Il Consiglio dei Ministri, come ampiamente annunciato dal Ministro Patroni Griffi, ha approvato il 31 ottobre 2012 il decreto legge contenente “Disposizioni urgenti in materia di Province e Città metropolitane”.

Il decreto legge aggiunge ulteriori elementi di caos istituzionale rispetto a quanto già determinato con i decreti “salva Italia” e “spending review”.

Sgombriamo il campo da un possibile equivoco: non v’è dubbio sulla necessità di una riforma organica del sistema organizzativo della Repubblica; non sussistono dubbi che nell’attuale situazione economica, politica e sociale, non vi è più spazio per la difesa di posizioni consolidate, a tutti i livelli.


La fortissima critica alle decisioni del Governo muove da alcune evidenti costatazioni:

1) L’assoluta disorganicità dell’intervento sulle Province avulso da una riforma organica;

2) La pervicacia del Governo nel volere intervenire su accorpamenti e tagli del numero di Province senza partire dal riassetto delle funzioni e dei servizi sul territorio;

3) La totale indifferenza del Governo rispetto alle richieste dei territori;

4) La palese violazione dei principi costituzionali.

Rinviando a successivi approfondimenti, dopo la pubblicazione del testo del decreto legge in gazzetta ufficiale, ciò che emerge con evidenza sono i seguenti aspetti critici:

IL RICORSO AL DECRETO LEGGE

Il Governo così giustifica la decretazione d’urgenza, tentando di dare copertura costituzionale al decreto legge che appare in palese contrasto con l’art. 77: “Considerata la straordinaria necessità ed urgenza, ai fini del contenimento della spesa pubblica e della razionalizzazione della pubblica amministrazione, di attuare quanto prefigurato dall’articolo 23, comma 15, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 e dal citato articolo 17 del decreto-legge n. 95 del 2012 in ordine al nuovo ordinamento provinciale, anche al fine di ottemperare a quanto previsto dagli impegni assunti in sede europea, il cui rispetto è indispensabile, nell’attuale quadro di contenimento della spesa pubblica, per il conseguimento dei connessi obiettivi di stabilità e crescita”.

Le motivazioni addotte non reggono di fronte a semplicissime valutazioni:

a) Non vi è alcun contenimento della spesa pubblica, come lo stesso Governo ha più volte sottolineato nelle relazioni illustrative che accompagnano i decreti legge;

b) Non è pensabile introdurre con decretazione d’urgenza riforme ordinamentali;

c) Non si comprende quali siano gli “impegni assunti in sede europea” che impongono il decreto;

d) Non vengono indicati quali “obiettivi di stabilità e di crescita” verranno miracolosamente ottenuti con l’accorpamento delle Province.

E’ utile ricordare i pareri al riguardo di due illustri costituzionalisti, già Presidenti della Corte Costituzionale.

Sostiene il prof. Valerio Onida: “Quanto alla natura dell’atto legislativo che conclude il processo di riordino, ai sensi dell’art. 17, comma 4, il riferimento ad un “atto legislativo di iniziativa governativa” fa pensare ad un disegno di legge presentato dal Governo alle Camere. Non pare invece a chi scrive che possa trattarsi di un decreto legge (che peraltro non sarebbe un atto “di iniziativa governativa”, ma un atto legislativo del Governo). E ciò sia per ragioni di coerenza sistematica, poiché le variazioni alle circoscrizioni provinciali sono disposte con “leggi della Repubblica” ai sensi dell’art. 133, primo comma della Costituzione – riserva che pare debba intendersi come riserva di legge formale – , sia perché le ragioni straordinarie di urgenza che hanno giustificato l’avvio con decreto legge del processo di riordino sarebbero assai più difficilmente invocabili per concludere il medesimo una volta che si sia giunti alla formulazione delle proposte”.

E il prof. Piero Alberto Capotosti: “E’ da chiedersi se il ricorso alla decretazione di urgenza, nel caso in esame, sia conforme all’art. 77 della Costituzione, nell’attuale interpretazione della giurisprudenza costituzionale sulla permanente rilevanza dei presupposti di necessità ed urgenza. Il dubbio si fonda sulla circostanza che con l’art. 17 si introduce un’autentica riforma di sistema, la cui straordinaria necessità ed urgenza di attuazione è molto difficile da dimostrare.

Nella specie, non sembra infatti individuabile “la preesistenza di una situazione di fatto comportante la necessità e l’urgenza di provvedere, tramite l’utilizzazione di uno strumento eccezionale, quale il decreto legge”, la cui mancanza, secondo la giurisprudenza costituzionale, costituisce appunto un vizio di costituzionalità del decreto (Corte costituzionale, sentenza n. 93 del 2011); vizio che, una volta intervenuta la legge di conversione, comporta un’illegittimità in procedendo della relativa legge (sentenza n. 128 del 2008). Si deve peraltro trattare, per essere rilevante, di un difetto dei presupposti “evidente” (sentenza n.171 del 2007).

