Nella seduta odierna la Camera ha approvato il testo unificato delle proposte di legge concernente Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza e i controlli dei rendiconti dei medesimi. Delega al Governo per l’adozione di un testo unico delle leggi concernenti il finanziamento dei partiti e movimenti politici e per l’armonizzazione del regime relativo alle detrazioni fiscali (Qui il testo).

I voti a favore sono stati 291, 78 quelli contrari, 17 gli astenuti.

Viene dunque finalmente dimezzato il finanziamento pubblico ai partiti. Nella seduta odierna è stato approvato anche l’emendamento del Pd alla riforma dei partiti che prevede la pubblicazione online dei redditi e della situazione patrimoniale dei tesorieri.


Approvato anche un altro emendamento che vieta «di investire la propria liquidità derivante dalla disponibilità di risorse pubbliche in strumenti finanziari diversi da titoli emessi da Stati membri dell’Ue». In altre parole, i partiti possono dire addio agli investimenti in diamanti e lingotti.

Passa infine anche l’emendamento che pone limiti di spesa massimi per le campagne elettorali per le amministrative.

Il provvedimento passa ora all’esame del Senato.


CONDIVIDI
Articolo precedenteUE: libero di circolare, ma se sbagli, torni a casa!
Articolo successivoIl terremoto in Emilia Romagna, è “Stato” di emergenza

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here