A partire dalle ore nove del 7 dicembre 2012 e fino alle ore 24 del 30 giugno 2013 sarà possibile presentare, esclusivamente con modalità telematiche, le domande relative alla procedura per i flussi d’ingresso dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale nel territorio dello Stato per l’anno 2012.

E’ quanto si legge nella Circolare congiunta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e del Ministero dell’Interno del 26 novembre 2012, recante ulteriori chiarimenti sulle modalità di presentazione delle domande. Le procedure concernenti le modalità di registrazione degli utenti, di compilazione dei moduli e di invio delle domande sono identiche a quelle da tempo in uso sul sito del Ministero dell’Interno.

La quota complessiva di ingressi, stabilita e ripartita dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 ottobre 2012, è di 13.850 unità.


A partire dalle ore 8.00 del 4 dicembre 2012 sarà disponibile sul sito del Ministero dell’Interno l’applicativo per la precompilazione dei moduli di domanda da trasmettere nei tempi sopra indicati. Per ottenere assistenza tecnica e giuridica durante la fase di compilazione e di inoltro delle domande, sarà disponibile per tutti gli utenti registrati un servizio di help desk, sull’home page dell’applicativo; per le associazioni e i patronati accreditati rimarrà disponibile il numero verde già in uso.

La circolare chiarisce anche i modelli da utilizzare per l’invio delle domande, che saranno trattate sulla base del rispettivo ordine cronologico di presentazione. Relativamente alla procedura successiva all’inoltro delle domande, la circolare chiarisce che per le domande di conversione il lavoratore, al momento della convocazione presso lo Sportello Unico, dovrà presentare la proposta di contratto di soggiorno sottoscritta dal datore di lavoro – valida come impegno all’assunzione da parte dello stesso datore di lavoro – utilizzando il modello Q ricevuto insieme alla lettera di convocazione. Successivamente il datore di lavoro sarà tenuto ad effettuare la comunicazione obbligatoria di assunzione secondo le norme vigenti.

Si evidenzia, infine, che la circolare prevede che la scadenza del 30 giugno 2013 è estesa anche alle domande di assunzione dei lavoratori che abbiano completato programmi di istruzione e formazione nei Paesi di origine ai sensi dell’articolo 23 del testo unico sull’immigrazione (Modello B-PS), per i quali il D.P.C.M. del 13 marzo 2012 ha fissato un numero complessivo di ingressi pari a 4 mila unità.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2012, le indicazioni del Miur sul test preselettivo
Articolo successivoAvvalimento sì, ma non per tutti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here