Vi proponiamo di seguito una possibile soluzione che sta circolando in rete alla traccia del parere di diritto penale relativo al reato di peculato del notaio e alla confisca per equivalente.

Svolgimento

Qui i riferimenti normativi e giurisprudenziali


Col parere oggetto di svolgimento mi si chiede di illustrare la fattispecie penale individuabile dalla condotta del Notaio Tizio con particolare riferimento alle possibilità di confisca per equivalente dei beni previamente sottoposti a sequestro. Al fine di rendere il parere richiesto appare quindi necessario muovere dall’istituto della confisca così come previsto dall’art. 322-ter c.p. per i fini che a noi interessano.

La previsione di cui all’art. 322 ter introduce la confiscabilità per equivalente nel caso in cui i beni costituenti il “profitto” o il “prezzo” del reato non siano aggredibili per qualsiasi ragione. La norma prevede che la confisca possa riguardare beni dei quali il reo abbia in ogni caso “la disponibilità” per un valore corrispondente a quello che avrebbe dovuto altrimenti costituire oggetto della confisca.

Nell’ambito delle misure di sicurezza assume un ruolo peculiare la figura della confisca, la cui disciplina generale è contenuta nell’art. 240 c.p. Attraverso detta misura ablatoria vengono acquisiti dallo Stato beni che per la loro intrinseca natura, ovvero per un collegamento funzionale con un illecito penale, devono considerarsi criminosi. Per quanto attiene ai presupposti applicativi della confisca occorre precisare che questa, a differenza della altre misure di sicurezza, prescinde dall’accertamento della pericolosità sociale del reo, essendo sufficiente la commissione di un reato o di un quasi reato.

In linea generale, essa è di applicazione facoltativa (art. 240, comma 1, c.p.) ovvero obbligatoria (art. 240, comma 2, c.p.). Attraverso la l. 29 settembre 2000, n. 300, che ha inciso sul titolo dedicato ai delitti contro la Pubblica Amministrazione, la confisca obbligatoria è stata estesa, grazie alle previsioni contenute nell’art. 322 ter c.p.. ad alcune fattispecie ivi previste e, inoltre, è stato inserito l’istituto della confisca per equivalente, già contemplato dal nostro ordinamento in materia di usura (l. 7 marzo 1996, n. 108). Il tratto che connota tale figura giuridica consiste nella possibilità, per l’autorità giudiziaria, di procedere, qualora manchino i beni che si identificano con il profitto e il prezzo del reato, all’ablazione di beni diversi per un valore equivalente al prezzo del reato (art. 322 ter, comma 1) ovvero al profitto del medesimo (art. 322 ter, comma 2, c.p.).

Fin dall’introduzione dell’istituto della confisca si è aperto un dibattito relativo alla natura giuridica di tale sanzione penale. Precisamente, ci si è chiesti se, conformemente all’intitolato legale, debba considerarsi una misura di sicurezza ovvero assuma i tratti di una vera e propria pena.

La distinzione è di non poco momento, atteso che, ai sensi dell’art. 200 c.p., si applica alle misure di sicurezza un divieto di retroattività temperato, in forza del quale può trovare applicazione la legge in vigore al tempo dell’esecuzione della misura di sicurezza, ancorché sia diversa da quella prevista al tempo del reato commesso, mentre per le pene vale il principio di irretroattività sancito nell’art. 2, comma 1, c.p., il quale ammette deroghe soltanto a favore del reo. Secondo la tesi tradizionale, la ratio di tale opzione normativa riposa sulla diverse funzioni perseguite dalla pena e della misura di sicurezza. Nel primo caso prevalgono esigenze di prevenzione generale, nel secondo caso, invece, è valorizzato il contenuto terapeutico della misura sanzionatoria, sicché trova giustificazione l’applicazione di uno strumento più moderno, sebbene diverso da quello previsto al tempo della perfezione dell’illecito. Resta inteso che, per non svuotare di contenuto le garanzie del reo, è necessario che la previsione di una misura di sicurezza applicabile per il fatto realizzato già sussista al momento della commissione di questo.