Ma come non ritenere “evidente” tale difetto, considerando che il decreto introduce addirittura un’autentica riforma di sistema in materia di rilevanza costituzionale e che il relativo procedimento, che prevede una serie di interventi di determinati soggetti, si dovrebbe concludere con “un atto legislativo di iniziativa governativa” che è solo futuro ed eventuale nonché da adottare, in via di principio, una volta esplicati tutti gli adempimenti dell’articolato procedimento previsto?

In definitiva – conclude il prof. Capotosti – , sussistono forti perplessità, sul piano dei vizi formali di legittimità costituzionale, che la disciplina de qua possa costituire oggetto di un decreto-legge”.

I CONTENUTI DEL DECRETO LEGGE

I punti essenziali sono:

a) Il numero delle province delle Regioni a statuto ordinario si ridurrà da n.86 a n.51 (ivi comprese le città metropolitane)

b) Dal 1° gennaio prossimo le giunte delle province italiane saranno soppresse e il Presidente potrà delegare l’esercizio di funzioni a non più di 3 Consiglieri provinciali;

c) Vige il divieto di cumulo di emolumenti per le cariche presso gli organi comunali e provinciali;

d) Sono aboliti degli Assessorati;

e) Gli organi politici devono avere sede esclusivamente nelle città capoluogo

f) Vengono dettate una serie di disposizioni transitorie e finali volte a regolare la fase dal 1° gennaio 2013 al 1° gennaio 2014, data di decorrenza degli effetti del riordino delle province e dell’istituzione delle città metropolitane

LA CONCERTAZIONE

Nella relazione illustrativa del decreto si legge:

“L’iter di riordino previsto dall’articolo 17 su indicato ha stabilito un percorso concertato con le autonomie locali nel rispetto del quadro costituzionale di riferimento e della leale collaborazione istituzionale. Le specifiche scelte volte a concretizzare il riordino dei singoli territori sono state demandate ai Consigli delle autonomie locali di ogni regione o ad analoghi organi di raccordo e alle regioni medesime”.

La realtà è ben diversa.

La concertazione con Regioni e autonomie locali è stata soltanto formale.

E’ sufficiente ricordare i ripetuti interventi sulla stampa del Ministro Patroni Griffi, di molto anteriori alla scadenza del termine fissato per la formulazione delle proposte di riordino da parte delle Regioni in cui affermava: “La nuova cartina delle Province italiane è agli ultimi ritocchi: arriverà con un decreto legge all’esame del primo Consiglio dei ministri di novembre. Una mappa che mette insieme le proposte che stanno arrivando in queste ore dalle Regioni. E che respinge le tante richieste di deroga, applicando senza sconti le regole fissate con la legge sulla spending review: le Province che hanno meno di 350 mila abitanti o un’estensione inferiore ai 2.500 chilometri quadrati dovranno essere accorpate con quelle vicine”.

Così puntualmente è avvenuto, dimostrando l’inutilità della procedura “concertativa”.

Questo atteggiamento è ancor più dimostrato dalle decisioni assunte per le Province del Lazio e della Calabria.

L’art. 17, comma 4, del decreto spending review prevede: “Se alla data di cui al primo periodo (23 ottobre 2012) una o più proposte di riordino delle regioni non sono pervenute al Governo, il provvedimento legislativo è assunto previo parere della Conferenza unificata, che si esprime entro dieci giorni esclusivamente in ordine al riordino delle province ubicate nei territori delle regioni medesime”.

Ebbene il Governo ha comunque disposto con decreto legge il “riordino” delle Province di Calabria e Lazio, senza ottemperare a quanto previsto dalla norma, dando semplicemente atto che: “All’esito della procedura non hanno avanzato alcuna proposta di riordino la Calabria e il Lazio; di conseguenza, per tali regioni occorrerà chiedere il parere in sede di Conferenza Unificata riguardo al riordino delle relative province”.

Non si poteva attendere l’acquisizione del parere prima dell’emanazione del decreto legge? Sussiste un’urgenza tale da non poter far trascorrere qulache giorno?

E’ evidente piuttosto che il Governo intendeva procedere prescindendo del tutto dalla volontà dei territori.

E così ha fatto.

Altrettanto incomprensibile la decisione di disporre nell’immediato il mutamento di circoscrizione provinciale di appartenenza di alcuni comuni limitatamente alla regione Puglia, per poi affermare nella relazione illustrativa che “in sede di conversione del presente decreto legge si terrà conto di ulteriori iniziative assunte da altri comuni ai sensi dell’articolo 133, primo comma, della Costituzione, sentite le Regioni interessate”.

