Stavolta non ci sono stati rinvii: la Commissione di Vigilanza, chiamata a riunirsi stamattina alle 9 ha sciolto il nodo del Cda Rai. Gli aut-aut sul ricorso a un commissario in caso di prolungamento dello stallo, espressi anche dal presidente del Consiglio Mario Monti, oltre ai leader di Pd e Terzo Polo Bersani e Casini, hanno convinto le forze politiche a trovare la quadra.

Questi, dunque, i membri del nuovo Cda della Rai: Antonio Pilati, Antonio Verro, Maria Luisa Todini, Guglielmo Rositani tutti con cinque voti, da parte di Pdl e Lega; Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi con cinque voti, indicati dal Pd; Rodolfo De Laurentiis, con cinque voti, per il Terzo Polo. Al loro fianco, si siederanno, poi, Marco Pinto su indicazione del ministero dell’Economia, e il presidente designato Anna Maria Tarantola, che vede, dunque, avvicinarsi l’insediamento a viale Mazzini.

Resta sullo sfondo, però, l’apice dello scontro politico che ha preceduto queste nomine: l’incidente istituzionale di ieri tra Fini e Schifani (seconda e terza carica dello Stato), in seguito alla rimozione, da parte di quest’ultimo, del “candidato” dissidente Paolo Amato, poi allontanato anche dal Pdl. Il Partito fondato da Berlusconi, comunque, porta a casa una vittoria  indiscutibile: maggioranza assoluta in Consiglio di amminstrazione, con quattro dei sette eletti espressi insieme all’antico alleato Lega nord, con cui pare sia tornato un certo feeling.


CONDIVIDI
Articolo precedenteScuola Diaz, oggi la sentenza definitiva della Cassazione
Articolo successivoComune in dissesto finanziario, è giustificato il recesso anticipato dal contratto di locazione

1 COOMENTO

  1. monti vi ha fregati non cantate vittoria ride bene chi ride ultimo. se non vi opporrete avrà conquiatato anche la rai.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here