Proprio in materia di confisca per equivalente, le indicazioni provenienti dalla l. 29 settembre 2000, n. 300 orientano a ritenere che la confisca abbia una natura giuridica assimilabile a quella della pena. L’art. 15 (Norma transitoria), preclude infatti l’applicazione retroattiva della confisca per equivalente.

Detto rilievo, già condiviso dalla giurisprudenza delle Sezioni unite in materia di responsabilità degli enti dipendente da reato (Cass. pen., S.U., 27 marzo 2008 – 2 luglio 2008, n. 26654), è stato recentemente confermato dalla Corte costituzionale (Corte cost., 2 aprile 2009, n. 97) la quale, recependo l’approccio sostanzialistico in materia penale, tipico della giurisprudenza della Corte della Europea dei Diritti dell’Uomo, ha riconosciuto nella confisca per equivalente i tratti dell’afflittività, tipici della pena. Poste queste premesse, la Consulta ha statuito che un’applicazione retroattiva dell’istituto di cui all’art. 322 ter c.p. violerebbe l’art. 7 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo, a tenore del quale nessuno può essere punito con un pena più grave di quella prevista al momento in cui è stato commesso il fatto e, conseguentemente, contrasterebbe con l’art. 117, comma 1, Cost. che impone al legislatore italiano di esercitare la potestà legislativa rispettando i vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali.

La prima problematica che viene in rilievo nel caso di specie attiene alla possibilità di ritenere integrati gli estremi del delitto di peculato dalla condotta di Tizio, il quale riveste la qualità di soggetto pubblico. Nella giurisprudenza della Suprema Corte si osserva un indirizzo interpretativo pacifico secondo il quale il momento consumativo del delitto di peculato deve individuarsi nel comportamento appropriativo dell’agente avente a oggetto il denaro o la cosa mobile altrui di cui abbia il possesso per ragioni d’ufficio o di servizio.

Ed in effetti, a mente della Cassazione penale, sez. V, sentenza n° 47178/2009, il notaio che ometta il versamento di somme, affidategli da clienti, destinate al pagamento dell’imposta di registro in relazione ad atti rogati incorre nel delitto di peculato. La condotta appropriativa del notaio deve essere qualificata come peculato. Infatti, la qualifica di pubblico ufficiale spetta al notaio non solo nell’esercizio del suo potere certificativo in senso stretto, ma in tutta la sua complessa attività, disciplinata da norme di diritto pubblico e diretta alla formazione di atti pubblici.

Occorre ora chiedersi se effettivamente la misura cautelare, funzionale a quella ablativa, potesse o meno avere a oggetto i beni nella disponibilità di Tizio.

La questione si colloca nel contesto relativo alla definizione dello spettro operativo della confisca per equivalente disciplinata nell’art. 322 ter c.p.

L’art. 322 ter, introdotto nel codice penale dalla l. 29 settembre 2000, n. 300, in occasione delle ratifiche da parte del nostro Paese di specifiche convenzioni internazionali volte a contrastare i fenomeni corruttivi, dispone al comma 1, che in caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti per uno dei delitti contro la Pubblica Amministrazione previsti negli articoli da 314 a 322 c.p. è sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono “il profitto o il prezzo” salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero, quando questa non sia possibile, la confisca dei beni di cui il reo ha la disponibilità, per un valore corrispondente a tale “prezzo” (c.d. confisca per equivalente). Nei termini chiariti dall’autorevole insegnamento delle Sezioni unite della Suprema Corte, la ratio dell’istituto della confisca per equivalente risiede nella scelta di privare il reo di un qualunque beneficio economico derivante dall’attività criminosa, anche di fronte all’impossibilità di aggredire l’oggetto principale, nella convinzione della capacità dissuasiva e disincentivante di tale misura che assume a tutti gli effetti i tratti distintivi di una vera e propria sanzione (Cass. pen., S.U., 27 marzo 2008 – 2 luglio 2008, n. 26654).

