Arrivano le”scuse dovute” di Manganelli e il rammarico della Cancellieri per le violenze al G8.

Arrivano ora, dopo undici anni e dopo il giudicato penale. La sentenza della Cassazione prevede l’interdizione dai pubblici uffici di Franco Gratteri, capo della direzione centrale anticrimine, Gilberto Caldarozzi, capo dello servizio centrale operativo, Giovanni Luperi, capo del dipartimento analisi dell’Aisi, l’ex Sisde e altri funzionari della Polizia di Stato.

Un prezzo “altissimo“, dice la ministra Cancellieri, perché “perdiamo alcuni nostri uomini migliori”. Che vuole dire? Vuole dire che era meglio lasciarli tranquilli? Non basta l’impunità dell’indulto e il salvataggio della prescrizione?


Dopo undici anni, i macellai se la ridono per la prescrizione e i bugiardi vanno in vacanza. E i politici? Nessuno li può giudicare, neanche il popolo. Ma il politico non doveva dare l’indirizzo? Non doveva controllare? Dov’era? Traccheggiava? Guardava dal buco della serratura?

Eppure sono tutti contenti: “Finalmente giustizia“, gridano i mass media, e la gente ci crede. Anch’io in buona fede ho creduto per qualche momento che la freccia della legge si fosse mossa contraddicendo Zenone. Ma dopo qualche momento ho capito che la vacanza per i bugiardi e la grazia per i macellai è storia incisa sul marmo. E la freccia non raggiunge il bersaglio.

Noi ometti continuiamo a sperare che dietro ai fatti non si nasconda la menzogna e che le leggi della città vedano la persona e i suoi diritti. Che notte, quella notte, al Diaz. Una notte di dolore che duole alla democrazia e agli innocenti profanati da uno stato che tortura. E per favore, non si parli di violenza animalesca: “l’uomo è l’unico animale che fa soffrire gli altri al solo scopo di farli soffrire. Gli altri animali fanno ciò unicamente per soddisfare la loro fame o nel furore della lotta”. Perciò, “verrebbe da dire che gli uomini sono i diavoli sulla terra e le bestie le anime torturate”. Ne so qualcosa anch’io. Perdona e dimentica d’aver perdonato? Forse, perché chi ricorda è perduto. Ma la storia del G8 non va dimenticata.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteSpending review e giustizia: la parola agli avvocati
Articolo successivoSpending review, il testo in Gazzetta Ufficiale

2 COMMENTI

  1. Gratteri come Falcone… Chi ha condannato lui, ci ha condannati tutti!
    Una sentenza che sconvolge quanti credevano ancora nella giustizia e nella magistratura: condannare uomini di cosi alto spessore – che hanno sempre lavorato con onestà, passione e profondo senso del dovere, per garantire sicurezza alla collettività, compiendo imprese epiche per assicurare a noi tutti un’Italia migliore – è voler distruggere quanto di più positivo avevamo. Il G8 di Genova è stato una pagina nera della nostra storia, sicuramente qualcuno ha perso la testa, molti hanno sbagliato, ma perchè far pagare agli innocenti pene cosi alte? Ma cosa siamo diventati? Pagano sempre le persone perbene in questo paese corrotto! Per quanto mi riguarda, riconoscerò solo e sempre un unico, grande superpoliziotto: Franco Gratteri. Come Giovanni Falcone, un galantuomo, servitore incompreso di uno stato maledetto!

  2. Già è veramente assurdo che un “uomo” per capire che ha sbagliato debba aspettare la sentenza di appello di un giudice. Intuizione? Deduzione? Io non voglio giudicare le forze di polizia, se lo facessi sarei spietato e sarebbe come bagnarsi sotto la pioggia, vorrei giudicare Manganelli come uomo, e come uno è così piccolo che l’occhio lo perde all’orizzonte.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here