Altre Regioni, tra cui il Veneto, avevano trasmesso le deliberazioni di Comuni, adottate conformemente a quanto previsto dagli art. 17 e 18 del decreto legge sulla spending review, riferite a Comuni facenti parte della Provincia di Venezia, destinata ad essere trasformata in Città metropolitana, ignorate dal Governo, forse per la fretta di provvedere.

Un esame più attento, più concertato, con qulache settimana in più di tempo, che gravi dissesti finanziari avrebbe determinato?

Se gli effetti del grande “riordino” si determinano dal 1° gennaio 2014, quale fretta c’era ad emanare un decreto legge non coordinato e condiviso?

LE CITTA’ METROPOLITANE

Ulteriore dimostrazione del totale dispregio delle Autonomie è data dalle decisioni sulle città metropolitane.

L’art. 18, comma 2, del decreto spending review prevede: “Il territorio della città metropolitana coincide con quello della provincia contestualmente soppressa, fermo restando il potere dei comuni interessati di deliberare, con atto del consiglio, l’adesione alla città metropolitana o, in alternativa, a una provincia limitrofa ai sensi dell’articolo 133, primo comma, della Costituzione”.

La legge dunque aveva chiaramente indicato una scelta: le città metropolitane dovevano coincidere con la provincia soppressa e ai comuni facenti parte dell’istituenda città metropolitana – a differenza di tutti gli altri Comuni cui tale facoltà era preclusa – era attribuita la facoltà di deliberare l’adesione alla città metropolitana e ad una provincia limitrofa, anche successivamente al 20 luglio, data di adozione della delibera del consiglio dei ministri che ha fissato i requisiti di superficie e popolazione delle nuove Province.

Scelta questa chiaramente confermata dall’art. 17, comma 1, dello stesso decreto legge 95/2012 allorchè ha escluso dal riordino le province che, pur non avendo i requisiti minimi, sono confinanti solo con province di regioni diverse da quella di appartenenza e con una delle province destinate a diventare città metropolitane.

Il caso evidente è quello della Provincia di La Spezia che, pur non avendo i requisiti minimi, è stata mantenuta in quanto la norma escludeva l’accorpamento con la città metropolitana di Genova.

Proprio sulla base di tali disposizioni di legge sono state formulate le ipotesi di riordino dei CAL e le proposte di riordino delle Regioni.

E soprattutto sulla base di tali considerazioni i Comuni hanno deliberato la loro volontà di aderire alla città metropolitana o ad una provincia limitrofa.

Niente di tutto questo.

Il decreto legge sul riordino smentisce tali disposizioni.

L’art. 5 dello schema di decreto legge sul riordino prevede infatti:

a) La Città metropolitana di Milano comprende altresì il territorio già appartenente alla Provincia di Monza e della Brianza;

b) la Città metropolitana di Firenze comprende altresì il territorio già appartenente alla Provincia di Prato e alla Provincia di Pistoia.

E il vincolo insuperabile che vietava l’accorpamento di Province con le nuove città metropolitane? Svanito nel nulla.

E’ questo il percorso concertato enunciato dal Governo con le Autonomie Locali, che cambia le regole in corsa, che smentisce le stesse norme che dovevano regolare le proposte di riordino?

IL CONSIGLIO METROPOLITANO

Continua il taglio degli organi rappresenattivi.

Adesso il nuovo decreto prevede che il consiglio metropolitano deve essere composto da non puiù di dieci componenti a prescindere dalla popolazione della città metropolitana.

Evidentemente il numero di sedici(!) previsti per le città metropolitane con popolazione superiore ai tre milioni di abitanti è parso eccessivo al Governo.

Ma quale rappresentanza democratica potrà essere assicurata in questo modo?

GLI ORGANI DELLE PROVINCE

Il decreto legge prevede che gli organi delle province e gli eventuali commissari nominati (per scadenza naturale del mandato, per scadenza del precedente commissariamento o per altri casi di cessazione anticipata del mandato) cessano il 31 dicembre 2013.

Per la giunta è prevista la soppressione a decorrere dal 1° gennaio 2013 e le relative competenze sono svolte dal presidente della provincia che può delegarle ad un numero di consiglieri non superiore a tre.

Tutto ciò a prescindere dalla data di scadenza naturale del mandato elettivo degli organi in carica.

Viene così di fatto, in assenza di esplicita abrogazione, superata la previsione dell’art. 23, comma 20 del decreto “salva Italia” che prevede: “Gli organi provinciali che devono essere rinnovati successivamente al 31 dicembre 2012 restano in carica fino alla scadenza naturale”.

Al riguardo va sempre ricordato che il comma 20 venne riformulato in sede di conversione in legge del D. L. 201/2011 che nella formulazione originaria prevedeva: “Con legge dello Stato è stabilito il termine decorso il quale gli organi in carica delle Province decadono”, a seguito di fondate obiezioni, anche da parte della Presidenza della Repubblica, sulla legittimità costituzionale della decadenza anticipata di organi democraticamente eletti.

