E’ operativa da oggi la riforma del processo civile introdotta dal DL Sviluppo (DL 22 giugno 2012 n. 83 convertito dalla legge 7 agosto 2012 n.134).

Tra le novità, il filtro all’appello delle sentenze  (modificati gli articoli 342, 345, 348, 360, 383, 436, 434, 447-bis e 702-quater del codice di procedura civile) e la nuova Legge Pinto contro i processi-lumaca (modificata la legge 24 marzo 2001 n. 89).

La legge di conversione é entrata in vigore lo scorso 12 agosto, ma le novità relative al processo civile trovano applicazione alle sentenze depositate (quelle da appellare) ed ai ricorsi protocollati (quelli in materia di legge Pinto) “a decorrere dal trentesimo giorno successivo a quello di entrata in vigore della legge“, quindi a decorrere dall’11 settembre.

Qui lo Speciale Decreto Sviluppo.


CONDIVIDI
Articolo precedenteEsame avvocato 2012: quali materie per la prova orale?
Articolo successivoSenato federale nel nome, ma non nella sostanza

1 COOMENTO

  1. Salve a seguito di un decreto di perenzione 2012 del TAR del Lazio ho inviato la documentazione per avvalermi del risarcimento previsto dalla Legge Pinto, il 22 aprile 2013 allo Studio Legale per mi seguiva un ricorso amministrativo del 1996.
    Per quanto sopra e inconsiderazione che la legge Pinto è stata aggiornata ed è entrata in vigore il 11 settembre 2012, gradirei sapere quali possibilità ho che mi venga riconosciuto l’indennizzo e soprattutto con quale tempistica.
    Cordiali saluti
    Giacobbe Lioi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here