono per cui continueranno ad evadere ancora. Poichè è impossibile accertare tutti i contribuenti nei cinque anni tanto vale andare verso il condono che consente di far incamerare nuove risorse da impiegare per lo sviluppo. Inoltre poichè molti contribuenti hanno nascosto il contante per paura della crisi e per paure o fobie fiscali, allora sarà necessario anche uno scudo fiscale che rimetta in gioco il denaro contante, tutto questo può attivare un circolo virtuoso e non vizioso che possa rilanciare il pil e di conseguenza le entrate dello stato …

  2. spero nel condono fiscale per tutti i piccoli commercianti e artigiani che dopo anni di lavoro e sacrifici non essendo riusciti ad adempiere a tutti i balzelli messi dallo stato si tovano oggi senza lavoro senza soldi e fra un pò anche senza casa perche verrà messa all’asta o dallo stato piuttosto che dalle banche. voglio aggiungere anche che oltre ai beni materiali la cosa più triste è il fatto che questa povera gente è stata derubata anche della dignità.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here