Il disegno di legge sulle modalità di elezione di “secondo grado” degli organi delle Province, approvato dal Consiglio dei Ministri il 6 aprile 2012 è fermo in Commissione Parlamentare e non si è ancora avviato l’esame.

La Corte Costituzionale, chiamata a pronunciarsi nel giudizio di legittimità costituzionale degli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge della Regione Sardegna 1° luglio 2002, n. 10, recante “Adempimenti conseguenti alla istituzione di nuove province, norme sugli amministratori locali e modifiche alla legge regionale 2 gennaio 1997, n. 4”, promosso con ricorso del Presidente del Consiglio dei ministri, nella sentenza n. 48 del 10 febbraio 2003, accogliendo del ricorso del Governo, ha affermato principi chiarissimi al riguardo, su cui si fonda il principio della rappresentanza democratica.

Nella sentenza si legge:

“Tra i principi che si ricavano dalla stessa Costituzione vi è certamente quello per cui la durata in carica degli organi elettivi locali, fissata dalla legge, non è liberamente disponibile nei casi concreti.

Vi è un diritto degli enti elettivi e dei loro rappresentanti eletti al compimento del mandato conferito nelle elezioni, come aspetto essenziale della stessa struttura rappresentativa degli enti, che coinvolge anche i rispettivi corpi elettorali.

Un’abbreviazione di tale mandato può bensì verificarsi, nei casi previsti dalla legge, per l’impossibilità di funzionamento degli organi o per il venir meno dei presupposti di “governabilità” che la legge stabilisce (cfr. ad es. gli artt. 53 e 141, comma 1, lettere b e c, del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali approvato con il d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267), ovvero in ipotesi di gravi violazioni o di gravi situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica che la legge sanzioni con lo scioglimento delle assemblee (cfr. ad es. l’art. 141, comma 1, lettera a, e l’art. 143 del citato testo unico).

Tuttavia le ipotesi eccezionali di abbreviazione del mandato elettivo debbono essere preventivamente stabilite in via generale dal legislatore.

Tra di esse non è escluso che possa ricorrere anche il sopravvenire di modifiche territoriali che incidano significativamente sulla componente personale dell’ente, su cui si basa l’elezione: come, ad esempio, prevede per il caso degli organi comunali l’art. 8, quarto comma, lettera a, del d.P.R. 16 maggio 1960, n. 570 (non compreso nell’abrogazione espressa disposta dall’art. 274, comma 1, lettera e, del testo unico n. 267 del 2000), secondo cui si procede alla rinnovazione integrale del consiglio comunale quando, per effetto di una modificazione territoriale, si sia verificata una variazione di almeno un quarto della popolazione del Comune.

Ma, ancora una volta, una siffatta ipotesi dovrebbe essere prevista e disciplinata in via generale dalla legge, ovviamente sulla base di presupposti non irragionevoli.

In ogni caso, non può essere una legge provvedimento, disancorata da presupposti prestabiliti in via legislativa, a disporre della durata degli organi eletti.

Proprio questa, invece, è la portata della norma qui impugnata. Essa, nel prevedere che si proceda all’elezione degli organi delle nuove Province, stabilisce altresì che decadano di diritto quelli delle Province preesistenti, nel logico presupposto che non possa darsi una doppia contemporanea rappresentanza, nell’ambito di organi elettivi preesistenti e di organi di nuova elezione, delle popolazioni dei territori oggetto della variazione territoriale.

Tuttavia, tale previsione di abbreviazione del mandato degli organi delle Province preesistenti (eletti solo tre anni fa) non trova supporto in alcuna disciplina a carattere generale che la contempli e ne precisi i presupposti.

Ora, nella legislazione statale sulle Province l’ipotesi di una abbreviazione del mandato degli organi provinciali a seguito di variazioni territoriali non è contemplata (l’art. 8, quarto comma, lettera a, del d.P.R. n. 570 del 1960 si riferisce infatti ai soli consigli comunali): gli unici casi di scioglimento anticipato sono quelli previsti dai citati articoli 53, 141 e 143 del testo unico approvato con il d.lgs. n. 267 del 2000.

Tant’è che in tutti i provvedimenti legislativi con cui sono state istituite nuove Province fuori del territorio delle Regioni speciali, e in particolare in occasione della istituzione di otto nuove Province attuata ai sensi dell’art. 63 della legge 8 giugno 1990, n. 142, si è invariabilmente previsto che l’elezione dei nuovi consigli avesse luogo nel successivo turno generale delle consultazioni amministrative (pur mancando, all’epoca, ancora un triennio a tale data), cioè alla scadenza naturale dei consigli preesistenti, salva l’ipotesi di scioglimento anticipato di questi ultimi per altra causa (cfr. l’art. 3, comma 2, dei decreti legislativi 6 marzo 1992, nn. 248, 249, 250, 251, 252, 253, 254, e del d.lgs. 30 aprile 1992, n. 277).

