Il Governo è stato battuto oggi in due diversi emendamenti all’interno di provvedimenti particolarmente significativi: il ddl anticorruzione e le iniziative di spending review. In entrambi i casi, galeotti  sono stati gli emendamenti presentati dal Pd.

Sul ddl anticorruzione attualmente in discussione alla Camera, il governo è finito sotto per soli quattro voti, su un emendamento inizialmente presentato dal Pd, poi ritirato, ma che è stato fatto proprio dall’Idv. La norma prevede che “l’omissione del versamento del compenso da parte del dipendente pubblico indebito percettore costituisce ipotesi di responsabilità erariale soggetta alla giurisdizione della Corte dei conti”. I sì sono stati 237, i no 233. Il governo e i relatori avevano dato parere negativo.

Sullo spending review, invece, il governo è stato battuto in commissione Bilancio e Finanze, al Senato, su un emendamento anche questo presentato dal Pd.


CONDIVIDI
Articolo precedenteGiudizio commissione esame avvocato, la Cassazione conferma il sindacato del Tar
Articolo successivoYouTube non è un editore

1 COOMENTO

  1. Il dato importante è che hanno votato 470 deputati su 630. Gli altri dove erano, al bar?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here