Stando alla formulazione letterale della disposizione (art. 322 ter, comma 1, c.p.), come rilevato dalla costante e più recente giurisprudenza di legittimità, la confisca per equivalente non è applicabile in relazione al profitto del delitto di peculato (art. 314 c.p.), dovendo ritenersi limitata al solo tantundem del prezzo del reato (Cass. pen., Sez. VI, 5 novembre 2008 – 7 aprile 2009, n. 14966; Cass. pen., Sez. VI, 10 marzo 2009, n. 10679).

Depongono a favore di questa soluzione argomenti di diversa natura.

In prospettiva sistematica, si esclude che il legislatore abbia utilizzato nell’art. 322 ter c.p. il termine prezzo in senso atecnico, così da comprendere qualsiasi utilità connessa al reato, derogando alla disciplina generale stabilità nell’art. 240 c.p., ove le nozioni di prezzo e profitto sono nettamente distinte.

Da un punto di vista esegetico, poi, sembra chiara la volontà del legislatore di escludere, salvo le ipotesi del comma 2 dell’art. 322 ter c.p., il profitto del reato dalla confisca per equivalente.

In senso contrario si registra un isolato orientamento che aderisce a una interpretazione estensiva secondo la quale, riguardo al delitto di peculato, sono assoggettabili a confisca, ai sensi dell’art. 322 ter c.p., comma 1, beni nella disponibilità dell’imputato per un valore corrispondente a quello relativo al profitto o al prezzo del reato (Cass. pen., Sez. VI, 29 marzo 2006 – 17 luglio 2006, n. 24633).

Di recente, a dirimere l’illustrato contrasto giurisprudenziale sono intervenute le Sezioni unite della Suprema Corte. La Corte ha precisato che, in difetto di una nozione legale di profitto del reato, può accogliersi la ricostruzione semantica di tale concetto offerta dalla dominante giurisprudenza di legittimità secondo la quale esso deve essere identificato con il vantaggio economico ricavato in via immediata e diretta dal reato e si contrappone al prodotto e al prezzo del reato. In particolare, il prodotto rappresenta ciò che materialmente deriva dall’illecito, vale a dire le cose create, trasformate, adulterate o acquisite mediante il reato, il prezzo, invece, deve individuarsi nel compenso dato o promesso a una determinata persona, a titolo di corrispettivo dell’esecuzione dell’illecito (ex plurimis, Cass. pen., S.U., 3 luglio 1996 – 17 ottobre 1996, n. 9149).

Le Sezioni unite, pertanto, alla luce della netta distinzione fra le nozioni di prezzo e profitto del reato, unitamente alla mancanza di una chiara indicazione legislativa che attribuisca a tali termini un significato diverso da quello comunemente assegnato dalla giurisprudenza di legittimità, ritengono che non sussista alcun elemento idoneo a far ritenere che il legislatore, nella formulazione dell’art. 322 ter, comma 1°, c.p., abbia usato il termine prezzo in senso atecnico, così da includere qualsiasi utilità connessa al reato sicché, con riferimento al delitto di peculato può disporsi la confisca per equivalente prevista dall’art. 322 ter, comma 1, ultima parte c.p., soltanto del prezzo e non anche del profitto (Cass. pen., S.U., 25 giugno 2009 – 6 ottobre 2010, n. 38691).

Nel caso di specie, accedendo all’ultimo indirizzo delle Sezioni unite, Tizio potrà ottenere, previa istanza di riesame del sequestro preventivo, la restituzione dei propri beni.