La norma impugnata, intervenendo solo sull’elezione, in questa unica occasione, degli organi delle nuove Province e di quelle preesistenti – dunque con la tecnica della legge provvedimento -, dispone invece che tale elezione avvenga anticipando “di diritto” il termine del mandato degli organi già eletti: con ciò ponendosi in contraddizione con i principi che si sono sopra delineati circa le garanzie costituzionali del mandato degli organi elettivi locali”.

Non credo sia necessario aggiungere altre considerazioni rispetto all’inequivocabile motivazione della Corte Costituzionale.

LA SOPPRESSIONE IMMEDIATA DELLE GIUNTE PROVINCIALI

Nella foga di tagliare ogni rappresentanza e ogni organo di governo locale, il decreto legge dispone la soppressione delle Giunte Provinciali già dal 1° gennaio 2013.

Norma incomprensibile, tanto più se si tiene conto della complessità delle procedure di riordino.

Come ha dichiarato il Presidente della Provincia di Torino: “La decisione del Governo di cancellare le giunte delle Province nel decreto sul riordino è frutto di una visione autoritaria che lede gli organismi di democrazia locale. Una volta che si comprende l’importanza di queste istituzioni nel sistema di governo del Paese, e si assegnano funzioni determinanti per l’amministrazione dei territori, non ha senso cancellare le giunte che sono chiamate a sostenere proprio queste funzioni. Sarebbe come dire che il Paese non ha bisogno di un Consiglio dei Ministri, che non servono le Giunte regionali o quelle comunali. Chiediamo al garante della Costituzione, il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, che venga garantito anche alle Province il rispetto dovuto a tutti gli organi dello Stato”.

Si tratta ancora una volta di una norma ordinamentale, di grandissimo impatto organizzativo su un Ente costituzionalmente garantito, introdotta con decretazione d’urgenza del tutto privo dei presupposti di legittimità, di ragionevolezza, di necessità ed urgenza.

LE FUNZIONI DELLE PROVINCE

Non appagato dalla confusione istituzionale che determinerà il “riordino”, l’art. 4 del decreto legge prevede: “Nelle materie di cui all’articolo 117, commi terzo e quarto, della Costituzione, le regioni con propria legge trasferiscono ai comuni le funzioni già conferite alle province dalla normativa vigente salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, tali funzioni siano acquisite dalle regioni medesime. In caso di trasferimento delle funzioni ai sensi del primo periodo, sono altresì trasferite le risorse umane, finanziarie e strumentali. Nelle more di quanto previsto dal primo periodo le funzioni restano conferite alle province”.

In dispregio ancora una volta delle Autonomie, in palese contraddizione con la stessa scelta di mantenere un livello intermedio di amministrazione tanto da far affermare al Governo nella relazione illustrativa che: “La riforma delle Province, nel suo complesso, dà attuazione al Titolo V, Parte II, della Costituzione, rendendo la loro dimensione territoriale più adeguata alla particolare connotazione quale ente di area vasta”, con decreto legge si viola palesemente l’art. 118 della Costituzione.

Lo stesso Governo nel comunicato stampa afferma: “La riforma si ispira ai modelli di governo europei. In tutti i principali Paesi Ue, infatti, ci sono tre livelli di governo. Il provvedimento consente inoltre una razionalizzazione delle competenze”.

Nei fatti, il Governo pretende di imporre alle Regioni, anche nelle materie di competenza regionale, di attribuire ai Comuni o di acquisire tutte le funzioni amministrative, senza alcuna possibile valutazione di merito sull’ambito ottimale di gestione delle funzioni sovracomunali.

Così contemporaneamente si violano i principi costituzionali che vedono nella Regione un Ente con potestà legislativa e Comuni, Province e Città metropolitane, come enti titolari di funzioni amministrative proprie e conferite con legge statale o regionale secondo le rispettive competenze (art. 118, comma 2, Costituzione).

Non è tollerabile che si pretenda di riformare il nostro ordinamento con proclami, atti di forza e violazione dei principi costituzionali, quando appare necessario un percorso di riforme condivise, non conflittuali, che riportino fiducia nelle Istituzioni.

Né si può pensare di cogliere la triste e deprecabile occasione fornita dai recenti scandali per accelerare riforme che – come prefigurate – non produrranno alcun beneficio.

Bisogna innanzitutto delimitare gli spazi d’azione della Pubblica Amministrazione, semplificare e disboscare tutti quegli ambiti di intervento nei quali non ha senso né utilità l’intervento pubblico come oggi esistente, che può rappresentare soltanto un appesantimento di procedure e costi senza benefici.

Quindi va individuato l’ambito territoriale ottimale e il livello di governo migliore per l’esercizio delle funzioni, individuando con chiarezza ed univocità chi fa cosa, per chiarezza, semplificazione ed individuazione certa delle responsabilità.

Un adeguato ed efficace sistema di controlli garantisce la correttezza della gestione.

Il nostro ordinamento è ancora basato su un sitema costituzionale?

SUCCESSIONE DELLE PROVINCE

L’art. 6 del decreto legge prevede che ogni nuova provincia, derivante dagli accorpamenti, succede a quelle ad essa pre-esistenti in tutti i rapporti giuridici e ad ogni altro effetto, anche processuale.

Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, adottato sentita l’Unione delle province d’Italia (UPI) e previa intesa in sede di Conferenza Stato città ed autonomie locali, possono essere fissati criteri e modalità operative uniformi per la regolazione in sede amministrativa degli effetti della successione, anche con riguardo alla gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali.

Il passaggio dei dipendenti di ruolo delle province pre-esistenti a quelle nuove avviene nel rispetto della disciplina prevista dall’articolo 31 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Decorsi trenta giorni dall’avvio dell’esame congiunto con le organizzazioni sindacali rappresentative del settore interessato, in assenza dell’individuazione di criteri e modalità condivisi, le nuove province adottano gli atti necessari per il passaggio di ruolo dei dipendenti. Le relative dotazioni organiche saranno rideterminate tenendo conto dell’effettivo fabbisogno. Per i restanti rapporti di lavoro in essere nelle province pre-esistenti le nuove province istituite subentrano nella titolarità dei rapporti fino alla prevista scadenza.

Entro il 30 aprile 2013 le province oggetto di riordino devono procedere alla ricognizione dei dati contabili ed economico-finanziari, del patrimonio mobiliare, incluse le partecipazioni, e immobiliare, delle dotazioni organiche, dei rapporti di lavoro e di ogni altro dato utile ai fini dell’amministrazione, a decorrere dal 1° gennaio 2014, delle nuove province istituite o aventi circoscrizione modificata. I risultati di tali adempimenti sono trasmessi, entro il medesimo termine, al prefetto della Provincia in cui ha sede il comune capoluogo di Regione. Decorso inutilmente il predetto termine, il prefetto, previa diffida ad adempiere nel termine di venti giorni dalla notifica della diffida medesima, nomina un proprio commissario che provvede in via sostitutiva.

Limitatamente all’anno 2013, le province soggette a riordino devono approvare il bilancio di previsione improrogabilmente entro il 30 maggio 2013 e per le medesime non trova applicazione l’eventuale differimento del termine. Decorso inutilmente il predetto termine, il prefetto, previa diffida ad adempiere nel termine di venti giorni dalla notifica, nomina un proprio commissario che provvede in via sostitutiva.

Entro due mesi dall’insediamento dei nuovi organi le province “riordinate” adottano il bilancio e le misure necessarie a garantire la piena operatività con riferimento all’esercizio delle funzioni attribuite.

La data delle elezioni per la costituzione degli organi delle province e delle città metropolitane è fissata dal Ministro dell’interno in una domenica compresa tra il 1° e il 30 novembre dell’anno 2013.

CONCLUSIONI

Una breve considerazione.

Il segno tangibile dell’approfondimento e del rispetto dei territori che emerge da questo decreto legge appare in tutta la sua chiarezza dalla conferenza stampa di presentazione.

I Ministri dell’Interno e della Pubblica Amministrazione presentano una mappa delle nuove Province, probabilmente rimaneggiata pochi istanti prima, che cancella alcuni confini provinciali con l’ausilio della scolorina o di bianchetto, a testimoniare quanta riflessione e quanto approfondimento vi siano a supporto di una riforma che modifica l’assetto territoriale, secoli di storia e l’ordinamento costituzionale.

Si gioca a risiko!


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl profilo usurato della buona fede e la necessità di ulteriori garanzie
Articolo successivoRisparmio, missione impossibile per 7 Italiani su 10

8 COMMENTI

  1. Sottopongo all’attenzione di tutti una riforma semplice semplice, che forse consentirebbe dei risparmi notevoli.

    Lasciando immutato il numero e le competenze delle provincie:
    A) stabilire che i componenti dei consigli provinciali siano soltanto i sindaci e vicesindaci dei relativi comuni e Presidente sia il sindaco del comune capoluogo di provincia;
    B) eliminare ogni emolumento legato allo status di consigliere e presidente provinciale;
    C) soprattutto, eliminare del tutto i gettoni di presenza per presidente e consiglieri di TUTTI gli enti locali (per evitare tentazioni di decidere le questioni in più sedute= più gettoni del necessario.