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePapa su Twitter, i primi tre tweet: “Dialoga con Gesù nella preghiera”
Articolo successivoMoVimento 5 Stelle, su Facebook comunità divisa. Salsi: “Vado avanti”

6 COMMENTI

  1. Ha ragione l’avv. Russo. Il peculato è un reato istantaneo, che si consuma nel momento in cui l’agente (il notaio, nel ns caso) dispone delle cose altrui come se ne fosse il reale proprietario. Quindi, in assenza di data certa della commissione del reato, e ragionando presumbilmente sul fatto che il cliente che ha denunciato il Notaio dovrebbe aver ricevuto una cartella esattoriale per tributi non pagati iscritta al ruolo per lo meno un anno fa, vuol dire che il reato è stato commesso nel 2011, quindi prima della novella legislativa. La soluzione era allora ss.uu. 2009. Quella della novella era un’opzione da aggiungere alla fine per dare lustro al parere, come dice il sempre ineccepibile avv. Russo.

  2. Segnalo che buona parte della traccia “che circola in rete” costituisce un patchwork, disomogeno di parti di pareri elaborati dalla scrivente e pubblicati sia sul sito percorsi della Giuffré, sezione diritto penale, sia nella collana cartacea della medesima casa editrice dedicata ai pareri di di diritto penale edizione 2012.
    Essendo i riferimenti facilmente verificabili on line, sarebbe d’uopo un riferimento bibliografico a tutela della paternità dell’elaborato.
    In ogni caso, sul predetto sito sarà a breve disponibile una soluzione alla traccia n. 2 del parere che si invita cortesemente alla lettura.
    Cordialità.

    Avv. Yuri Russo

  3. La presente traccia “che circola in rete” costituisce in larga parte un patchwork di parti di pareri elaborati dallo scrivente e pubblicati sulla collana percorsi Giuffre, pareri di diritto penale 2012, nonché sul sito della medesima casa editrice nella sezione pareri di diritto penale. Sarebbe dunque d’uopo un riferimento bibliografico all’autore. Per coloro che sono interessati a una soluzione del caso da me elaborata invito a visitare il sito nei prossimi giorni. Anticipo che la modifica della cornice edittale del peculato e della confiscabilità per equivalente del priofitto del reato, non erano dirimenti nel caso di specie, in particolare, l’estensione della portata applicativa della confisca prevista dall’art. 322 ter, comma 1, c.p. opera solo per fatti commessi dopo il 28 novembre 2012 data a decorrere dalla quale è entrata in vigore la legge n. 190 del 2012. Infatti, considerando la natura di sanzione penale della confisca dell’equivalente essa è soggetta al divieto di retroattività stabilito dall’art. 2, comma 1, c.p. Resta inteso che una breve trattazione della questione avrebbe dato lustro al parere.
    Cordialità.

    Avv. Yuri Russo

  4. Tutto giusto tranne per l’assenza del fatto che l’articolo è stato modificato da meno di un mese con l’introduzione del termine “profitto”.

    Visto che la traccia non dice quando è stata emesso il sequestro, allora:

    – se è stato emesso prima di tale modifica, Tizio può attivarsi per il dissequestro

    – nel caso in cui fosse stato emesso dopo tale modifica???

    Ciao a tutti

  5. Tutto vero, ma la l. 190/2012 (entrata in vigore il 28.11.2012) ha inserito all’articolo 322-ter, primo comma, dopo le parole: «a tale prezzo» le parole «o profitto»!!!
    Quindi è ammessa la confisca per equivalente anche del profitto!

  6. Sbagliata come soluzione, non si è tenuto conto del novellante art. 1 comma 75 lett. c ed o della legge n. 192 del 06/11/2012 che va a mutare il minimo edittale della pena dell’art. 314 del c.p e soprattutto inserisce l’attribuzione dell’ipotesi della confisca per “equivalente” ai sensi dell’art. 322 ter c.p. anche quando i beni sono profitto dell’attività delittuosa!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here