  2. […] che dell’autonomia è il presupposto logico. Inoltre, l’ ha indicato come sempre brillantemente Carlo Rapicavoli, è precluso alla decretazione legislativa d’urgenza intervenire in materia costituzionale (art. […]

  3. il ministro secondo la mia modesta idea ha finalmente colpito giusto. le provincie vanno abbolite tutte solo così le pesone furbe non potranno più rubare i soldi dei cittadini. basta ruberie .oltre 3 milioni di cittadini fratelli amici sono senza lavoro ..beee! ora tocca hai furbi andare a spasso. deve finire questo ruba ruba. bravo ministro.

  4. […] va avanti da giorni contro il Governo che all’ultimo Consiglio dei Ministri del 31 ottobre, oltre alla riduzione del numero delle Province, aveva anche deciso tagli consistenti per i fondi destinati all’assistenza domiciliare dei […]

  5. Ho sempre meno speranze in merito alla bocciatura di questo grandissimo “pasticcio”. Da una parte il governo sembra sicurissimo di se, quindi come se non considerasse nemmeno l’ipotesi della bocciatura della Consulta, tra pochissimi giorni il pronunciamento. Una fretta assolutamente inconcepibile, cancellare 150 anni di storia in pochi mesi. Assurdo!!! Forse lìunico ente che si poteva riformare “in senso buono” erano proprio le province. Se quelle che resteranno saranno svuotate di contenuti, funzioni e organi democraticamente eletti a cosa serviranno??? Penso pure che sia stata spianata la strada per l’abolizione totale, intanto un passo è stato fatto, pian piano si arriverà al successivo???Chissà. Sicuramente e personalmente non vedo un solo punto a favore di questo riordino, forse si poteva discutere su alcune micro-province, sorte soprattutto negli ultimi anni ma anche quà, andava fatta una seria valutazione perchè i territori non sono tutti uguali e certo che potrebbe esistere una provincia con 100.000 abitanti che ha più difficoltà da molti punti di vista che rispetto ad una di 500.000, per dire. Come si fà a dire togliamo quelle sotto i parametri…e i parametri tengono conto di cosa? Purtroppo queste norme sono state varate senza un opposizione forte da parte dei territori, della gente e degli enti interessati e non. La gente, con questa grave crisi e questi scandali è diventata inerme, se gli dici togliamo il Parlamento ti risponderanno probabilmente di si, eppure sappiamo bene che è un organo importante per la vita democratica di una Repubblica. Era un banalissimo esempio per far capire che sulle province è stato buttato fumo negli occhi. Sicuramente, se andrà in porto il tutto, non ci saranno risparmi e probabilmente ci saranno costi maggiori e disagi inauditi, per il personale (di cui nessuno ha tenuto conto in un alone di vergnogna senza fine) e per i servizi erogati. Ci sono paesi che avevano il riferimento nel capoluogo di provincia prima ancora che in quello di regione, adesso, con molti accorpamenti, gli converrà andare direttamente a Roma, anche per lamentare una buca su una strada provinciale. Credo che non si ridisegna così un assetto istituzionale di un Paese. Non sono un esperto ma un semplice cittadino. Spero che la Corte Costituzionale rigetti tutto, perchè è tutto da rifare. Se ciò non avvenisse, tra qualche anno qualcuno forse si renderà conto del gran pasticcio fatto, chissà se si potrà tornare indietro, chissà quanti costi ci saranno, chissà chissà chissà. Mi chiedo pure una cosa: se un dipendente è stato assunto perchè ha fatto un concorso pubblico specifico, è per quella funzione passerà al comune, esempio, magari snaturando la professionaloità e tutto il resto…si sentirà motivato? Avrà modo di fare un ricorso anche lui? E chi ha contratto un mutuo in una città dove lavorava e adesso dovrà fare 100 km in più oper recarsi al lavoro nella nuova sede, nessuno ci ha pensato? Possibile che sui 60.000 o più dipendenti delle province non ho sentito una sola parola di difesa e di concertazione vera, autentica e certa?

  6. Taglio delle province. Indipendentemente da cosa si pensa sul futuro delle province, hanno torto coloro che parlano di colpo di stato? In fondo siamo in una situazione di sospensione di diritti costituzonali e dei contenuti di leggi fondamentali come la Carta Europea dell’autonomia locale (L. 439/89 – leggete solo gli articoli 1-2-3-4-5!!!!), il Testo Unico degli Enti Locali (dlgs 267/2000 – emanato dal Presidente della Repubblica come legge alla quale “ai sensi dell’art. 128 della Costituzione delle leggi della Repubblica non possono introdurre deroghe al presente testo unico se non mediante espressa modificazone delle sue disposizoni, avvenute in questo caso in forma contradditoria, solo in piccola parte e perdippiù tramite decreto e non con legge”) e alla leggi regionali in materia di variazione delle circoscrizioni provinciali, come la Legge Regionale del veneto 25/92 (artt. 15 e 16, mai fatti valere da chi urla spesso paroni a casa nostra, ma poi addirittura quando ha una propria legge a disposizione, non fa valere con più forza i propri diritti). Un obbrobrio che in altre situazioni farebbe ridere, ma che il governo presenta lo stesso, forse perchè conta di poter essere impunito da un parlamento costituito da parlamentari che potrebbero votare (speriamo di no, grazie ad un sussulto della loro dignità in linea con i principi dell’art. 54 della Costituzione) sostanzialmente ogni cosa che viene loro presentata, legittima o no!!!
    Avranno torto coloro che gridano al colpo di stato se il Presidente della Repubblica, la Corte Costituzionale e magari anche il TAR del lazio, difenderanno la Costituzione. Possibilità poco considerata da esperti di cose romane, ma alla quale io credo ancora. Brusco Bguglielmo – Vice Presidente della provincia di Rovigo

  7. sono completamente d’accrodo con l’articolo e devo dire anche con il primo commento, infatti non vedo tutta l’ugenza di fare con decreto legge una rifoma di tale portata… come tante altre riforme per decreto che poi per entrare in vigore hanno bisogno di molti decreti attuativi pareri ecc… e l’urgenza va a farsi benedire.

  8. Non sarebbe stato più giusto e corretto attendere la sentenza del 6 novembre prossimo della Corte Costituzionale sulle Province prima del pronunciamento del Consiglio dei Ministri in merito? Perchè tutta questa fretta? Come mai tutta questa sicurezza del Ministro Patroni Griffi, ex Presidente di sezione di Consiglio di Stato, nel definire il processo di riordino delle Province “irreversibile”, proprio alla vigilia del pronunciamento della Consulta? Certo che se la Corte Costituzionale dovesse accogliere il 6 novembre i ricorsi di alcune Regioni italiane (stranamente non presentato dalla “mia” Regione Puglia, che tra l’altro non ha nemmeno mai insediato il CAL) contro il provvedimento governativo palesemente incostituzionale sulle Province, se la Corte Costituzionale è davvero un Organo istituzionale neutro e non politicizzato (almeno possiamo avere fiducia nella giustizia, visto che nella politica la fiducia è stata persa), io penso che qualcuno al Governo (e alla Regione Puglia che ha deciso di non decidere sul riordino delle Province pugliesi) debba togliere il disturbo!
    In fondo la credibilità nelle istituzioni tra la gente, anche all’estero, si conquista innanzitutto nel rispetto dei principi dettati dalla nostra Carta Costituzionale: nella circostanza, palesemente violati nella parte che riguarda le Province italiane per le quali, per tanto tempo, certa stampa asservita e certi politici ci hanno fatto credere, erroneamente e con demagogia, che fossero la causa di tutti i mali morali ed economici dell’Italia.
    Province italiane, invece, che sono storiche e antiche proprio come l’unità d’Italia e che rappresentano un importante volano di sviluppo e di crescita economica per territori di medio-piccole dimensioni proprio come il nostro, nonché specchio delle diverse identità territoriali e culturali del nostro Paese.
    E poi, siamo proprio sicuri che il processo di riodino delle Province approntato da questo Governo contribuisca in maniera significativa a risolvere la crisi economica dell’Italia e non piuttosto a complicarla ed aggravarla con la creazione di veri e propri “mostri” giuridici e istituzionali? Difatti questo progetto di riordino istituzionale che riguarda le Province italiane, oltre ad alimentare tra le comunità interessate antiche rivalità campanilistiche, mai sopite nel tempo, e nuove tensioni sociali tra quelle popolazioni, di cui non abbiamo proprio bisogno in questo particolare momento, creerà anche inevitabili disagi e gravi penalizzazioni, chissà per quanto tempo, dovuti al trasferimento obbligato di sedi ed uffici periferici provinciali e statali, nonchè al passaggio di competenze e funzioni, da un territorio all’altro con migliaia di lavoratori, che nelle Province da accorpare attualmente ci lavorano, costretti a mobilità coatte o, peggio ancora, ad essere licenziati, oltre a generare confusione e danni anche di tipo economico nei cittadini amministrati, sballottati tra uffici e sedi distribuiti tra Province accorpate e Province accorpanti, tra nuovi e vecchi capoluoghi. Ad esempio penso a tutto il personale della Scuola dei territori interessati al “riordino” costretti a cambiare competenza territoriale per trasferimenti, graduatorie, nomine, stipendi, pensioni, ecc. ecc. Ma il disagio riguarderà anche altre categorie di lavoratori. Insomma un gran pasticcio… E chi pagherà per questo pasticcio? Noi poveri cittadini, come al solito…
    Prof. Vincenzo Piccialli
    Trani (orgogliosamente ancora Bt)

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here